eventi

CRAQ

23905633_154316715318836_4108676700543780768_nPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Il 13 dicembre alle ore 18.00 si terrà, presso la storica libreria Gremese di Roma, la presentazione del progetto “CRAQ – Wine, Food & Book Concept Store”, che ha avuto il suo lancio ufficiale durante la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria “Più Libri Più Liberi”. CRAQ è l’acronimo di Cratere Aquilano, definizione che indica la zona abruzzese – comprendente 57 comuni delle province de L’Aquila, Teramo e Pescara – colpita nel 2009 da un feroce evento sismico. Il progetto nasce quindi con l’obiettivo di evidenziare le potenzialità di questi luoghi, valorizzandone i punti di forza e la produzione, ma anche a porre l’accento sulle problematiche che il territorio ha dovuto affrontare a seguito di quei drammatici eventi. Puntando sulla sinergia che da sempre esiste tra la cultura e il cibo, CRAQ vuole dunque far conoscere al grande pubblico nazionale e internazionale le eccellenze culinarie ed enologiche della zona del Cratere Aquilano. È con questo obiettivo che sono stati ideati 24 eventi denominati “Book & Food” che avranno come protagonisti gli autori dei libri e i prodotti tipici (formaggi, salumi, vino, birra, zafferano…) del Cratere Aquilano. Questi incontri rappresenteranno dunque l’occasione per ascoltare scrittori, degustare specialità e conoscere le storie di alcune delle aziende coinvolte nel progetto. Durante tutto l’anno la libreria Gremese esporrà in 4 corner dedicati i prodotti agroalimentari e per la mise en place realizzati dai soggetti coinvolti nel progetto CRAQ, insieme al materiale informativo relativo alle loro Aziende. Tra i primi produttori ad accogliere con entusiasmo il progetto citiamo: Birrificio La Monna di Pizzoli (AQ), Cooperativa Altopiano di Navelli (AQ), Società Agricola Battista di Goriano Sicoli (AQ), Azienda Zootecnica Gran Sasso di Giulio Petronio con sede a Castel del Monte (AQ) e Ceramiche Simonetti di Castelli (TE). I finanziamenti del progetto – sviluppato e realizzato dalla Libreria Gremese – sono del Ministero dello Sviluppo Economico, gestiti da Invitalia.
Sito web del progetto: http://www.craq.abruzzo.it

Annunci
Standard
eventi

Valigia di salvataggio

Fabiana Amarante - Cosimo M. Ferri e Barbara De Rossi - 2.jpgPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Violenza sulle donne: presentati di dati del progetto “Valigia di Salvataggio: per non tornare indietro”

“in pochi mesi raddoppiata la richiesta delle valigie per le donne in fuga vittime di violenza” l’allarme di Grazia Passeri, presidente Salvamamme

Roma, 27 novembre 2017 – “Da quando abbiamo presentato gli ultimi dati a giugno la richiesta delle valigie di Salvataggio per le donne in fuga vittime di violenza in pochi mesi si sono praticamente raddoppiate, dall’avvio del progetto ad oggi sono state consegnate in tutto 848 valigie e valigine, per i minori a seguito, un fenomeno preoccupante che rivela una vera e propria emergenza”, è l’allarme lanciato da Grazia Passeri, Presidente di Salvamamme. L’Associazione ha organizzato, al Circolo dei Funzionari della Polizia di Stato, l’evento presentazione “Valigia di Salvataggio: per non tornare indietro”, con l’obiettivo di tracciare un bilancio del progetto che è una vera e propria un’ancora di salvataggio che offre alle donne in fuga un piano di azione completo che le metta al sicuro nei primi giorni successivi all’abbandono della loro casa o in momenti di alta criticità, anche con oggetti (per sé e per i propri figli) che possono essere utili, dagli abiti e le scarpe ai prodotti per l’igiene personale, fino a tutte le informazioni, dai numeri utili all’assistenza psicologica e legale. La valigia e i suoi servizi, che vuole essere un modello da realizzare in Italia e in Europa, è Patrocinato dal Ministero della Giustizia, e avviato in collaborazione con la Polizia di Stato con due protocolli operativi firmati (insieme all’Associazione “Rete di Sicurezza Attiva”) con la Questura di Roma e con il Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro Rugby.

