venezia 74

“L’ordine delle cose” al Lido

l'ordine delle cose foto dal set, credit foto Massimo Calabria MatarwehPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

L’ordine delle cose, il nuovo film di Andrea Segre, uscirà nelle sale cinematografiche italiane il prossimo 7 settembre distribuito da Parthénos Distribuzione, dopo la presentazione in anteprima mondiale alla 74.ma edizione della Mostra di Venezia, il 31 agosto (Proiezioni Speciali). Prodotto da Jolefilm con Rai Cinema, è un film di finzione che nasce da un lungo lavoro di ricerca sui meccanismi di uno degli eventi storici più importanti dell’attualità: gli accordi tra Italia e Libia per controllare i flussi migratori nel Mediterraneo. Il film si interroga su uno dei grandi temi del nostro presente: come coniugare ragion di Stato ed etica? Quali sono le conseguenze umane e politiche di ciò che stiamo vivendo?

Il protagonista, Corrado, è un alto funzionario del Ministero degli Interni italiano specializzato in missioni internazionali contro l’immigrazione irregolare. Il Governo italiano lo sceglie per affrontare un’emergenza: i viaggi illegali dalla Libia verso l’Italia. La sua missione è molto complessa: la Libia post-Gheddafi è attraversata da profonde tensioni interne, far coincidere la realtà libica con gli interessi italiani ed europei sembra impossibile. Insieme con colleghi italiani e francesi si muove tra le stanze del potere, i porti e i centri di detenzione per migranti. La pressione che subisce è estrema, ma lo diventa ancor di più quando infrange una delle principali regole di autodifesa per chi lavora in quel campo: mai conoscere nessun migrante, considerarli solo numeri. Corrado, invece, incontra Swada, una donna somala che sta cercando di scappare dalla detenzione libica e di attraversare il mare per raggiungere il marito in Europa.  Come tenere insieme la legge di Stato e l’istinto umano di aiutare qualcuno in difficoltà? Corrado prova a cercare una risposta nella sua vita privata, ma la sua crisi diventa sempre più intensa e si insinua pericolosa nell’ordine delle cose.

Nel cast del film Paolo Pierobon, per la prima volta con un ruolo da protagonista, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti, Olivier Rabourdin, Fabrizio Ferracane, Yusra Warsama, Roberto Citran.

L’Ordine delle cose è prodotto da Jolefilm con Rai Cinema, è coprodotto dalle francesi Mact Production e da Sophie Dulac Productions.

È film riconosciuto di interesse culturale con contributo economico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Direzione generale cinema. È realizzato con il sostegno della Regione del Veneto, della Regione Lazio, della Regione Siciliana e della Sicilia Film Commission, di Banca Popolare Etica.

Con il patrocinio di Amnesty International, NAGA, Medici per i Diritti Umani e con la partecipazione di ZaLab e Medici Senza Frontiere.

Standard
venezia 74

Premio Jaeger-LeCoultre a Stephen Frears

Victoria and AbdulPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

La Biennale di Venezia e Jaeger-LeCoultre annunciano che è stato attribuito al grande regista inglese Stephen Frears (Philomena, The Queen, Le relazioni pericolose) il premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker 2017 della 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dedicato a una personalità che abbia segnato in modo particolarmente originale il cinema contemporaneo.

La 74. Mostra di Venezia si terrà al Lido dal 30 agosto al 9 settembre 2017, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.

La consegna del premio a Stephen Frears avrà luogo domenica 3 settembre alle ore 22.00 in Sala Grande (Palazzo del Cinema), prima della proiezione Fuori Concorso del suo nuovo film Victoria & Abdul, in prima mondiale a Venezia. Il film è ambientato alla fine dell’Ottocento, quando il giovane commesso Abdul Karim si mette in viaggio dall’India per partecipare al Giubileo d’oro dell’anziana Regina Vittoria. Arrivato a Londra, Abdul si ritrova sorprendentemente nelle grazie della sovrana; i due instaurano un’improbabile e devota amicizia, mostrando una lealtà reciproca che la famiglia e la cerchia della sovrana cercano di ostruire. Abdul diventa rapidamente insegnante, consigliere spirituale e amico devoto della Regina, mentre il loro rapporto si rafforza e Vittoria comincia a vedere il mondo con occhi diversi, riscoprendo con gioia anche la propria umanità.

