Intervista

From South to Northwest: a travel to Norway with the amazing Ruth Lillegraven

by Gabriele Ottaviani

Ruth Lillegraven (photo by Ann Sissen Holte) has written a formidable novel, full of very significant themes: here are her answers to our questions.

How would you describe Norway to those who don’t know it?
Ah, well, where to start: Norway is a small country far up north, with quite cold temperatures compared to Italy. We are quite few inhabitants compared to the area, and since we’ve been lucky enough to find oil, we’ve had a quite privileged economy for many years. We are world known among tourists from all over the world for fjords and mountains and prices way above average. 

What city is Oslo? And what are its inhabitants like?
Oh, to ask me: how is Oslo, is to ask me: how is your parents? Or your kids? I feel unable to give an objective view on Oslo. I moved to Oslo in 1997, 19 years old, right from a farm in the western part of Oslo (yes, like Clara – but luckily my family is a lot more harmonic). Although I now live in the woods in the outskirts of Oslo, and have done that for a decade, Oslo is the town of my life. It’s beautifully surrounded by big woods and the fjord. It’s a small city compared to most European capitals, of course. And like in most cities, it has big social differences. Clara and Haavard in my book live in one of the most privileged areas.

How is Norwegian society?
Ah, very big question to try to answer in a few sentences. The oil income has also made it possible to have a good welfare system, that we are proud of and grateful for. But things are not perfect anywhere.

What influence has Covid had on Norway?
As all other countries we are influenced by this global pandemia in so many levels. But, I have to say, we have been quite lucky so far, compared to Italy and most other countries. We’ve had low numbers of deaths compared to many other countries. It is difficult to say why, maybe thanks to the spread population. But of course Covid 19 has changed social life and life in general to an extreme degree for many people. And the economic consequences for many people are enormous. Many people have lost their jobs, or their businesses have been ruined. For instance it is very serious for the cultural life and for the restaurants, pubs etc. It’s really strange times. Actually, I ended up writing a collection of poetry inspired by this strange springtime and the Covid 19-situation, it was published this autumn. 

For us Mediterranean people Scandinavia is the land of social democracy and welfare, of wealth, well-being, tranquility, sobriety: is this really so?
Heh… Difficult to answer. On many levels I think it is so, yes. I think the Scandinavian countries all are a bit different, although they also have a lot in common. When it comes to Norway, we’ve been lucky to have this privileged economy and that has made it possible to build good welfare systems. But no systems are without holes and weaknesses.

What does Norway need today?
That’s a big question and it can be many answers to that. Personally, I think we need to learn how to deal with the climate-crisis and the worlds refugee-crisis. And maybe have a plan B for how to cope with it when the end of the oil comes…

What can be done to better protect children’s rights?
Well, I’m no expert in the field, but I guess one most work at different fields at the same time: with the laws (like my Clara does), with education and schooling of different professions, with information, within the police etc.

How has Norway changed after Utøya?
That’s very difficult to say. I think almost every Norwegian were deeply shocked and saddened by 22th of July 2011 (it was not only the shooting at Utøya, but also a bombing of some of the governmental buildings in the center of the city). I think we all thought that now everything would become really different. But it’s not easy to conclude on any very big differences. In some ways security is better of course. I worked in the ministry of Transport at that time, and I remember coming back to work (in the building opposite the main building where the prime minister’s office was, the one that Clara describes in the book). It was suddenly a different, more strict security system. But it was also very strange to see the physical wounds in the buildings and the streets, again just symbols of the many destroyed life. Many of us hoped for a warmer, more tolerant society after that trauma. But as I said, I’m not sure to what degree anything has really changed. Well, one thing is that maybe we realize that things like that can happen also here, on our “safe island”.

What is the meaning of justice for you?
Ah, that’s maybe the most difficult question of all you’ve asked me. It’s so philosophical, so essential. I don’t feel able to say something very clever about that. I guess justice is about all people been threated the same way and with the same respect – and given the same chances. And unfortunately, justice on that level has never taken place, and maybe never will. In my book Haavard believes that justice is possible, while Clara says that there is no such thing as justice. And maybe they are both right. Anyway it’s something we should all work for, I think, every day.

How important is the background of origin in a person’s history? Your protagonists come from very different backgrounds…
Ah, that differs from person to person and case to case, I think. But yes, Clara and Haavard are very different, and very much products of their cultural background: Clara as a daughter of a farmer/soldier and a mental ill mother, raised at an desolated farm in the wilder, western part of Norway. Haavard, on his side, from a privileged family with old money and a lot of cultural capital, in the “sunny side” of Oslo. Clara feels he has “come easily to it all” – and I guess she’s right. So, yes, they are opposites, and that influences their marriage to a great deal. The differences that once maybe attracted them to each other, is now something that irritates them.