Ha aperto l’incontro, coordinato dalla giornalista Donatella Gimigliano, Marta Bonafoni, membro della commissione Politiche Sociali, presente anche in rappresentanza del Presidente Zingaretti: “ci siamo innamorati subito dell’iniziativa “Valigia di salvataggio”. – ha raccontato la consigliera regionale – “la donna capace di dire “no” alla violenza va affiancata e aiutata, anche mediante un’accoglienza concreta, e per questo ogni provincia del Lazio avrà finalmente il suo centro antiviolenza e la sua casa-rifugio». “Protezione, prevenzione, ascolto ed educazione: è questa la strada per azzerare i fenomeni di violenza di genere. Gli strumenti normativi a disposizione delle vittime ci sono e funzionano, ma è necessario un cambiamento sociale che sia fondato sull’educazione al rispetto a partire da scuole, istituzioni, media e strutture penitenziarie” – ha spiegato Cosimo Maria Ferri, sottosegretario di Stato al Ministero della Giustizia, nel suo intervento all’incontro, nel quale ha anche sottolineato: “bisogna inoltre garantire alla vittima l’esistenza di un coordinamento omogeneo a livello nazionale tra servizi territoriali, centri antiviolenza ed assistenza sanitaria; valorizzare l’identità e l’autonomia delle donne e promuovere campagne di sensibilizzazione e formazione a vari livelli sono aspetti irrinunciabili per instaurare un’autentica cultura di reciprocità.”

Dopo i saluti di Massimiliano Bizzozero, referente progetti sociali delle Fiamme Oro Rugby Polizia di Stato, Il programma della serata ha visto laproiezione del nuovo spot della valigia diretto da Marco Santoro e realizzato in collaborazione con la Regione Lazio e Rotary Club Roma,abbiamo voluto dipingere il buio dal quale ogni donna può e deve uscire – ha spiegato Barbara De Rossi, presidente onorario di Salvamamme e protagonista, insieme ad Alessio Boni – “in pochi minuti densi di emozione il ricordo della violenza rimane alle spalle e il messaggio è che si può ricominciare”. Katia PacelliDirettore Generale di Salvamamme, ha poi illustrato, nella loro completezza, i dati aggiornati sull’incidenza del progetto. Presentato, inoltre, lo spot “Provaci con me”, realizzato in collaborazione con la Federazione Pugilistica Italiana alla presenza di Michela Pellegrini, responsabile della comunicazione e di Emiliano Marsili (Pugile Pro ex Campione del Mondo IBO e Campione Europeo EBU), protagonista del documentario “Tizzone Storia di un Grande Campione” e che, a gennaio, sarà protagonista del Campionato Mondiale della Pace WBC, evento solidale organizzato in collaborazione con la Scuola VaticanaFabiana Amarante, coordinatrice generale “Valigia di Salvataggio, ha concluso la serata arricchita dalla straordinaria performance canora della vocalist, musicista e compositrice, Cinzia Tedesco, a ragione considerata una delle piùgrandi protagoniste del jazz italiano e europeo. Intensa l’attività del Salvamamme, sempre in prima linea, in questa settimana dedicata al contrasto della violenza sulle donne con la partecipazione a convegni ed iniziative, come quella organizzata da PinkItalia a Palazzo Ferrajoli “L’amore non ha lividi“, o quella organizzata dal Gruppo BNL Paribas per i propri dipendenti. Ma l’Associazione si occupa anche di prevenzione con interventi mirati ai ragazzi delle scuole medie e superiori, attività portata avanti in collaborazione con le Fiamme Oro Rugby della Polizia di Stato, e quest’anno ha organizzato per le utenti di Salvamamme, un corso di difesa personale tenuto dal maestro Renato Rodrigues che si è tenuto nella palestra WelnessTown.

L’evento è stato organizzato grazie al sostegno di: Bulgari, Rotary club Roma Sud Est, Nadia Carolina Negro – Azienda Fattorie Toscane, Enosis, Carlo Dugo, Ambasciatore italiano del Concourse Mondial de Bruxelles del vino, Centro Medico Acaia, Crystiano Cavallucci Graphic Designer.

Standard
eventi

“Nel nome di Abramo”

manifesto.jpgPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Dal 23 al 26 novembre a Campi Salentina (Lecce)
La Città del Libro si rinnova: Nel nome di Abramo

Tra gli ospiti della XXII edizione della manifestazione: Tahar Ben Jelloun, Massimo Bray, Alessandro Leogrande, Domenico Quirico, Jeannette Bougrab, il Premio Pulitzer Jenny Nordberg e molti altri giornalisti, scrittori, blogger, docenti universitari, giuristi  provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo. Incontri, presentazioni, dibattiti, laboratori nelle scuole:
un osservatorio per capire a che punto è il Sud del mondo.