A proposito di questo riconoscimento, il Direttore della Mostra Alberto Barbera ha dichiarato:

“Prolifico e imprevedibile, eclettico e provocatorio, Stephen Frears sembra sfidare la possibilità stessa di una definizione monolitica del suo cinema. È tra le figure più vibranti e rappresentative del cinema inglese contemporaneo (accanto a Ken Loach e  Mike Leigh), ma a differenza di molti non teme di apparire contradditorio, passando con nonchalance dal realismo sociale degli anni ’80 alle biografie, dalle commedie ai drammi storici, alternando film inglesi e americani, produzioni a basso costo e grandi budget, cinema e televisione, ogni volta a proprio agio. È forse questo palese contrasto a costituire l’aspetto più interessante del suo lavoro, insieme con le qualità che tutti gli riconoscono: una sensibilità non comune nel dirigere gli attori, l’abilità nel trarre il meglio dal rapporto con scrittori affermati (Alan Bennet, Christopher Hampton, Hanif Kureishi, Nick Hornby), l’apparente modestia che consiste nel subordinare lo stile all’esigenze del materiale.  Grande narratore di storie, dalle quali emergono tematiche ricorrenti come l’attenzione per personaggi di oppressi e marginali, Frears possiede il dono non comune di offrire nei suoi film migliori un ritratto della società britannica aspro, pungente, non convenzionale, capace di risultare allo stesso tempo disturbante e divertente.”

Regista tra i più versatili, capace di spaziare tra un’ampia varietà di stili, tematiche e generi, Stephen Frears (Leicester, Inghilterra, 1941) si costruisce una solida reputazione lavorando per tutti gli anni settanta tra episodi di serie tv e film televisivi. Esordisce al cinema nel 1984 conVendetta, facendo scoprire al mondo il talento di Tim Roth. Con il suo film successivo, il provocatorio My Beautiful Laundrette (1985) con Daniel Day Lewis, raggiunge il successo internazionale e ottiene una candidatura agli Oscar per la sceneggiatura, mettendo per la prima volta in luce il suo talento negli adattamenti letterari. Il film che lo consacra al grande pubblico è Le relazioni pericolose (1988) con John Malkovich, Glenn Close e Michelle Pfeiffer, che si aggiudica tre Oscar tra cui quello per la miglior sceneggiatura non originale, insieme a molti altri premi internazionali. Con il successivo Rischiose abitudini (1990) riceve la sua prima nomination agli Oscar come miglior regista, sancendo il definitivo sodalizio con Hollywood, al quale continuerà sempre a intervallare produzioni inglesi. Nel 1998 vince l’Orso d’argento per la miglior regia a Berlino con The Hi-Lo Country, mentre nel 2000 dirige Alta fedeltà ed è presente per la prima volta in Concorso a Venezia con Liam, per il quale l’attrice Megan Burns vince il Premio Mastroianni. Due anni dopo torna in Concorso con Piccoli affari sporchi e poi di nuovo nel 2006, quando riceve la sua seconda nomination agli Oscar per la regia di The Queen, film sulla Regina Elisabetta II per il quale Helen Mirren vince la Coppa Volpi e l’Oscar come miglior attrice protagonista. Con Philomena (2013) vince il premio per la miglior sceneggiatura a Venezia e il film viene candidato a quattro Oscar.

Il suo ultimo film, Victoria & Abdul, sarà presentato in anteprima mondiale Fuori Concorso a Venezia e segna il ritorno di Frears all’ambientazione della corte britannica dopo lo straordinario successo di The Queen e il ritorno del Premio Oscar Judi Dench nei panni della regina Vittoria. La sceneggiatura è firmata dal candidato agli Oscar Lee Hall (Billy Elliot) ed è basata sul libro del giornalista Shrabani Basu intitolato Victoria & Abdul: The True Story of the Queen’s Closest ConfidantVictoria & Abdul è un film presentato da Focus Features in associazione con Perfect World Pictures e BBC Films ed è una produzione Working Title in associazione con Cross Street Films.

Jaeger-LeCoultre è per il tredicesimo anno sponsor della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, e per l’undicesimo del premio Glory to the Filmmaker.  Il premio è stato assegnato negli anni precedenti a Takeshi Kitano (2007), Abbas Kiarostami (2008), Agnès Varda (2008), Sylvester Stallone (2009), Mani Ratnam (2010), Al Pacino (2011), Spike Lee (2012), Ettore Scola (2013), James Franco (2014), Brian De Palma (2015), Amir Naderi (2016).

Standard
venezia 74

“Cugino, cugina” a Venezia

Cousin, cousine 3 Acqua © Jocelyne RouchPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

In occasione del centenario del grande regista ed etnografo francese Jean Rouch (1917 – 2004), si aggiunge al programma della Mostra del Cinema, in prima mondiale, l’unico film di Rouch girato a Venezia, il particolarissimo e inedito cortometraggio Cousin, cousine (Cugino, cugina,1985-1987, 31’, colore), con Damouré Zika e Mariama Hima (Venezia Classici).

Cousin, cousine è stato integralmente restaurato dal CNC francese (Centre national du cinéma et de l’image animée) in collaborazione con la Fondation Jean Rouch, nel quadro del Centenaire Jean Rouch 2017.