You are also a poet and playwright: in Italy now due to Covid theaters are closed, if you had the power to reopen them what kind of show would you offer?
Well, I’ve been lucky enough to write one playwright from zero, and also to dramatize one of my poetry books. To work with the theatre was really like a brand new, and very exciting, world for me. And I really hope to do that again in the future. It’s so sad with the closed theatres, it’s the same thing in Oslo now, one of the many sad effect of this situation. I am really looking forward to the reopening of the theatres. But what I would like to write about? Well, it’s not a new thought, but for quite a while I have been wanting to write about something that involves both the climate crisis and a story about a family and their (maybe dysfunctional) relations. And dark and difficult love. Climate & love. A quite vague idea, but …

Why do you write?
To be honest, I think the true answer is that I write because it brings me joy and pleasure and a sense of meaning in my own life – at least at its best. And because, after all these years (fifteen years of writing, although only the last fice as a fulltime writer) I feel that it is the only thing I really know how to do (although sometimes I don’t think I know how to do that either).

What does literature represent for you?
For me personal, above all: I way to dream myself away, take part in other people’s life, sometimes in other places and times. It can be a way to escape from my one life, and therefore also a way to relax. But good literature also makes us brighter, I guess. Brighter – and better – human beings.

Who are Clara and Haavard, your protagonists?
She’s a jurist, he’s a pediatrician. She’s from a small farm in western Norway, he’s from a privileged part of Oslo – the capital – where they now live. They tend to live a perfect life, but they live separate lifes, in a way, and they both have secrets that they hide from each other. He’s a warm, easy-going person, she is more uptight, I think many regards her as chilly or cold, too. She has sharp edges, in a way, and it was important for me that she was like that, a more edgy and demanding character (like in the TV-series I mention below) than many female characters. They have twin sons, and I think one can say that Haavard is a more close and caring parent than Clara. They are both very engaged in their work – and have a common interest in the work for better conditions for vulnerable children.

Your novel will became a movie: if you could choose, who will be Clara and Haavard, and why?
Ah, lovely question. I’ve always thought of Clara as a beautiful, chilly, blonde lady, like Cate Blanchett, Uma Thurman, Robin Wright Penn, Elizabeth Debicki. As for Haavard, I really don’t know. Any suggestion?

Michael Fassbender. Michael Fassbender is my suggestion… How important are history and the past in life?
That differs from person to person, I think. For some persons, the past defines who they are – and has enormous impact on their lives. For others, not so much. In my book, traumas in Clara’s past are very defining for her and how she acts. And also what happened to her father as a soldier in Lebanon has had big impact on her too.

Upcoming projects?
Well, these days I am really trying to finish a new, second book about Clara – I hope it can be published here in Norway the spring of 2021. After that: maybe the climate&love-play, and a third book about Clara. I am also working on a new series for kids, also some kind of “crime fiction” – about environmental cases, its for kids from 6 years and up. Book 1 and 2 came this year, the two next will come next year. This autumn I also have a new collection of poems, the first one in 4 years, called something like “These are different days” – it was written this spring/summer and its partly about the strange year of 2020 and how Covid 19 affects the world and our daily lifes.

Your favorite book and movie, and why.
Ah, it is SO many. So difficult to choose. One favorite author, actually from the same region as I come from in Norway, is Jon Fosse, he’s translated into many languages, also Italian, I would believe. One American novel – very different from Fosse’s book – that made me cry my heart out when I finally read it last summer, was A little life by Hanya Yanagihara. A rich, deeply moving book about how cruel and beautiful life can be. As for films, the last years I have to admit that it has been quite a lot of TV-series the last years, after I became a mother 8 years ago, and Netflix and HBO took over the world. Homeland, The Americans and House of cards are among those who has inspired me in my work with the book, and maybe especially in the creation of my main character, Clara. Money heist, Fauda and Le bureau are other favorites. But this reminds me that I’ve seen too few real movies the last decade! That has too be changed.

Standard
Intervista

Un trionfo italiano: intervista a Micaela Pallini

di Gabriele Ottaviani

Pallini Spa è oggi leader in Italia del mondo beverage con il suo storico Mistrà, il Limoncello prodotto con limoni IGP Sfusato della Costiera Amalfitana e i suoi sciroppi, ma anche i whisky, i rum e gli spiriti di tutto il mondo che distribuisce. La sede degli stabilimenti, a Roma, si trova sulla via Tiburtina ed esporta i prodotti in oltre 35 Paesi del mondo. Ma è proprio il Limoncello a tornare sulla cresta dell’onda, grazie alla recentissima Medaglia d’Oro conseguita al Concours Mondial de Bruxelles – Spirit Selection 2020 che si è tenuta nella capitale belga. A capo di tuttoMicaela Pallini presidente e Ceo dell’azienda, esponente di quinta generazione dell’azienda e prima donna alla guida dell’impresa di famiglia. Imprenditrice di successo, romana, mamma, si racconta in questa breve intervista, a margine della vittoria a Bruxelles.

Che valore ha per lei la Medaglia d’Oro al Concours Mondial de Bruxelles?
Per noi un grande riconoscimento, sia di merito che di metodo: abbiamo lottato per affermare il nostro prodotto come Limoncello Premium negli ultimi 10 anni e mantenere integra la qualità, sia nella produzione che nella comunicazione. In questi anni così difficili da un punto di vista economico, è stato complesso perché il mercato del Limoncello è spesso legato a un’ottica di prezzo mediamente basso, mentre la nostra – testarda – idea di voler puntare alla qualità ci sta premiando. E questa Medaglia lo testimonia.