Parte da Campi Salentina una nuova “Città del Libro”, sotto la direzione artistica del regista e sceneggiatore Alessandro Valenti e promossa dall’omonima Fondazione, con l’intento di specializzarsi nel rapporto con il modo arabo e mediterraneo: “Nel nome di Abramo”.

 

Abramo è un profeta carismatico, il cui nome significa “padre di molti popoli”, un riferimento culturale fondamentale e unificante per una moltitudine di popoli praticanti le principali religioni monoteiste: l’ebraismo, il cristianesimo e l’islamismo.

Un simbolo, quindi, da cui partire per riflettere sul Mediterraneo come luogo di incontri e occasione di dialogo interculturale tra popolazioni, culturalmente e storicamente correlate, affacciate sullo stesso mare.

Questo l’intento della rinnovata “Città del Libro”: costruire ponti culturali, sociali, civili ed economici con quei luoghi del mondo che, pur così vicini, a volte sembrano lontani, sconosciuti e associati solo ai problemi del sottosviluppo, dell’immigrazione, della povertà e delle guerre. Non un luogo dove si presentano semplicemente libri ma promozione di una comunità unita da uno stesso obiettivo: costruire ponti e non muri. In questa direzione si inserisce la sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra l’Università del Salento e L’Università di Rabat per lo scambio di studenti e docenti.

“Abbiamo deciso di guardare verso il sud del mondo: l’Africa, il Mediterraneo. Mi sono detto: facciamo partire da qui un nuovo Erasmus verso l’Africa. Abbiamo invitato i rettori delle principali università del Maghreb arabo e con loro firmeremo un protocollo d’intesa finalizzato anche all’ interscambio di docenti e studenti. Dalla piazza di Campi Salentina lanciamo un’idea innovativa, dirompente: ragazzi potete andare a studiare anche in Africa, non è obbligatorio andare al Nord, esiste anche il Sud del mondo.”

Alessandro Valenti

Tahar Ben Jelloun, scrittore marocchino, tra i più importanti e significativi intellettuali contemporanei, ha aderito con entusiasmo e si fermerà per tutto lo svolgimento della manifestazione.

Tra gli ospiti ci saranno gli scrittori Boualem Sansal (Algeria), Pap Khouma (Senegal), A. Igoni Barrett (Nigeria), Sumaya Abdel Qader (Italia/Giordania/Palestina), Noo Saro-Wiwa (Inghilterra, figlia dell’attivista nigeriano Ken Saro-Wiwa), Takoua Ben Mohamed (Tunisia), Nafissatou Dia Diouf (Senegal), Ali Bader (Iraq), Anna Grazia Bassi, Massimo Bray, i giornalisti Alessandro Leogrande, Federico Mello, Sandra Federici, Angela Codacci Pisanelli, Domenico Quirico, Marco d’Eramo, Lorenzo Declich, Brigitte Adès (politiqueinternationale.com), la scrittrice svedese Premio Pulitzer Jenny Nordberg, Alì Rashid, la giurista e politica francese Jeannette Bougrab, l’avvocato Massiliano Arena, la sociologa Alessandra Caragiuli, la cantante Saba Anglana, il cantante e leader dei Radiodervish Nabil Salameh.

Molti gli appuntamenti, che affolleranno il centro storico, oltre venti talk, presentazioni di libri e reading, una sezione OFF ricca di incontri, infine un fitto programma dedicato alle scuolecon trenta laboratori e altrettanti incontri con gli autori.

Standard
eventi

“Enchanted nature”

Locandina XX defPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Soltanto poche settimane fa, con conseguenze devastanti, è passato sulle Isole britanniche l’uragano Ophelia, che è solo l’ultimo di una lunga serie dopo Irma, Maria, Matthew. Insieme agli incendi di quest’estate in Spagna, in Portogallo e in Italia – provocati dalla coincidenza di temperature elevate, siccità e forti venti – questi fenomeni delineano ormai un trend allarmante e rappresentano un segnale evidente di quanto sia urgente discutere per trovare al più presto rimedi efficaci.