Cousin, cousine è un “capriccio” inventato a Venezia da Jean Rouch e dai suoi due amici e interpreti, l’attore nigeriano Damouré Zika e la regista nigeriana Mariama Hima, venuti a presentare alla Mostra del Cinema del 1985, nella sezione “Venezia Genti”, un film di Mariama Hima,Baabu Banza, che vinse un premio. Decisero in quell’occasione di realizzare una fantasia cinematografica intorno a un dipinto di Gentile Bellini e ad alcuni luoghi e storie della città. Nella vicenda, Mariama e Damouré, due cugini, si ritrovano a Venezia per cercare una reliquia  persa molto tempo fa, come in uno dei famosi teleri di Gentile Bellini. Mariama fa così conoscere la città a Damouré, portandolo in uno squero a esaminare la fabbricazione delle gondole (ben diversa da quella delle piroghe).

Cousin, cousine, verrà proiettato alla 74. Mostra nella sezione Venezia Classici a seguire il documentario L’Enigma di Jean Rouch a Torino –Cronaca di un film raté di Marco di Castri, Paolo Favaro, Daniele Pianciola, nelle tre proiezioni già previste dal programma, il 7 settembre alle 17.15 in Sala Volpi, l’8 settembre alle 22 in Sala Pasinetti e il 7 settembre alle 11.15 in Sala Volpi (anticipata stampa).

Jean Rouch (1917-2004), etnografo e regista francese, ha realizzato più di 180 film (finiti o meno), oltre a numerosissime fotografie, registrazioni sonore e scritti di vario tipo. Ha creato importanti centri ed istituzioni quali il Comité du film ethnographique e manifestazioni quali il festival Cinéma du Réel. Ha insegnato, difeso e promosso ovunque il cinema etnografico e documentario, e l’antropologia visiva.

Standard
venezia 74

Il cavaliere elettrico a Venezia

robert-redford-the-electric-horsemanPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

In omaggio a Jane Fonda e Robert RedfordLeoni d’oro alla carriera della Mostra di Venezia 2017, si è deciso di presentare uno dei quattro film interpretati dalla coppia di grandi attori. La scelta è caduta su Il cavaliere elettrico (1979), dove Robert Redford era stato il produttore, oltre che l’interprete, del film diretto da Sydney Pollack.

 

Il cavaliere elettrico (Usa, 120’), interpretato anche da Valerie Perrine, Willie Nelson e John Saxon, sarà proiettato in versione originale con sottotitoli italiani giovedì 31 agosto in Sala Volpi alle 17.30 (Proiezioni speciali).

La consegna dei Leoni d’oro alla carriera Jane Fonda e Robert Redford avrà luogo venerdì 1 settembre nella Sala Grande del Palazzo del Cinema (Lido di Venezia), prima della proiezione Fuori Concorso del film di Netflix Our Souls at Night, diretto da Ritesh Batra e interpretato da Jane Fonda e Robert Redford, prodotto da Redford e dalla sua società Wildwood Enterprises, Inc.

 

La 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica si svolgerà dal 30 agosto al 9 settembre al Lido di Venezia, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.

Standard
venezia 74

Venezia è più ricca…

download.jpgPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Tre nuovi titoli, presentati in anteprima mondiale, completano il programma della 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (30 agosto – 9 settembre), diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta. I tre film che entrano nel programma della 74. Mostra sono:

  • Zhuibu (Manhunt), è l’atteso ritorno di John Woo al thriller poliziesco che lo ha reso famoso con The Killer e Hardboiled. Remake contemporaneo di un classico giapponese del genere, è la storia di un uomo cinese incastrato per omicidio in Giappone, che tenta di riabilitare il suo nome mentre deve sfuggire alla caccia della polizia giapponese e agli attacchi di misteriosi killer. John Woo (A Better TomorrowFace/Off – Due facce di un assassino) ha ricevuto a Venezia il Leone d’oro alla carriera nel 2010. Il film verrà presentato Fuori Concorso.

  • L’ordine delle cose di Andrea Segre (Io sono LiLa prima neve) racconta la storia di Corrado, poliziotto di una task force specializzata nella gestione del sistema di controllo dei flussi migratori. Corrado riceve il compito di coordinare una delicata missione in Libia e lì incontra Swada, una donna somala che sta cercando di raggiungere il marito in Finlandia. Il film verrà presentato in Proiezioni speciali.

 

  • L’Enigma di Jean Rouch a Torino – Cronaca di un film raté di Marco di CastriPaolo Favaro, Daniele Pianciola è un documentario che racconta la storia di quello che fu un vero “laboratorio d’idee”, e la nascita del film che ne è derivato: Enigma. Il documentario ricostruisce i due anni che intercorsero tra l’arrivo di Jean Rouch e la conclusione del progetto, attraverso la voce dei suoi protagonisti in dialogo con un materiale straordinario: oltre 20 ore di making of. Il film sarà presentato all’interno della sezione competitiva Venezia Classici – Documentari.
Standard
venezia 74

