Libri

“I am Fallen”

513aM+9KD4L._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Raffaele si mise a letto. Si distese accanto a lui, le ali che scivolavano oltre il bordo del materasso. Lucifero lo circondò con un braccio, le lunghe dita che vagavano sulle sue spalle nude. Quel gesto disse qualcosa a Jacob. I due erano amanti, nonostante Lucifero avesse affermato di non aver toccato l’altro neppure una volta. Era appena successo? Avevano infine consumato il loro amore proibito? Quali conseguenze vi sarebbero state? Jacob non osava immaginarlo. La mano di Lucifero gli accarezzò i capelli. Si sentì scivolare via e presto si addormentò. Lucifero guardava Raffaele da sopra il capo addormentato di Jacob. «Cosa dirai a Dio, quando ti metterà di fronte a quanto accaduto sulla spiaggia?» Raffaele sembrò riflettere sulla cosa. Si mise sulla schiena a fissare il soffitto. «Che ti stavo mostrando il mio amore.» «E mi ami ancora? A dispetto di tutto?» Occhi verde-oro incontrarono i suoi. «Fino alla fine dei tempi.» Lacrime di ghiaccio pungolavano i suoi occhi aridi. «Allora perché non me l’hai mai detto?» «Perché sono ancora il codardo che ti ha rinnegato due volte.» Lucifero si allungò sopra Jacob per sfiorare la guancia di porcellana di Raffaele. Senza una parola, quest’ultimo si avvicinò. Le loro labbra si incontrarono; Lucifero assaporò vaniglia e un succulento frutto. Era preda di quel desiderio ossessivo che gli ruggiva dentro da sempre. Impiegò tutto se stesso per non scavalcare Jacob e raggiungere il proprio obiettivo. Solo quando sollevò la testa, vide che l’uomo era sveglio e li guardava. Gli posò un bacio sulla tempia, sorrise con gentilezza. Jacob era ebbro di morfina, le pupille ridotte a due fessure. Lo accarezzò e il desiderio nel suo tocco era inequivocabile. Lucifero era combattuto. Lanciò uno sguardo a Raffaele, prima di piegare la testa e baciare Jacob.

I am Fallen, Scarlet Blackwell, Triskell, traduzione di Carolina Gaetano. Di fronte alla morte, in fondo, siamo tutti soli. Anche se circondati dall’amore dei nostri cari. Perché il passaggio, in quel momento, riguarda in prima persona solo noi, e nessun altro, anche se certo, per chi rimane, resta da elaborare il lutto, il senso della perdita, la rassegnazione a lasciar andare chi si ama, la consapevolezza che nulla, ma del resto è così la natura umana, intimamente connessa all’idea stessa fondativa della caducità ineluttabile, potrà mai più essere come prima. E non c’è nulla che spaventi più dell’interruzione della rassicurante sequela di abitudini. Per Jacob però la situazione è ancora più complessa: di sua spontanea volontà si è recato in Scozia, lontano da chiunque, a morire, ha perso l’amore della sua vita e si sta lasciando andare. Ma ecco che un angelo appare e… Intenso ed emozionante.

Standard
Libri

“Lezioni di disegno dal vivo”

41Pjj7MkUvL._AC_US218_di Gabriele Ottaviani

Non c’era acqua calda quando Ryan tornò a casa, ma la doccia fredda non gli dispiacque. Era sudato e sporco, e oltretutto era a disagio per la conversazione avuta a colazione. Harley gli piaceva; non c’era niente in quell’uomo che potesse non piacergli. Era generoso, premuroso e stare con lui era divertente. Ma era anche bisessuale e gli aveva confessato di essere in una fase gay in quel momento. Ciò lo innervosiva. Come poteva essere altrimenti? Era ovvio che Harley avesse dei progetti per lui. Tutto quel tempo per finire il dipinto, gli inviti a mangiare, a rimanere a dormire, le scarpe nuove e il noncriticare-il-sesso-gay-fino-a-quando-non-l’hai-provato. Come era possibile che non avesse progetti per lui? Non che li avesse palesati. Non aveva ancora fatto niente di inappropriato, per quel che ne sapeva lui, ma forse stava solo aspettando il momento giusto.

Lezioni di disegno dal vivo, Scarlet Blackwell, Triskell, traduzione di Valentina Chioma. Ryan è eterosessuale, ma con i principi non si pagano le bollette. Per questo in passato ha accettato di posare vestito solo della sua epidermide per una rivista per soli adulti. Uomini. Quando però si è trattato di passare al livello successivo, il gay for pay, ossia fare del vero e proprio sesso con altri maschi, per giunta davanti a una macchina da presa, ha rifiutato. Il che non gli ha impedito qualche occasionale incursione nella prostituzione: quando alcune signore che accompagnava gli hanno chiesto di alleviare in modo ulteriore la solitudine che le attanagliava, non ha potuto, saputo o voluto dire di no. Ora fa il modello. Di nudo. Per Harley. Che ama le sfide. E prova interesse per lui. E… Piacevole e facile a leggersi, intrigante e coinvolgente.

Standard
Libri

“Wildcat”

51qnEJ7NjYL._AC_US218_di Gabriele Ottaviani

Tuttavia scivolò lungo il corpo dell’uomo in esplorazione, prendendosi il suo tempo, baciando, succhiando e leccando, assaporando la pelle e respirando l’odore virile del suo amante. Era così diverso. Kade non era tutto pelle soffice e cedevole e fiori profumati. Era muscolo solido e snello, e mascolinità eccitante. Tuttavia non era tanto differente da una donna quando si trattava di capezzoli. Gli piaceva un tocco rapido con la lingua rigida, prima di farseli succhiare e mordicchiare gentilmente. Sì, gli piaceva molto e a lui piaceva la sensazione dei piccoli punti di carne sotto la lingua. Raggiunse l’addome, e la punta dell’erezione del suo amante gli sfiorò la guancia mentre baciava la linea di peli che scendeva fino al suo inguine. Lentamente accarezzò il sesso inturgidito mentre succhiava a bocca aperta il suo interno coscia. Kade spalancò le gambe, gemendo piano.

Wildcat, Scarlet Blackwell, Triskell. Traduzione di Valentina Chioma. Dexter è americano. È una star televisiva. La sua carriera però ormai sta andando a rotoli. È per gli scandali che è sulla bocca di tutti, non certo per i trionfi. Il successo vero, serio e solido non gli arride più da tempo. Ha ancora un’opportunità, una sola. La sua ultima spiaggia non è la partecipazione a un reality, bensì un documentario. In Scozia. In mezzo ai boschi. Alla ricerca di un gatto selvatico. Da solo. Con Kade. Un cameraman. Bellissimo. Sexy. Malizioso. Dichiaratamente gay. Mentre Dexter è eterosessuale. Almeno questo è ciò che dice, crede, fa credere… Erotico, esplicitissimo, semplice, lineare, intenso, si legge in un baleno ma le sensazioni che lascia in eredità al lettore persistono lungamente.

Standard