Qual è la storia di Pallini e quali sono i progetti per il futuro?
Pallini è un’azienda storica che, proprio quest’anno, festeggia 145 anni di attività e stiamo cercando di far riscoprire la nostra Storia attraverso il rilancio di prodotti storici quali il Bitter Pallini, le bagne per pasticceria, i nostri amari, a cui stiamo cambiando “veste” per renderli più accattivanti, mantenendo sempre un legame con la nostra storia e identità.

Qual è il prodotto che ancora non avete realizzato, ma sognate un giorno di produrre o distribuire?
Sicuramente, abbiamo tanti sogni nel cassetto. Vorremmo partire da un rilancio/rebranding del nostro marchio che, dopo tanti anni di attività ha bisogno di un piccolo “make up”, per essere rivisto in modo coerente in tutti i nostri prodotti. Ma anche il lancio di un amaro storico, legato alle nostre origini romane e abruzzesi e qualche chicca nel portafoglio dei prodotti importati la stiamo cercando, ma ancora nulla di sicuro… vi terremo informati!

Chi è per lei il testimonial ideale?
Brad Pitt?? Scherzi – e passioni personali – a parte, penso a un personaggio italiano che, come noi, sia legato alla città in cui viviamo e ne sia appassionato. Il compianto Gigi Proietti sarebbe stato l’ideale…

In che libro o in che film immaginereste i protagonisti sorseggiare il Limoncello Pallini?
Direi in un giallo… Con un paio di mie care amiche – Carla Trimani e Federica Fantozzi – avevamo lanciato una piccola rassegna di presentazione di libri gialli con l’autore, abbinata a una cena/degustazione presso il Wine Bar Trimani, dal titolo “Nero di Seppia & Giallo Limoncello”. Detto questo, direi un romanzo di Antonio Manzini, visto che Rocco Schiavone è romano, oppure un film di 007…sarebbe meraviglioso se James Bond un giorno chiedesse un Pallini Martini, naturalmente shaken not stirred!!

Per maggiori informazioni
www.pallini.com
www.youtube.com/watch?v=Vkhex4OHJEU
Via Tiburtina, 1314
00131 Roma 

Tel. +39 06 4190344
info@pallini.com

Standard
Intervista, Libri

Roberta Palopoli, il crimine e la seduzione

di Gabriele Ottaviani

Roberta Palopoli ha scritto l’ottimo Tre per una – I crimini di Stuart Newell: Convenzionali la intervista per voi.

Da quale esigenza nasce questo romanzo?

In realtà nasce semplicemente da un’idea che mi è venuta su un personaggio che avrei voluto descrivere, non avevo esigenze particolari, mi è venuto in mente proprio lui, Stuart, e mi sono inventata la sua vita.

Chi è il protagonista?

È un uomo ancora giovane, che nel passato ha subito maltrattamenti e abusi da suo padre, rimasto orfano di madre molto piccolo. Ha sviluppato una patologia criminale che tiene sotto controllo nel quotidiano, e sfoga con grande organizzazione e lucidità.

Cosa c’è secondo lei nel delitto di così seducente da portare qualcuno a compiere un crimine?

Secondo me può esserci onnipotenza, sfida, voglia di farla franca. Spesso la patologia emotiva che in genere hanno i serial killer, fa si che non sentano colpa o dispiacere e quindi continuino convinti che sia l’unica strada possibile. Parlo dei seriali, non di chi commette un delitto dettato dall’esplosione di ira occasionale.

Quale messaggio vorrebbe trasmettere ai suoi lettori?

Soltanto di sedersi e leggere e godersi il viaggio, se la storia fa per loro. Io l’ho scritta anche con un pizzico di ironia, che andrebbe colta. Non è una storia drammatica, con epilogo tragico, anche se la follia guida i personaggi.

Perché scrive?

Perché mi aiuta a sognare. A fare ciò che non posso fare, a dar vita a personaggi che non conoscerei, altrimenti.

Il libro e il film del cuore, e perché.

Di libri del cuore ne avrei troppi… leggo da quando ho otto anni; dico L’innocente di Gabriele D’Annunzio, perché è un racconto spietato che riporta alla totalità di un sentimento tra due persone. Il film è senza dubbio C’era una volta in America, capolavoro di emozione, sentimento, crudeltà, tradimento, amicizia e falsità, tutto in uno. L’ho visto tante volte e non mi stanco di guardarlo.

Prossimi progetti?

Ho idee e presto cercherò di svilupparle.

Da cosa sono unite e/o divise psicologia e letteratura?

Sono unite dalla profondità dell’autore, dalla sua capacità introspettiva e di osservazione del mondo esterno. Ahimè non tutti sanno farlo, ma tutti vengono chiamati scrittori o autori, ormai… io considero scrittore solo colui che è capace di suscitare emozioni, non solo negative, anche allegria, ma che sia in grado di far si che chi legge pensi “ proprio come è capitato a me” oppure “ non ci avevo pensato, questa situazione è proprio vera”, che sappia far piangere o sperare, che accompagni il lettore in un viaggio e lo avvolga. Insomma la psicologia serve a rendere condivisibile ciò che si scrive, perché si scrive per essere letti, no?