Venezia 74 – Tutti i film

397817AD00000578-3845848-image-m-20_1476750977985VENEZIA 74 – Concorso

  • HUMAN FLOW
    by AI WEIWEI​
    Germany, USA / 140’
  • MOTHER!
    by DARREN ARONOFSKY starring Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Michelle Pfeiffer, Domhnall Gleeson, Ed Harris
    USA / 120’
  • SUBURBICON
    by GEORGE CLOONEY​ starring Matt Damon, Julianne Moore, Noah Jupe, Oscar Isaac
    USA / 104’
  • THE SHAPE OF WATER
    by GUILLERMO DEL TORO starring Sally Hawkins, Michael Shannon, Richard Jenkins, Doug Jones, Michael Stuhlbarg, Octavia Spencer
    USA / 119’
  • L’INSULTE
    by ZIAD DOUEIRI starring Adel Karam, Kamel El Basha, Camille Salameh, Rita Hayek
    France, Lebanon / 110’
  • LA VILLA
    by ROBERT GUÉDIGUIAN​​ starring Ariane Ascaride, Jean-Pierre Darroussin, Gérard Meylan, Jacques Boudet, Anaïs Demoustier, Robinson Stévenin
    France / 107’
  • LEAN ON PETE​
    by ANDREW HAIGH starring Charlie Plummer, Steve Buscemi, Chloë Sevigny
    Great Britain / 121’
  • MEKTOUB, MY LOVE: CANTO UNO
    by ABDELLATIF KECHICHE​ starring Shain Boumedine, Ophélie Baufle, Salim Kechiouche, LouLuttiau, Alexia Chardard, HafsiaHerzi
    France, Italy / 180’
  • SANDOME NO SATSUJIN (THE THIRD MURDER)
    by KOREEDA HIROKAZU starring Fukuyama Masaharu, Yakusho Kōji, Hirose Suzu
    Japan / 124’
  • JUSQU’À LA GARDE
    by XAVIER LEGRAND​​ starring Denis Ménochet, Léa Drucker, Thomas Gioria, Mathilde Auneveux, Saadia Bentaïeb
    France / 90’
  • AMMORE E MALAVITA
    by MANETTI Bros.​ starring Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Claudia Gerini, Carlo Buccirosso
    Italy / 133’
  • FOXTROT
    by SAMUEL MAOZ​​ starring Lior Ashkenazi, Sarah Adler, Yonatan Shiray
    Israel, Germany, France, Switzerland / 113’
  • THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI
    by MARTIN McDONAGH ​starring Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, AbbieCornish, John Hawkes, Peter Dinklage
    Great Britain / 110’
  • HANNAH
    by ANDREA PALLAORO​​ starring Charlotte Rampling, André Wilms
    Italy, Belgium, France / 95’
  • DOWNSIZING
    by ALEXANDER PAYNE starring Matt Damon, Christoph Waltz, Hong Chau, Kristen Wiig
    USA / 140’
  • JIA NIAN HUA (ANGELS WEAR WHITE)​
    by VIVIAN QU​ starring Wen Qi, Zhou Meijun, Shi Ke, Geng Le, Liu Weiwei, Peng Jing
    China, France / 107’
  • UNA FAMIGLIA
    by SEBASTIANO RISO​ starring Micaela Ramazzotti, Patrick Bruel
    Italy / 105’
  • FIRST REFORMED
    by PAUL SCHRADER​ starring Ethan Hawke, Amanda Seyfried, Cedric Kyles
    USA / 108’
  • SWEET COUNTRY
    by WARWICK THORNTON​​ starring Sam Neill, Bryan Brown, Hamilton Morris, Thomas M. Wright
    Australia / 112’
  • THE LEISURE SEEKER
    by PAOLO VIRZÌ starring Helen Mirren, Donald Sutherland
    Italy / 112’
  • EX LIBRIS – THE NEW YORK PUBLIC LIBRARY
    by FREDERICK WISEMAN​
    USA / 197’

