Libri

“Ande dimenticate”

915eNZh7RyL._AC_UL320_ML3_di Gabriele Ottaviani

Gli ultimi chilometri si rivelarono i più spettacolari.

Ande dimenticate – Cronache di viaggio dalla Sierra peruviana, Manuel Santoro, AlpineStudio. Belle, impervie, aspre, aguzze e misconosciute, le Ande, lo scheletro dell’America latina, che corre sinuoso ben più vicino al Pacifico che non all’Atlantico, sono testimoni mute ma non immote di una storia poco nota in Europa, quella gli anni di Sendero Luminoso, l’organizzazione terroristica d’ispirazione maoista che ha macchiato e macchia di sangue il Perù, e di cui l’autore del libro vuole sapere: per questo tesse questo cammino della memoria, intenso e necessario.

Standard
Libri

“100 anni in vetta”

717n2lmsc4L._AC_UL320_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

È ora di preparare la spedizione vera e propria…

Riccardo Cassin – 100 anni in vetta, Daniele Redaelli, AlpineStudio. Morto dieci anni fa a cent’anni compiuti, festeggiati a Lecco con gaudio e tripudio, Riccardo Cassin, in gioventù anche pugile nelle categorie dei pesi leggeri e welter con all’attivo circa tre vittorie su ogni cinque incontri disputati, è un nume tutelare dell’alpinismo, che ha contribuito a far conoscere e raccontare, non solo a livello italiano: ricordarne e celebrarne com’è giusto che sia la figura, un riferimento capitale per tutti gli appassionati, un uomo che ha dato il nome a numerose vie per arrampicarsi lassù dove solo le aquile osano, perfino sul Karakorum, sull’Himalaya e in Alaska, è assolutamente doveroso. Daniele Redaelli traccia un profilo perfetto e bellissimo, da non farsi sfuggire.

Standard
Libri

“Dove la parete strapiomba”

71lFO9ymNTL._AC_UY218_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Dopo lo strapiombo, il diedro prosegue…

Dove la parete strapiomba, Riccardo Cassin, AlpineStudio. Per molti forse è incomprensibile cosa spinga un uomo a rischiare tutto per arrampicarsi, neanche fosse uno stambecco, sul più alto e gelido picco che si possa vedere, laddove la terra tocca, sfiora, lambisce il cielo: per altri invece d’altro canto è probabilmente impossibile anche solo immaginare di restare sempre a terra, al livello del mare, di non rispondere a un richiamo irresistibile, quello della passione. La voce stentorea di Riccardo Cassin conduce il lettore ad affacciarsi sul precipizio dei propri desideri: da leggere assolutamente, per vivere un viaggio magnifico.

Standard
Libri

“Cassin”

615rIIc1vmL._AC_UL320_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

La sensibile gente di Mission ha posto dei garofani bianchi come segnale.

Cassin – L’uomo, l’alpinista e la sua fondazione, Guido Cassin, Daniele Redaelli, Anna Masciadri, AlpineStudio. La montagna non è solo un elemento geografico: è una passione, è una ragione di vita, è un simbolo, un modello, un anelito, una speranza, un modo per sentirsi vivi, un pericolo che affascina, un’irresistibile sfida, perché siamo nati per seguire la virtù e la conoscenza, per superare i nostri limiti: la figura di Cassin è senza dubbio straordinaria, e va conosciuta. È possibile farlo anche attraverso questo libro, impeccabile e imperdibile.

Standard
Libri

“No easy way”

712TWE8InIL._AC_UL320_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Eravamo tacitamente consapevoli che ci stessimo indebolendo…

No easy way – Storie da un mondo ignoto, Mick Fowler, AlpineStudio, traduzione di Riccardo Mauri. Britannico, alpinista degli alpinisti, pluripremiato, inglese classe millenovecentocinquantasei, fra i grandi maestri dell’arrampicata, cui fu introdotto ancora bambino dal babbo, marito e padre attualmente residente nel Derbyshire, è senza dubbio uno dei più autorevoli esperti dell’arte del salire fin lassù dove solo le aquile osano, e non certo per un mero e stolido senso di sfida, bensì perché, com’è noto, fatti non fummo a viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza: con stile appassionato e appassionante Fowler narra di imprese ai limiti dell’incredibile, e di una comunione di sensi fra uomo e natura che la scia sbigottiti ed emozionati.