Standard
Intervista, Libri

Adelio Fusé, l’attesa e le sue tante direzioni

di Gabriele Ottaviani

Adelio Fusé ha scritto per Manni Le direzioni dell’attesa: Convenzionali con gioia lo intervista per voi.

Da quale esigenza nasce questo romanzo?

Le mie storie nascono perlopiù da un’immagine. Una situazione, un luogo e dei personaggi che mi spingono a saperne di più sul loro conto. La testa stabilisce se può valere la pena costruirci sopra una storia ma chi decide sul serio è la mano. Devo sentire la storia nella mano per poterla raccontare. Questo romanzo, però, più che da un’immagine è nato da un’idea: una donna e un uomo che negli anni si incontrano e si lasciano più volte. Si separano per poter incontrarsi di nuovo, affidandosi completamente al Caso e alla forza della loro attrazione reciproca. La donna e l’uomo dell’idea iniziale sono poi diventati Alina e Walter.

Che cosa rappresenta l’attesa?

Nel romanzo l’attesa è un ventaglio di possibilità. L’attesa, come la intendono Alina e Walter, non è una condizione passiva ma movimento, dinamismo, ricerca continua. Se percorro la solita strada che dalle montagne scende verso il mare, so che dopo un certo tornante vedrò il mare. So esattamente dove aspettarmi la visione. Se cambio strada, non lo so più, e il mare potrebbe persino non comparire, perché ho preso una strada interna che se ne allontana. Magari sulla strada sbagliata avrò delle sorprese stuzzicanti. L’esempio, in tempi di “zone rosse”, è sicuramente carico di nostalgia ma serve a dire qual è la forma di attesa presente nel romanzo. L’attesa con le sue tante direzioni.

Walter, il protagonista, tenta di superare il senso d’inadeguatezza che lo affligge viaggiando: specialmente in questi tempi in cui muoversi crea inquietudine per il rischio di propagazione della pandemia, cosa simboleggia il viaggio?

Walter ha soltanto vent’anni quando, convinto di non poter soddisfare le proprie ambizioni, preferisce rinunciare alla scrittura. Viaggia come uno sbandato, senza scopo, finché lo scopo, per lui, non diventerà Alina. Walter e Alina viaggiano molto e in questo rappresentano il presente che non possiamo avere. Siamo imbarcati in una sorta di unico grande viaggio bloccato, e le domande non sono individuali ma collettive: Quando e come ne usciremo? E in quali condizioni? Ma queste domande, pur nel disagio e nella preoccupazione, ci proiettano pur sempre in avanti, verso il “dopo”. Il che corrisponde al senso vero di ogni viaggio, in corso o interrotto.

Alina è un’attrice: come si interpreta la vita?

Alina ha in mente un “teatro naturale”,­ così lo chiama lei,­ e aspira a parole e gesti che siano il contrario di ogni artificio. In fondo non si capacita del fatto che il teatro sia finzione e che lei vi prenda parte. Ma proprio perché partecipa vorrebbe portare almeno la naturalezza che lei tanto insegue. E la insegue anche nella vita, dato che per Alina, idealmente, fra la scena e la vita non c’è scarto. I suoi comportamenti agli occhi di molti appaiono come colpi a effetto del tutto ingiustificabili; lo stesso Walter in un primo momento rimane sconcertato. In Alina, però, non c’è nulla di studiato, nessuna astuzia. Agisce senza filtri, come lei sente di essere dentro.

Cosa incarna la scrittura per lei?

Incarna un modo d’essere. Walter, per esempio, rinuncia alla scrittura ma la scrittura continua a manifestarsi in lui come un bisogno: le cartoline, le lettere o i foglietti con annotazioni varie che sparge nelle città in cui fa tappa sono degli sfoghi necessari, anche se una magra compensazione. Per Alina, lui rimane comunque uno scrittore. Ha ragione lei. Walter finirà per scrivere la loro storia.

Prossimi progetti?

Le direzioni dell’attesa è parte di una trilogia sul tema “viaggio e creatività”, anche se ogni romanzo è a sé, con personaggi diversi. Questo romanzo è il secondo tassello, dopo L’astrazione non è la mia passione principale, pubblicato sempre con Manni. Resta il terzo, a cui vorrei dedicarmi. C’è poi un libro di poesia che si sta avviando. Più là, potrei forse dare un seguito alla storia di Alina e Walter.

Standard
Intervista, Libri

Torino, tatuaggi, terrore e…

di Gabriele Ottaviani

Daniela Schembri Volpe scrive l’avvincente Killer Tattoo – La strana coppia: Convenzionali la intervista per voi.

Che ruolo hanno la magia e l’esoterismo nella vita?