ORIZZONTI

  • NAPADID SHODAN (DISAPPEARANCE)
    by ALI ASGARI
    starring Sadaf Asgari, Amir Reza Ranjbaran, Nafiseh Zare, Sahar Sotoodeh
    Iran, Qatar / 89’
  • ESPÈCES MENACÉES
    by GILLES BOURDOS
    starring Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois, Suzanne Clément
    France, Belgium / 105’
  • THE RAPE OF RECY TAYLOR
    by NANCY BUIRSKI
    USA / 91’
  • CANIBA
    by LUCIEN CASTAING-TAYLOR, VERENA PARAVEL
    France / 90’
  • LES BIENHEUREUX
    by SOFIA DJAMA
    starring Sami Bouajila, Nadia Kaci, Amine Lansari, Lyna Khoudri / France, Belgium / 102’
  • MARVIN
    by ANNE FONTAINE
    starring Finnegan Oldfield, Isabelle Huppert, Grégory Gadebois, Vincent Macaigne
    France / 115’
  • INVISIBLE
    by PABLO GIORGELLI
    starring Mora Arenillas, Mara Bestelli, Diego Cremonesi
    Argentina, Brazil, Uruguay, Germany / 87’
  • BRUTTI E CATTIVI
    by COSIMO GOMEZ
    starring Claudio Santamaria, Marco D’Amore, Sara Serraiocco / Italy, France / 87’
  • HA BEN DOD (THE COUSIN)
    by TZAHI GRAD
    starring Ala Dakka, Tzahi Grad, Osnat Fishman / Israel / 92’
  • HA EDUT (THE TESTAMENT)
    by AMICHAI GREENBERG
    starring Ori Pfeffer, Rivka Gur, Hagit Dasberg Shamul, Ori Yaniv / Israel, Austria / 91’
  • BEDOUNE TARIKH, BEDOUNE EMZA (NO DATE, NO SIGNATURE)
    by VAHID JALILVAND
    starring Amir Agha’ee, Navid Mohammadzadeh, Hediyeh Tehrani, Sa’eed Dakh
    Iran / 104’
  • LOS VERSOS DEL OLVIDO
    by ALIREZA KHATAMI
    starring Juan Margallo, Tomas Del Estal, Manuel Moron, Itziar Aizpuru
    France, Germany, Netherlands, Chile / 92’
  • LA NUIT OÙ J’AI NAGÉ – OYOGISUGITA YORU
    by DAMIEN MANIVEL, IGARASHI KOHEI
    starring Kogawa Takara, Kogawa Keiki, Kogawa Takashi, Kogawa Chisato
    France, Japan / 79’
  • NICO, 1988
    by SUSANNA NICCHIARELLI
    starring Tryne Dyrholm, John Gordon Sinclair, Anamaria Marinca, Sandor Funtek
    Italy, Belgium / 93’
  • KRIEG
    by RICK OSTERMANN
    starring Ulrich Matthes, Barbara Auer / Germany / 93’
  • WEST OF SUNSHINE
    by JASON RAFTOPOULOS
    starring Damian Hill, Ty Perham, Kat Stewart, Tony Nikolakopoulos, Arthur Angel
    Australia / 78’
  • GATTA CENERENTOLA
    by ALESSANDRO RAK, IVAN CAPPIELLO, MARINO GUARNIERI, DARIO SANSONE
    Animation film / Italy / 86’
  • UNDIR TRÉNU (UNDER THE TREE)
    by HAFSTEINN GUNNAR SIGURÐSSON
    starring Steinþór Hróar Steinþórsson, Edda Björgvinsdóttir, Sigurður Sigurjónsson, Lára Jóhanna Jónsdóttir / Iceland, Denmark, Poland, Germany / 89’
  • LA VITA IN COMUNE
    by EDOARDO WINSPEARE
    starring Gustavo Caputo, Antonio Carluccio, Claudio Giangreco, Celeste Casciaro
    Italy / 110’

ORIZZONTI – SHORT FILMS

  • APIA (ARIA)
    by MYRSINI ARISTIDOU
    starring Chryssa Platsatoura, Yannis Stankoglou, Audrey Giacomini, Takis Spyridakis
    Cyprus, France / 13’
  • BY THE POOL
    by LAURYNAS BAREISA
    starring Karolina Kildaité, Danas Kavaliauskas, Karolina Maksvityte / Lithuania / 16’
  • GROS CHAGRIN
    by CÉLINE DEVAUX
    starring Swann Arlaud, Victoire Du Bois / France / 15’
  • LAGI SENANG JAGA SEKANDANG LEMBU (IT’S EASIER TO RAISE CATTLE)
    by AMANDA NELL EU
    starring Sharifah Aryana Binti Syed Zainal Rashid, Sofia Sabri / Malaysia / 18’
  • ASTROMETAL
    by EFTHIMIS KOSEMUND SANIDIS
    starring Mihalis Sarantis, Thalia Papacosta, Yiannis Niarros / Greece / 15’
  • THE KNIFE SALESMAN
    by MICHAEL LEONARD, JAMIE HELMER
    starring Syd Brisbane, Dana Miltins / Australia / 10’
  • TIERRA MOJADA
    by JUAN SEBASTIAN MESA BEDOYA
    starring Yeison García Tascon, Marco Tulio Vásquez Yagarí, Barbara Panchí Saigama
    Colombia / 17’
  • MENINAS FORMICIDA
    by JOÃO PAULO MIRANDA MARÍA
    starring Amanda Araújo, Tatiana Pinheiro Ribeiro, Bruna Andrade / France, Brazil / 12’
  • L’OMBRA DELLA SPOSA
    by ALESSANDRA PESCETTA
    starring Fabrizio Buttiglieri, Marco Canzoneri, Giuseppe Lo Piccolo, Angela Ribaudo
    Italy / 11’
  • AWASARN SOUND MAN (DEATH OF THE SOUND MAN)
    by SORAYOS PRAPAPAN
    starring Chalermrat Kaweewattana, Nattapong Pipattanasub / Thailand, Myanmar / 16’
  • HIMINN OPINN
    by GABRIEL SANSON, CLYDE GATES
    starring Tristan Tessier, Judith Williquet, Jonathan Pryce / Belgium / 19’
  • MON AMOUR, MON AMI
    by ADRIANO VALERIO
    Italy / 15’

