Libri

“A united kingdom”

a-united-kingdom-lamore-che-ha-cambiato-la-storia_8663_.jpgdi Gabriele Ottaviani

“Non me ne potrebbe importare di meno”, rispose.

A united kingdom – L’amore che ha cambiato la storia, Susan Williams, Newton Compton, traduzione di Adriana Altavilla. E stando a quel che viene raccontato, e che pare essere la realtà, visto poi come è proseguita la loro vita, davvero per Ruth non aveva nessun significato. Era l’unica risposta possibile a quella domanda che le veniva posta. Ossia se si chiedesse, o meglio se fosse preoccupata, dato il contesto temporale, sociale, culturale nel quale viveva insieme all’uomo che amava e che tutti volevano che lasciasse nemmeno fosse il peggiore dei delinquenti possibili, riguardo al colore della pelle che avrebbe avuto il bimbo che portava in grembo. Lei londinese, lui futuro re di quello che diverrà Botswana. Nell’Inghilterra coloniale del Novecento. Una storia vera. Potente. Straordinaria. Tradotta di recente in un film che non le rende giustizia, purtroppo, nemmeno un po’. Il libro, invece, caratterizzato da una stesura lineare, chiara, divulgativa, piacevole eppure niente affatto banale o semplicistica, è da leggere. Questa vicenda deve essere conosciuta. Deve essere raccontata. Deve indurre a riflettere. Perché nessuno sceglie dove nascere. Né da chi. E tantomeno è impossibile scegliere di innamorarsi, oppure no, di una persona anziché di un’altra, checché ne dicano tanti soloni senza cuore né testa.

Standard