Affermo spesso che la gente viva inconsapevolmente, intendo dire che l’essere umano ha abbandonato la consapevolezza che oltre ai cinque sensi, che ci fanno percepire il mondo, dovremmo sviluppare quello che chiamiamo intuito e che secondo me è qualcosa che va al di là di questo. Basta cercare l’origine della parola “magia” che ha accompagnato la civiltà umana dagli albori, è stata ed è oggetto di studio da parte delle scienze sociali, relazionandosi anche con la scienza e la religione. Magia ed esoterismo viaggiano a braccetto, esoterismo è ciò che pare incomprensibile e quindi misterioso, e il mistero è per l’uomo un fortissimo polo di attrazione. Basta notare quanti generi letterari si basano sul mistero o ancora quanta attrazione abbiano le pagine dei quotidiani che propongono fatti misteriosi insoluti. Purtroppo della magia approfitta una schiera di ciarlatani che strumentalizza le disgrazie altrui per trarne profitto.

Cosa c’è di macabro e grottesco nella nostra società?

La nostra è divenuta una società grottesca, le grandi ideologie sono crollate inesorabilmente lasciando spazio a un vuoto cosmico leopardiano che l’uomo sta riempiendo con il consumo di oggetti e di valori. Il macabro ha sempre convissuto con la nostra società, è dentro di noi, sopito, tenuto a bada, ma pronto a esplodere con i nostri sinistri primitivi istinti.

Che città è Torino, che lei ben conosce e che è uno dei vertici sia del triangolo della magia bianca che di quello della magia nera?

Torino è una città dalle potenzialità infinite, ricca e depauperata al contempo. È una città rinata con i giochi olimpici 2006 e poi irresponsabilmente fatta affossare, dopo tanto lavoro, da una giunta incapace. Torino è celti, liguri, romani, Savoia, romanico, barocco, siti Unesco, delizie reali, palazzi nobili, chiese, esoterismo e magia. Torino è una serie di scatole cinesi che contengono meraviglia all’infinito. È ora che qualcuno che la ami davvero la prenda in mano per farla risorgere.

Da che esigenza nasce questo romanzo?

L’esigenza è stata quella di una sfida. Ho editato diversi noir e ho fatto una scommessa con me stessa: scrivere un noir grottesco in cui non si ripetesse il classico schema omicidio, scientifica, commissario, assassino. Insomma, leggendone un certo numero ho trovato che ci fosse poca capacità di costruire un racconto noir che uscisse fuori dagli schemi soliti del noir nostrano territoriale.

Prossimi progetti?

Sicuramente il sequel di Killer Tattoo – La strana coppia, a cui darò un’ambientazione particolare, e altri libri a tema turistico sulla nostra bella Italia.

Standard
Intervista

Diego Galdino e il mondo visto dal bar

di Gabriele Ottaviani

Barista e scrittore, Diego Galdino conosce la natura umana: conversare con lui è sempre un piacere.

Che cosa avrebbe fatto nella vita se non avesse avuto un bar?

Sicuramente avrei finito gli studi, avevo una grande passione per l’archeologia e per l’arte in generale. Chissà magari sarei potuto diventare l’Indiana Jones dei tempi moderni. 

Che tipo di umanità è quella che vede la mattina davanti a un caffè?

Un’umanità fatta di persone che hanno  bisogno di punti fermi, di certezze, della quotidianità di un caffè bevuto nel Bar del quartiere dove sono nati, cresciuti, o dove sono capitati per caso per passare gran parte delle loro giornate di lavoro. Tutto passa, il Bar resta… Umano. 

Com’è la situazione per esercizi come il suo in tempo di Covid?

Ho la fortuna di continuare ad avere la possibilità di preparare il caffè lavorando dietro al bancone del Bar dove vivo da circa cinquant’anni. Di sicuro la situazione è complicata, la preoccupazione è tanta, molte persone non hanno avuto la mia stessa fortuna, io nel mio piccolo cerco con il caffè di regalare un po’ di quella normalità che al momento sembra perduta. 

Com’è nata in lei la passione per la letteratura?

Grazie ad un amico di famiglia che quando compii tredici anni mi regalò il libro Le nebbie di Avalon. Da quel momento la letteratura è diventata una delle cose che amo di più. 

Qual è il ruolo della letteratura nella vita?

Un ruolo fondamentale. Mi resta difficile immaginare la mia vita senza la letteratura. Dovunque andrò o starò non potrà mai mancare un libro. 

Quando scrive?

Di solito la mattina prima dell’alba. Mi sveglio alle quattro per scrivere un’oretta prima di andare al lavoro. Quello è il mio momento solo della mia giornata. Un tempo dedicato interamente alle mie storie.

Che cosa la ispira?

Il più delle volte a ispirarmi sono delle immagini. Mi piace guardare un posto o una persona e iniziare a lavorare di fantasia creando intorno a essi un mondo. 

Il suo libro del cuore è sempre Persuasione? E il film sempre Notting Hill?

Sì, sono sempre loro i miei punti di riferimento riguardo i libri e i film. Adoro entrambi indefinitamente… 

Perché Rosamunde Pilcher le ha cambiato la vita?

Perché grazie a una ragazza che amava questa autrice meravigliosa ho potuto fare un viaggio che ha cambiato la mia vita. Lo scrittore Diego Galdino è nato sulle verdi scogliere della Cornovaglia.

Che vita è quella di un barista scrittore?

Una vita gratificante, faticosa, complicata, appagante. Una vita vissuta a modo mio. 

Com’è andata la recente presentazione a Zurigo di un documentario sul caffè di cui era fra i protagonisti? Di che film si tratta? Che esperienza è stata?