ORIZZONTI – SHORT FILMS – FUORI CONCORSO

  • FUTURO PROSSIMO
    by SALVATORE MEREU
    starring Rachel Akimbi, Mojo Kuti, Francesco Vesta / Italy / 18’
  • 8TH CONTINENT
    by YORGOS ZOIS
    starring Pavlos Iordanopoulos / Greece / 11’

FUORI CONCORSO

SPECIAL EVENTS

  • CASA D’ALTRI
    by GIANNI AMELIO
    Italy / 16’
  • MICHAEL JACKSON’S THRILLER 3D
    by JOHN LANDIS
    starring Michael Jackson, Ola Ray / USA / 14’
  • MAKING OF MICHAEL JACKSON’S THRILLER
    by JERRY KRAMER
    starring Michael Jackson / USA (1983) / 45’

FICTION

  • OUR SOULS AT NIGHT
    by RITESH BATRA
    starring Jane Fonda, Robert Redford / USA / 101’
  • IL SIGNOR ROTPETER
    by ANTONIETTA DE LILLO
    starring Marina Confalone / Italy / 37’
  • VICTORIA & ABDUL
    by STEPHEN FREARS
    starring Judi Dench, Ali Fazal, Eddie Izzard / Great Britain / 109’
  • LA MÉLODIE
    by RACHID HAMI
    starring Kad Merad, Samir Guesmi, Renély Alfred, Youssouf Gueye / France / 102’
    OUTRAGE CODA
    by KITANO TAKESHI
    starring Beat Takeshi, Nishida Toshiyuki / Japan / 104’
  • LOVING PABLO
    by FERNANDO LEÓN DE ARANOA
    starring Javier Bardem, Penélope Cruz, Peter Sarsgaard / Spain, Bulgaria / 123’
  • ZAMA
    by LUCRECIA MARTEL
    starring Daniel Giménez Cacho, Lola Dueñas, Matheus Nachtergaele, Juan Minujín
    Argentina, Brazil / 115’
  • WORMWOOD
    by ERROL MORRIS
    starring Peter Sarsgaard, Molly Parker, Christian Camargo, Scott Shepherd, Tim Blake Nelson, Bob Balaban / miniseries, six episodes / USA / 300’
  • DIVA!
    by FRANCESCO PATIERNO
    starring Barbora Bobulova, Anita Caprioli, Carolina Crescentini, Silvia D’Amico, Isabella Ferrari, Carlotta Natoli, Greta Scarano, Anna Foglietta, Michele Riondino / Italy / 75’
  • LE FIDÈLE
    by MICHAËL R. ROSKAM
    starring Matthias Schoenaerts, Adèle Exarchopoulos / Belgium, France, Netherlands / 130’
  • IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE
    by SILVIO SOLDINI
    starring Valeria Golino, Adriano Giannini, Arianna Scommegna, Laura Adriani
    Italy, Switzerland / 115’
  • THE PRIVATE LIFE OF A MODERN WOMAN
    by JAMES TOBACK
    starring Sienna Miller, Alec Baldwin, Charles Grodin, Colleen Camp, Carl Icahn / USA / 71’
  • BRAWL IN CELL BLOCK 99
    by S. CRAIG ZAHLER
    starring Vince Vaughn, Jennifer Carpenter, Don Johnson, Udo Kier / USA / 132’

NON-FICTION

  • CUBA AND THE CAMERAMAN
    by JON ALPERT
    USA / 113’
  • MY GENERATION
    by DAVID BATTY
    with Michael Caine / Great Britain / 85’
  • PIAZZA VITTORIO
    by ABEL FERRARA
    Italy / 82’
  • THE DEVIL AND FATHER AMORTH
    by WILLIAM FRIEDKIN
    USA / 68’
  • THIS IS CONGO
    by DANIEL McCABE
    Congo / 91’
  • RYUICHI SAKAMOTO: CODA
    by STEPHEN NOMURA SCHIBLE
    USA, Japan / 100’
  • JIM & ANDY: THE GREAT BEYOND. THE STORY OF JIM CARREY, ANDY KAUFMAN AND TONY CLIFTON
    by CHRIS SMITH
    USA, Canada / 90’
  • HAPPY WINTER
    by GIOVANNI TOTARO
    Italy / 91’

LEONE DEL FUTURO – PREMIO OPERA PRIMA “LUIGI DE LAURENTIIS”

