Libri

“La cura dello sguardo”

di Gabriele Ottaviani

Nel paese si sente l’odore del vuoto…

La cura dello sguardo – Nuova farmacia poetica, Franco Arminio, Bompiani. La bellezza salva il mondo. La bellezza è necessaria. La bellezza cura. La bellezza passa attraverso il paesaggio, lo sguardo che lo osserva, le parole che servono per esprimerlo, descriverlo, raccontarlo, immortalarlo, vincere la corruzione del tempo, fermare l’attimo e goderne per sempre: la forza della lirica di Franco Arminio sta nel dare voce all’anima, materia immateriale che ognuno accomuna.

Standard
Libri

“L’infinito senza farci caso”

61mnQ2OoPTL._AC_UY218_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Guardami ancora.

Sorridi se mi pensi.

Pensami con le mani

anche se non mi tocchi.

Fino a quando siamo nel mondo

possiamo parlarci.

Diamoci parole,

io faccio parole per te

e tu le fai per me.

Io spavento

tu malinconia.

Le parole come piccoli inciampi

per frenare il tempo

che va via.

L’infinito senza farci caso – Poesie d’amore, Franco Arminio, Bompiani. Una delle voci più sensibili e intense della scena poetica torna in libreria con un volume che è una ventata d’aria fresca nella calura opprimente agostana, un bicchiere d’acqua quando si arde di sete, un abbraccio forte e sincero quando se ne ha più bisogno: senza enfasi la vita si fa musica, canto, melodia, corrispondenza di sensi, nella quale ognuno trova il suo, nell’ostinato vagare in cerca di felicità. Da leggere.

Standard
Libri

“Resteranno i canti”

51GbQyyefOL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Ti prego fammi piangere…

Resteranno i canti, Franco Arminio, Bompiani. Con versi icastici, profondi, dolorosi, intensi, prose liriche che vividamente ritraggono il malessere d’esistere e al tempo stesso la speranza di trovare nel volto di un altro, nella solidarietà del mondo, nella pace di un altrove la scintilla di un cambiamento che sappia essere definitivo e vero, salvifico, autentico, concreto, Franco Arminio dipinge il respiro dell’anima immortale che si riverbera nei gesti quotidiani della cura di chi s’ama. Potente.

Standard
Libri

“Cedi la strada agli alberi”

download.jpegdi Gabriele Ottaviani

La prima volta non fu quando ci spogliammo

ma qualche giorno prima,

mentre parlavi sotto un albero.

Sentivo zone lontane del mio corpo

che tornavano a casa.

Cedi la strada agli alberi – Poesie d’amore e di terra, Franco Arminio, Chiarelettere. L’entroterra degli occhi, Brevità dell’amore, Poeta con famiglia, La poesia al tempo della Rete. Franco Arminio ama definirsi paesologo, ed è uno scrittore, un regista e un poeta. La sua produzione è amplissima e variegata: soprattutto, però, appare inesorabilmente splendida. Classica e insieme moderna, intima e universale, potente e delicatissima, sembra raggiungere pienamente l’unità del tutto attraverso non solo la commistione e la comunione dei contrari, che l’uno nell’altro infondono reciproca linfa, ma anche mediante la profondità dello sguardo e l’ampiezza del respiro, autentico slancio vitale che comprende ogni cosa, che appare intrisa di molteplici significati: ogni verso è un atto d’amore, per un’idea, per una donna, per un luogo che, caro al cuore, si fa volto e abbraccio. Da non perdere.

Standard