È andata benissimo. Essere invitato come ospite d’onore alla prima di un documentario internazionale riguardante il caffè è stata un’esperienza indimenticabile. Addirittura concludere il documentario leggendo un brano del mio primo romanzo Il primo caffè del mattino è stato un sogno a occhi aperti. Un documentario che racconta la storia del caffè dalle piantagioni più famose al bancone del Bar su cui viene servito alla fine di un percorso lunghissimo e tra tanti banconi su cui poggiare quella tazzina finale aver scelto proprio il mio è stato come vincere un premio Oscar. 

C’è un film in lavorazione che la riguarda, sbaglio? Può dirci qualcosa in più?

Al momento si sta iniziando a parlare del regista e degli attori. Mi sto gustando ogni piccolo passo di questo incredibile sogno ad occhi aperti. Interagire con degli sceneggiatori importanti come Paolo Girelli e Sandra Buchta, sentire la stima e l’entusiasmo di uno dei produttori cinematografici più importanti d’Europa mi fa stare tre metri sopra al cielo. Ovviamente sono consapevole che i tempi saranno lunghi e il Covid non aiuta, ma il progetto è molto serio e le basi solidi, quindi sono molto fiducioso e contento per questa grande opportunità. 

Che effetto le fa quando in Sudamerica le ditte di caffè scelgono le sue frasi come slogan?

Un po’ resto disorientato. Faccio ancora fatica a considerarmi uno scrittore di fama internazionale… Quindi ancora oggi sono il primo a restare stupito del mio successo planetario. 

Il sogno che non ha ancora realizzato?

Sedermi davanti a uno schermo per vedere un film tratto da un mio romanzo… 

A chi offrirebbe un caffè, e perché?

A lei per essere stato così gentile da intervistarmi…

Standard
Intervista, Libri

Pasquale Listone: la vita, lo sport, la scrittura e il fango

di Gabriele Ottaviani

Pasquale Listone scrive Fango: Convenzionali lo intervista con gioia.

Che cos’è il fango del titolo?

Il Fango è un momento, un attimo che tutti vivono e sopravvivono. Riconoscerlo non è da tutti e uscirne è veramente per pochi.

Da quale esigenza nasce questo romanzo?

Non è un’esigenza, è un desiderio. Le esigenze implicano necessità, il desiderio invece è la volontà di emergere. Fuoriuscire dagli schemi.

Lei è un istruttore di tennis: che relazione c’è tra sport e scrittura?

Insegnare uno sport è molto simile alla scrittura. Baso tutto sul ricordo, credo che i ricordi siano quanto di più prezioso abbiamo. Le parole scritte restano così come gli insegnamenti in un campo.

A quali valori dello sport tiene maggiormente?

Con lo sport ho uno strano rapporto, amore e odio. Ma sicuramente lo sport ti insegna l’impegno. Senza quello non si va da nessuna parte. E lo sport te lo ricorda ogni giorno.

Come si elaborano le sconfitte della vita?

Non si elaborano, si superano.

La sua bella pagina Instagram ha oltre sessantacinquemila followers: cosa le piace maggiormente dei social?

Dei social amo la libertà di scelta.

Perché “gli occhi sono come un puzzle”?

Perché gli sguardi sono per tutti ma solo in un paio di occhi potrai incastrarti. Proprio come un puzzle.

Di cosa parla, sempre per citarla, il silenzio quando tace?

Il silenzio fa un casino esagerato. Perché emergono i pensieri, quelli che provi a spegnere con rumori o parole. Ma il silenzio è spesso terapeutico, bisognerebbe inserirlo come orario a scuola, un’ora di silenzio e pensiero.

Perché scrive?

Perché mi ascolto, riesco a parlare con me stesso e a esprimere davvero il mio vero pensiero.

Prossimi progetti?

Scrivere e parlare con chi vuole ascoltarmi davvero. Potrà sembrare una frase fatta, ma nessuna frase è “finta”. Dipende da chi le dice.

Standard
Intervista, Libri

“Scrivo perché non mi riescono altre truffe”: intervista a Jonathan Rizzo

di Gabriele Ottaviani

Jonathan Rizzo ha scritto Le scarpe del flâneur: Convenzionali lo intervista con somma gioia.

Chi è un flâneur? E chi è un poeta?

Il flâneur è lo scrittore camminatore ispirato dai boulevard e dalla vita parigina. Un poeta è un albatro, avrebbe risposto Baudelaire. Io che mi chiamo Jonathan dirò un gabbiano.

Da quale esigenza nasce questa raccolta?

È una droga la poesia, come vivere. Ne sono assuefatto. Scrivere mi permette di salvare quel poco di colore che rimane nel mondo, o di liberarmi dei grigi esistenziali.

Può spiegarci più approfonditamente la dedica del suo libro, a Charles Baudelaire e Serge Gainsbourg?

Cerco sempre di lasciare un indizio al lettore con le dediche iniziali nei miei libri, un atto d’amore per chi mi stringerà con sé nella lettura. Ogni libro è dedicato ad un poeta che mi ha formato. Ritenevo fosse naturale che questo fosse per Charles e Serge, nella verità storica delle nostre tre vite.