  • Xavier LEGRAND, Jusqu’à la garde (France) (Venezia 74)
  • Ali ASGARI, Napadid shodan (Disappearance) (Iran, Qatar) (Orizzonti)
  • Sofia DJAMA, Les bienheureux (France, Belgium) (Orizzonti)
  • Cosimo GOMEZ, Brutti e cattivi (Italy, France) (Orizzonti)
  • Amichai GREENBERG, Ha Edut (The Testament) (Israel, Austria) (Orizzonti)
  • Alireza KHATAMI, Los versos del olvido (France, Germany, Netherlands, Chile) (Orizzonti)
  • Jason RAFTOPOULOS, West of Sunshine (Australia) (Orizzonti)
  • Annika BERG, Forever 13 (Denmark) (SIC)
  • Natalia GARAGIOLA, Temporada de caza (Argentina, USA, France, Germany, Qatar) (SIC)
  • Silvia LUZI, Luca BELLINO, Il cratere (Italy) (SIC)
  • Bertrand MANDICO, Les garçons sauvages (France) (SIC)
  • Helena WITTMANN, DRIFT (Germany) (SIC)
  • Katharina WYSS, Sarah joue un loup garou (Switzerland, Germany) (SIC)
  • Emre YEKSAN, Körfez (The Gulf) (Germany, Greece) (SIC)
  • Valentina PEDICINI, Where the Shadows Fall (Italy) (Venice Days)
  • Sara FORESTIER, M (France) (Venice Days)

VENICE VIRTUAL REALITY

CONCORSO

  • MELITA
    by NICOLÁS ALCALÁ
    Animation film / USA / 24’ / Oculus Stand Up
  • LA CAMERA INSABBIATA
    by LAURIE ANDERSON, HUANG HSIN-CHIEN
    Animation film / USA / 20’ / Installation
  • THE LAST GOODBYE
    by GABO ARORA
    USA / 20’ / Installation
  • MY NAME IS PETER STILLMAN
    by LYSANDER ASHTON, LEO WARNER
    Animation film / Great Britain / 6’ / Oculus Stand Up
  • ALICE, THE VIRTUAL REALITY PLAY
    by MATHIAS CHELEBOURG
    with Robin Berry, Josh Jefferies / France / 20’ / Installation
  • ARDEN’S WAKE (EXPANDED)
    by EUGENE YK CHUNG
    Animation film / USA / 16’ / Oculus Stand Up
  • GREENLAND MELTING
    by NONNY DE LA PEÑA
    USA / 11’ / Vive Stand Up
  • DONGDUCHEON (BLOODLESS)
    by GINA KIM
    South Korea, USA / 12’ / VR Theater
  • NOTHING HAPPENS
    by URI KRANOT, MICHELLE KRANOT
    Animation film / Denmark, France / 14’ / Vive Stand Up
  • SHI MENG LAO REN (THE DREAM COLLECTOR)
    by MI LI
    Animation film / China / 11’ / Oculus Stand Up
  • SNATCH VR HEIST EXPERIENCE
    by RAFAEL PAVÓN, NICOLÁS ALCALÁ
    with Rupert Grint, Luke Pasqualino, Lucien Laviscount, Phoebe Dynevor
    USA / 5’ / Installation
  • NEFERTITI
    by RICHARD MILLS, KIM-LEIGH PONTIN
    Animation film / Great Britain / 15’ / Vive Stand Up
  • PROXIMA
    by MATHIEU PRADAT
    with Adde Fabrice, Djaga Maud, Denis Guillaume / France / 9’ / VR Theater
  • CHUANG (IN THE PICTURES)
    by QING SHAO
    Animation film / China / 5’ / VR Theater
  • DISPATCH
    by EDWARD ROBLES
    Animation film / USA, Great Britain / 6’ / Oculus Stand Up
  • THE ARGOS FILE
    by JOSEMA ROIG
    with Joshua Furtado, Matthew Amerman, April Fritz, Jamie Slovon / USA / 4’ / VR Theater
  • GOMORRA VR – WE OWN THE STREETS
    by ENRICO ROSATI
    with Marco D’Amore, Salvatore Esposito, Fabio De Caro / Italy / 14’ / VR Theater
  • DRAW ME CLOSE, CHAPTERS 1-2
    by JORDAN TANNAHILL
    Canada, Great Britain / 15’ / Installation
  • JIA ZAI LANRE SI (THE DESERTED)
    by TSAI MING-LIANG
    with Lee Kang-sheng, Chen Shiang-chyi, Lu Yi-ching, Yin Shin / Taiwan / 55’ / VR Theater
  • I SAW THE FUTURE
    by FRANÇOIS VAUTIER
    France / 5’ / VR Theater
  • HVER SIN STILHED (SEPARATE SILENCES)
    by DAVID WEDEL
    with Elias Munk, Sine Lindstorff Kjeldsen, Marcus Aurelius Christensen, Anna Nøhr Tolstrup, Erik Engedal Christensen / Denmark / 17’ / Installation
  • FREE WHALE
    by ZHANG PEIBIN
    Animation film / China / 7’ / Oculus Stand Up

Biennale College Cinema – VR

FUORI CONCORSO

  • CHROMATICA
    by FLAVIO COSTA / producer: LAURA CATALANO
    with Camilla Diana, Christian Burruano / Italy / 17’ / VR Theater
  • DENOISE (BEAUTIFUL THINGS)
    by GIORGIO FERRERO / producer: FEDERICO BIASIN
    with Van Quattro, Danilo Tribunal, Andrea Pavoni Belli, Vito Mirizzi / Italy / 12’ / VR Theater
  • ON/OFF
    by CAMILLE DUVELLEROY, ISABELLE FOUCRIER / producer: LAURENT DURET
    France / 10’ / VR Theater

