Libri

“Aethiopia”

61RWDqSFWkL._AC_UL320_di Gabriele Ottaviani

I soldati vivono tutti per il ritorno. Quel giorno sarà bello – pensano. Invece la realtà è un’altra. Trovare che tutto è cambiato, che il mondo è andato avanti senza di loro, questa sarà la prima delusione. Le altre, diramazioni.

Aethiopia – Appunti per una canzonetta, Ennio Flaiano, Adelphi. Scrittore, umorista, giornalista, aforista, critico, drammaturgo, sceneggiatore (La danza del fuoco, Vivere ancora, L’abito nero da sposa, La freccia nel fianco, Il vento m’ha cantato una canzone, Roma città libera, Fuga in Francia, La cintura di castità, Luci del varietà, Parigi è sempre Parigi, Guardie e ladri, Lo sceicco bianco, I vitelloni, La romana, Camilla, Dov’è la libertà?, Villa Borghese, La strada, La donna del fiume, Il bidone, Il segno di Venere, La fortuna di essere donna, Totò e Carolina, L’arte di arrangiarsi, Terrore sulla città, Le notti di Cabiria, Fortunella, Un ettaro di cielo, Racconti d’estate, La dolce vita, Un amore a Roma, La notte, Fantasmi a Roma, Boccaccio 70, 8 ½, Tonio Kröger, Una moglie americana, Giulietta degli spiriti…) e tanto altro ancora, visse nella capitale, a Montesacro, ma non l’amava, tanto che è sepolto a Fregene: Ennio Flaiano era un genio, e ha vinto il primo premio Strega con Tempo di uccidere, che prende le mosse su sollecitazione di Leo Longanesi ad avviare la stesura del romanzo dal diario tenuto fra il novembre del millenovecentotrentacinque e il maggio dell’anno successivo quando, sottotenente del Genio, parte per la traumatica e al contempo rivelatrice – La nostra funzione era soltanto una bassa funzione di prestigio colonialistico, ormai in ritardo, dichiarerà – esperienza della campagna d’Etiopia. Il diario è questo: imperdibile.

Standard