Che rappresenta Parigi per lei?

Una nuova casa d’adozione naturale. Il luogo della rinascita. Parigi e la Francia.

Perché chiama la lussuria “signorina”?

Perché sono un gentiluomo.

Perché “i morti siamo noi”?

Perché in questa nostra “bella” società occidentale piccoloborghese intrisa di ipocrisia e pseudomisticismo imparato a memoria siamo tutti mostruosamente fottutamente ciechi.

Chi sono “gli acrobati della disperazione”?

Gli innamorati.

Quali sono “i minuti della disperazione”?

I pochi che le persone solo e si vedono concessi dalla gente. Bruciano bruciano bruciano, vite e minuti in cenere.

Perché dedica una poesia al “pensiero periferico”?

Perché ne dedico tante ai cosiddetti ultimi, gli unici che senta vicini e umani.

Come si risolve il dissidio fra corpo e anima?

Sesso, alcool e ogni cosa che riesca a non far pensare a questa domanda.

Perché scrive?

Non mi riescono altre truffe.

Qual è la poesia che ha nel cuore?

Delle mie la prossima. Di quelle che mi hanno formato, Baudelaire/Whitman/Ungaretti/Campana/Bukowski in ordine cronologico.

Standard
Cinema, Intervista

Davide Cancila e il Cacciatore di Ghiaccio

di Gabriele Ottaviani

Davide Cancila è il regista di The iced hunter: Convenzionali ha la grande gioia di intervistarlo per voi.

Chi è il Cacciatore di Ghiaccio?

Il Cacciatore di Ghiaccio è un personaggio dotato di poteri straordinari, una sorta di eroe fantastico che però è costretto a utilizzarli per gli scopi di qualcun altro, che lo sfrutta come se fosse un’arma. È figlio di un immaginario anni ’80 e ‘90, di influenze fumettistiche, cinematografiche e in parte anche videoludiche, ma soprattutto è un personaggio che alla fine cerca solo l’amore, un po’ come tutti nella vita. È un personaggio a cui sono sempre stato molto legato, tanto da aver realizzato due cortometraggi che lo vedono protagonista.

Come nasce questo film?

Il film nasce dal tentativo di fare un remake del corto originale; parlando con un altro noto videomaker italiano mi è stato proposto di scrivere un lungo e così è nata la prima stesura della sceneggiatura, inizialmente concepita come un horror molto crudo. Poi una volta che mi sono ritrovato a gestire il tutto da solo sono state apportate delle modifiche, avvicinando maggiormente il racconto alle mie corde.

Come ha scelto gli attori?

Con alcuni membri del cast avevo già avuto occasione di collaborare, tanto che i personaggi di “Rafael” e “Alexei” sono stati scritti appositamente sui loro interpreti, rispettivamente Alex Lucchesi e Alessio Cherubini. Gli altri sono stati poi scelti sempre nell’ambito del cinema indipendente: Federico Mariotti per esempio l’avevo già conosciuto e apprezzato in alcuni cortometraggi, mentre Ivan King aveva le caratteristiche fisiche perfette, nonché la passione, che stavo cercando. A tal proposito, vorrei fare un  ringraziamento in particolare a Camilla Daldoss, che, oltre a occuparsi di gran parte delle riprese, ha trovato molti validi membri del cast del film.

Cosa la affascina di più dei generi horror e fantasy?

Sono generi che ho sempre adorato fin dalla più tenera età per il loro carattere intrinsecamente “sognante”. Poi crescendo ho iniziato ad apprezzarne il valore metaforico, in quanto secondo me l’horror e il fantasy rendono al meglio quando vengono utilizzati come mezzo per raccontare altro.

Prossimi progetti?

Al momento sto terminando alcuni cortometraggi, ma c’è l’idea di dedicarsi a un nuovo lungometraggio: riguardo “The Iced Hunter”, ricordo che ha un finale volutamente aperto e tante domande in attesa di risposta…

Standard
Intervista

Il ritorno di Don Papa… con tante novità

di Gabriele Ottaviani

Lancio del nuovo Don Papa Rye Aged Rum: un nuovo prodotto invecchiato in botti ex Rye Whiskey americano. Un’altra perla nella ricca gamma Don Papa. Don Papa ha presentato in Italia il nuovo Rye Aged Rum presso il The Sanctuary, giardino esotico nel cuore di Roma che ben si incontra con lo stile Jungle delle etichette, così evocative, dei Rum Don Papa. Ma oltre l’estetica, troviamo un prodotto molto piacevole e di qualità: piccole produzioni, gusto articolato ma non inaccessibile, versatile in miscelazione. Il Rye Aged Rum svolge un invecchiamento di 4 anni in botti di Rye Whiskey americano – un whisky a base di segale – e si distingue per l’impronta asciutta e speziata che in parte mutua proprio dall’affinamento. Così insieme a note di caramella d’orzo, troviamo il pepe nero, la liquirizia, cenni agrumati. Il sorso è pieno, morbido, inconfondibilmente Rum. In chiusura è deciso, asciutto e lascia spazio a ricordi di anice. Ne parliamo con Walter Gosso, Trade Advocacy Manager e Ambassador di Rinaldi1957, distributore esclusivo per l’Italia.