Venice Production Bridge – VR

FUORI CONCORSO

  • SENS – PART 1
    by CHARLES AYATS, MARC-ANTOINE MATHIEU
    Animation film / France / 10’ / VR Theater
  • ALTERATION
    by JEROME BLANQUET
    Fiction / France / 16’ / VR Theater
  • NAIVE NEW BEATERS “HEAL TOMORROW”
    by ROMAIN CHASSAING
    Music Video / Great Britain / 4’ / VR Theater
  • MULE
    by GUY SHEMERDINE
    Fiction / USA / 6’ / VR Theater

Best of VR

FUORI CONCORSO

  • DEAR ANGELICA
    by SASCHKA UNSELD
    Animation film / USA / 13’ / Oculus Stand Up
  • MIYUBI
    di FÉLIX LAJEUNESSE, PAUL RAPHÄEL
    with Owen Vaccaro, P.J. Byrne, Richard Riehle, Emily Bergl, Ted Sutherland, Tatum Kensington Bailey, Lindsay Arnold, Noah Crawford, Jeff Goldblum
    Canada / 40’ / VR Theater

PROIEZIONI SPECIALI

  • LA LUNGA STRADA DEL RITORNO
    by ALESSANDRO BLASETTI
    Italy (1962) / 130’
  • BARBIANA ’65 LA LEZIONE DI DON MILANI
    by ALESSANDRO G.A. D’ALESSANDRO
    Italy / 62’
  • LIEVITO MADRE – LE RAGAZZE DEL SECOLO SCORSO
    by CONCITA DE GREGORIO, ESMERALDA CALABRIA
    Italy / 60’

CINEMA NEL GIARDINO

  • MANUEL
    by DARIO ALBERTINI
    starring Andrea Lattanzi, Giulia Elettra Gorietti, Francesca Antonelli, Raffaella Rea / Italy / 97’
  • CONTROFIGURA
    by RÄ DI MARTINO
    starring Valeria Golino, Filippo Timi, Corrado Sassi, Nadia Kounda, Younes Bouab
    Italy, France, Switzerland, Morocco / 75’
  • WOODSHOCK
    by KATE MULLEAVY, LAURA MULLEAVY
    starring Kirsten Dunst, Pilou Asbaek, Joe Cole, Stephan Duvall / USA / 116’
  • NATO A CASAL DI PRINCIPE
    by BRUNO OLIVIERO
    starring Alessio Lapice, Massimiliano Gallo, Donatella Finocchiaro, Lucia Sardo, Antonio Pennarella / Italy, Spain / 96’
  • SUBURRA – LA SERIE
    by MICHELE PLACIDO, ANDREA MOLAIOLI, GIUSEPPE CAPOTONDI
    starring Alessandro Borghi, Giacomo Ferrara, Eduardo Valdarnini, Francesco Acquaroli, Filippo Nigro, Claudia Gerini / Italy / 100’
  • TUEURS
    by FRANÇOIS TROUKENS, JEAN-FRANÇOIS HENSGENS
    starring Olivier Gourmet, Lubna Azabal, Kevin Janssens, Bouli Lanners / Belgium, France / 86’
Standard
venezia 74

Venice is coming…

68150_ppldi Gabriele Ottaviani

Una nuova sezione in concorso dedicata in maniera specifica alla realtà virtuale, tanta Italia, anche se, eccezion fatta per Virzì, i cosiddetti grandi nomi non saranno presenti al Lido perché al lavoro per le proprie pellicole prossime venture, diverse produzioni a firma Netflix, con buona pace di Almodóvar e dei suoi sodali, nuovi spazi, attenzione alla contemporaneità declinata sotto ogni punto di vista, una compagine nutritissima di star nazionali e soprattutto internazionali davanti e dietro alla macchina da presa, da Julianne Moore a Oscar Isaac passando per Matt Damon, Kristen Wiig, Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Michelle Pfeiffer, Domnhall Gleeson, Ed Harris, Sally Hawkins, Michael Shannon, Jean-Pierre Darroussin, George Clooney, Charlie Plummer, Matthias Schoenaerts, Adèle Exarchopoulos, Isabelle Huppert, Chloë Sevigny, Sienna Miller, Frances McDormand, Woody Harrelson, Christoph Waltz, Charlotte Rampling, Penèlope Cruz, Ethan Hawke, Amanda Seyfried, Helen Mirren, Donald Sutherland, Jane Fonda, Robert Redford, Judi Dench, Peter Sarsgaard, Alec Baldwin, Vince Vaughn, Don Johnson, Michael Caine, Kirsten Dunst, Olivier Gourmet e tanti altri: il programma della settantaquattresima edizione di Venezia, presentato oggi presso il cinema The Space Moderno di Piazza della Repubblica, a Roma, promette benissimo, e noi di Convenzionali non vediamo l’ora di seguirlo per voi e con voi.

Standard