Libri

“Sweeney smarrito”

di Gabriele Ottaviani

Non ho dove posare il capo. L’amore umano mi ha deluso.

Sweeney smarrito, Seamus Heaney, Archinto. Testo inglese a fronte, a cura di Marco Sonzogni. La voce lirica, mistica, sublime, raffinatissima e policroma di Seamus Heaney, intellettuale finissimo che ha attraversato il tempo della violenza sociale e politica in un’Irlanda martoriata eppure tragicamente speranzosa, uno dei poeti più importanti in lingua inglese nel secolo ventesimo, premio Nobel ventisei anni fa per il suo, recita la motivazione, lavoro di lirica bellezza ed etica profondità che esalta i miracoli quotidiani quanto il vivente passato, è esaltante ed esaltata tra i versi allegorici della sua traduzione, riscrittura in prosimetro, del poema medievale Buile Suibhne, la leggenda gaelica che narra la pazzia e la trasformazione in uccello del re di Dal-Arie, alter ego, come anche l’assonanza rivela, del poeta e dell’artista in genere, apolide, incolpevole, nudo, senza radici, a compimento della maledizione di Ronan il santo, mentre la natura si staglia, sublime, seducente e spaventosa, materna ma severa: un incanto, un regalo preziosissimo e insperato, un’esperienza polisensoriale.

Standard
Libri

“La donna invisibile”

51a8kiUAIvL._SX347_BO1,204,203,200_ (1)di Gabriele Ottaviani

Oltre che umiliate dovevano essere anche spaventate: una volta presa di mira, per una ragazza senza protezione, le cose potevano rapidamente mettersi male nella Londra dell’epoca, quando la minore età ai fini sessuali era di appena dodici anni e la parola di un poliziotto aveva più peso di qualunque protesta d’innocenza da parte di una giovane e graziosa attrice non accompagnata.

La donna invisibile – La storia di Nelly Ternan e Charles Dickens, Claire Tomalin, Archinto, traduzione di Martina Premoli. Lui è il più grande scrittore di sempre, lei una giovane attrice senza futuro. È uno scandalo tale che è rimasto sepolto. Chi ha amato la prosa geniale dello straordinario cantore dell’infanzia violata ha preferito credere che non fosse vero. Lui ha quarantacinque anni. Nove figli. Una moglie. Lei è diciottenne. La passione è un fuoco tale che Dickens si separa. E la moglie, senza colpa né peccato, viene fatta passare addirittura per pazza. Questa è la loro storia. Una biografia che sembra un romanzo giallo, nonché un affresco formidabile di quel tempo. E di quella morale. Da non perdere.

Standard