Standard
Libri

“L’ossessione dell’Eiger”

71THTJ6JEYL._AC_UY218_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

I suoi sentimenti nei confronti dell’Eiger divennero parte dell’atmosfera familiare…

L’ossessione dell’Eiger, John Harlin jr., AlpineStudio, traduzione di Mirella Tenderini. Alpinista e aviatore dell’US Air Force, laureato a Stanford, muore praticando la sua passione, talmente forte da non pretendere d’essere compresa da chi non la prova, ma comunque meritevole di rispetto, precipitando a trentun anni ancora da compiere a causa della rottura di una corda mentre tentava la scalata per via direttissima, che poi gli fu comunque dedicata da un amico e compagno che riuscì nell’impresa, del massiccio dell’Eiger, montagna d’impervia e statuaria bellezza nelle Alpi svizzere, poi scalata dal figlio, all’epoca della sua morte bambino di soli nove anni, in suo onore: e il figlio è la voce narrante di questa vicenda vibrante, tragica e magnifica. Da non perdere.

Standard
Libri

“La notte fra i due inverni”

71pE+TlXV1L._AC_UY218_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

La corda scorre nel moschettone…

La notte fra i due inverni, Alberto Sciamplicotti, AlpineStudio. Livio è giovane. È in quella fase di transizione in cui tutto sembra possibile, e al tempo stesso ogni ostacolo insormontabile. Ama Paola, o perlomeno ne è convinto. Il rapporto finisce, e lui precipita in un gorgo. Oltretutto, in montagna, tra le amate vette, perde anche due amici, vittime di un incidente. La spirale della depressione lo avvolge in modo sempre più soffocante. Ma del resto si torna sempre laddove si è stati bene, e per Livio i picchi dei monti sono un richiamo irresistibile: è così che comincia la sua rinascita… Bildungsroman intenso e avvincente, induce all’immedesimazione e all’empatia: da leggere.

Standard
Libri

“Dove il mondo finisce”

71dIYOgHV4L._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Dal tendone che oscura la finestra filtra una spessa luce grigiastra…

Dove il mondo finisce – In Vespa lungo la Ruta 40, Lorenzo Franchini, AlpineStudio. Ammesso che si possa parlare di confini per un geoide, visto che una sfera per antonomasia non ha spigoli ma solo rotondità più o meno accentuate, la Patagonia e la terra del fuoco, estrema propaggine in direzione dell’antartico, paiono veramente il luogo oltre il quale non si può più andare, la meta più adatta per ritrovare sé medesimi. Un gruppo di rider, differenti sotto ogni aspetto ma accomunati dalla stessa passione, intraprende questo cammino in cui la meta non è che un ulteriore punto di partenza… Avvincente.

Standard
Libri

“Il sognatore ribelle”

7160ixFy0uL._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Quando siamo infelici?

Tomek Mackiewicz – Il sognatore ribelle, Davide Bubani, AlpineStudio. Appassionato di storia dell’alpinismo e al debutto come autore, in questo suo primo, riuscito, interessante, ampio, dettagliato e intenso libro, capace di connotare con abilità e in modo raffinato sotto ogni aspetto il profilo di un uomo fragile e fortissimo, che da tanti travagli ha saputo trovare grande forza, in grado di affrontare imprese impensabili ma per cui ha pagato un prezzo salato, Davide Bubani tratteggia con accenti lirici e tocchi vividi la vicenda di Tomasz “Tomek” Mackiewicz, detto anche Czapinks: di natali polacchi, è stato il primo scalatore, assieme all’alpinista francese Élisabeth Revol, a completare in pieno inverno e in puro stile alpino, quando per altri è stato impossibile finanche in estate, la via Messner-Eisendle sulla montagna assassina del Pakistan, il Nanga Parbat, laddove ha infatti trovato la morte, non riuscendo a rientrare al campo base. Da non perdere.

Standard
Libri

“60 milioni”

710+g87fFAL._AC_UL320_.jpgdi Gabriele Ottaviani

È un sorriso dolce…

60 milioni – Alberto Gnerro – Chilometri di vita su millimetri di roccia, Christian Roccati, AlpineStudio. Scrittore e alpinista di padre valdostano e madre ligure, amante della convivialità, brillante e ipercinetico, appassionato di scalate su roccia e ghiaccio, speleologia, canyoning, mountain bike, sci, pesca, corsa e chi più ne ha più ne metta, con bella prosa e dovizia di particolari Christian Roccati dà alle stampe l’avvincente, interessante, coinvolgente e curatissima biografia di una vera e propria leggenda nel suo ambito, quella dell’arrampicatore nativo di Cossato, nel Biellese, Alberto Gnerro, un atleta che si è sottoposto a ogni genere di sfida, al limite dell’umano, e che ha affrontato prove, specialmente nella vita, impressionanti: da non perdere.

Standard