Che rum è il Don Papa?
Don Papa Rum chiaramente è un rum da melassa con ispirazione spagnola nel suo essere. Nasce nell’Isola di Los Negros, nelle Filippine, un’isola ricca di canna da zucchero, denominata Sugarlandia, nome non a caso. Quest’isola ci regala un prodotto ricco di minerali (potassio, sodio, magnesio etc.) che viene raccolto quasi tutto l’anno, tranne che nel periodo dei monsoni, da fine maggio a settembre. La sua melassa viene prodotta con lieviti locali che fermenta per un lungo periodo, ottenendo così un prodotto molto aromatico e ricco di mineralità. Il Don Papa Rum invecchiato per 7 anni in botti di rovere americano, rasate al suo interno e carbonizzate con una tostatura extra all’esterno. I suoi anni di invecchiamento confluiscono in un prodotto piacevole sia al naso che al palato. Ritroveremo note di vaniglia e arancia candita con un lieve tocco di fichi maturi e al palato sarà caldo e avvolgente, con la piacevolezza delle note agrumate, legate alla sua mineralità che si abbinano in modo gradevole alle note di cioccolato e liquirizia. Don Papa Rum si può adattare a una miscelazione classica, legata sia ai cocktail a base rum che alla miscelazione moderna, grazie alla creatività dei nuovi mixologist, sempre alla ricerca di nuove creazioni e sfumature, nonché agli abbinamenti gastronomici, sia nella versione miscelata che in purezza. L’abbinamento al cioccolato è perfetto per un momento di meditazione assoluto, si può variare da un fondente al 55% al 65% con diverse tipologie di cacao, da quello sud-americano a quello africano, da un Criollo a un Forastero, ma anche con un buon cioccolato al latte oppure uno storico Cremino Baratti&Milano, il nostro abbinamento risulterà sublime! Un altro abbinamento che possiamo goderci è quello con il sigaro, dal nostro più amato e importante toscano ai più morbidi caraibici o canari di Las Palmas.

A quale target si rivolge Don Papa?
Don Papa Rum si rivolge a differenti target di età, di consumatori e amanti del rum. Da un pubblico più giovane che preferisce probabilmente una miscelazione del prodotto, con cocktail ricchi di sapori tropicali e fruttati, a un pubblico più esperto del distillato di canna da zucchero. Don Papa, con le sue differenti release, dal Don Papa 10yo allo Sherry Cask o con le sue Limited Edition, come il Rare Cask, il Sevillana e l’ultimo nato, il Rye Cask Aged, può deliziare palati differenti e di diverse età e portafogli. Gli amanti del rum possono ritrovare in lui il piacere di degustare un prodotto liscio, adatto alla meditazione e al piacere di una beva complessa e articolata, che può stimolare il palato più difficile. Sicuramente il target moderno è nelle sue corde: è perfetto per le feste mondane come per un evento classico, avvicina ogni tipologia di consumatore e diventa, per ogni occasione, il compagno ideale di felicità e spensieratezza, sempre bevendo con moderazione.

Qual è la storia del Don Papa nel mondo e in Italia?
Don Papa Rum, essendo un distillato delle Filippine, porta con se un bagaglio di storia popolare immensa: dalla sua colonizzazione spagnola, al Dopoguerra, con gli americani che ebbero una forte influenza sulla cultura locale e sulle sue abitudini, acquisite dalla loro presenza nel Paese. Don Papa sicuramente risveglia molta curiosità, per essere un rum: quando si parla di questa tipologia di distillato, infatti, il pensiero cade subito, per abitudine, sul Centro-America e sui Caraibi. Quando si assaggia questo rum e si svela che proviene dalle Filippine, subito si crea un velo di stupore. Don Papa sia in Italia che nel mondo, rispecchia anche la storia del suo ideatore e creatore, Stephen Carrol che, nel 2011, si innamora dell’Isola di Los Negros, con la sua folta vegetazione e coltivazione della canna da zucchero e il suo clima ideale per produzione di rum e il suo invecchiamento. Un uomo che con il suo coraggio e la sua volontà ha creato un distillato che, a oggi, si identifica come uno dei marchi-icona del mondo dei rum.

Che progetti avete per il brand?
Don Papa Rum negli ultimi anni si è inserito tra i leader di mercato del settore, per cui come azienda importatrice nutriamo innumerevoli aspettative. A fine settembre, abbiamo lanciato a Roma la nuova release, Rye Cask Aged, un Don Papa invecchiato esclusivamente in sole ex-botti di rye whiskey americano, whisky di segale, per noi una vera felicità, riscontrando un enorme successo tra i nostri ospiti. Lavoreremo sempre di più con il mondo del food, dove Don Papa trova uno dei suoi habitat più confortevoli, specialmente nel pairing con piatti della cucina indo-asiatica, oppure con lo stile più moderno Fusion, dove diversi stili di cucina si intrecciano fra di loro.

Per maggiori informazioni
https://www.rinaldi1957.it/
www.donpaparum.com
www.facebook.com/Rinaldi1957
www.instagram.com/Rinaldi_1957
www.instagram.com/donpaparum

Standard