L’evento dell’11 novembre sarà l’occasione per riunire a Venezia diversi esperti e critici con l’obiettivo di affrontare l’argomento da una prospettiva allargata. Il mondo artistico-culturale e quello scientifico saranno seduti allo stesso tavolo di lavoro per una conversazione informale, attorno al quale professionisti ed esperti si confronteranno sui rapporti possibili fra arte e scienza di fronte all’urgenza di fatti come questi ultimi, che condizionano profondamente le nostre vite.

“Enchanted Nature” è il lavoro fotografico dal quale è nata l’idea della conferenza. Esposto a Palazzo Mora fino al 26 novembre nell’ambito della mostra Personal Structures, collaterale della Biennale, è la presa di coscienza di uno stato di allerta, di uno squilibrio, di un’incrinatura tangibile e a prima vista poco colmabile fra l’uomo e l’ambiente.

Diversi ed eterogeni saranno gli interventi: dalla resilienza urbana di Pietro Pelizzaro alla ristrutturazione di un ecomuseo di Nicola Nottoli per una cultura che sensibilizza sul tema; poi il riciclo dei materiali artistici della Biennale di Giulio Grillo (Rebiennale), la mappatura del territorio per costruire un ponte tra cultura del riciclo e imprenditoria di Antonella Grana (Progetto Re-Cycle), l’intervento di Lara Caccia che terrà un report sull’utilizzo e riciclo dei materiali nell’arte contemporanea e, per concludere, la relazione della ricercatrice Carla Bordini Bellandi.

La tavola rotonda sarà preceduta dalla visita guidata alla mostra curata dal team specializzato di Palazzo Mora.

Info

Ore 13.30: visita guidata alla mostra

Ore14.30- 17.30: tavola rotonda

via Strada Nuova 3659, Palazzo Mora, Venezia

Standard
eventi

Lingua e cultura italiana nel Principato di Monaco

L'ambasciatore Cristiano Gallo - Enrico PinocciPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Lunedì 16 ottobre 2017, alle ore 19.30,  presso il Salon Bellevue, nel centralissimo Cafè de Paris di Monte-Carlo, l’Ambasciatore d’Italia nel Principato di Monaco, S.E. Cristiano Gallo, inaugurerà la XVII edizione della Settimana della Lingua e della Cultura italiana a Monaco, che gode dell’alto patronatodi S.A.S il Principe Alberto IIe del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella.

 

La serata inaugurale, intitolata “Una finestra sul Cinema italiano”, è organizzata dall’Ambasciata d’Italia nel Principato di Monaco in collaborazione con la Movie On Pictures, di cui Enrico Pinocci èPresidente e CEO.

Il programma della serata, che sarà presentata da Vincenzo Bocciarelli,  prevede la proiezione di quattro cortometraggi (grazie alla collaborazione con ILCORTO.IT): Un filo intorno al mondo, regia di Sophie Chiarello con Aldo, Giovanni e Giacomo; Ogni giorno, regia di Francesco Felli con Stefania Sandrelli e Carlo Delle Piane; Neanche i cani, regia di Alfio D’Agata con Nino Frassica; L’amore è un giogo, regia di Andrea Rovetta con Neri Marcorè. Verranno inoltre assegnati riconoscimenti alla carriera cinematografica agli attori Barbara Bouchet, Flavio Bucci e Fabio Testi.

Standard
eventi

I Sassi d’oro – II edizione

sassi-doro-2017-27-250x188.jpgPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Da poco conclusa, con grandissimo successo, la seconda edizione de “I Sassi d’Oro”, la manifestazione culturale che, in una cornice unica al mondo –  la città di Matera, capitale della cultura nel 2019 – ha acceso i riflettori sulle professionalità coinvolte nella filiera di produzione e post-produzione cinematografica e televisiva premiandone  le migliori categorie.

Nella splendida “Casa Cava”, nel cuore del centro storico della città dei Sassi, Giancarlo Magalli, affiancato dalla doppiatrice Monica Ward, ha condotto la serata di premiazione coinvolgendo e scherzando con i molti ospiti che si sono avvicendati sul palco di cristallo della splendida cava naturale. Prima fra tutti la madrina della serata, Rossella Brescia, accolta dal pubblico con grandissimo calore. La bella e simpatica Jane Alexander, ha ritirato il premio alla memoria di Nick Alexander, suo padre, per il doppiaggio di film italiano-inglese. Premio speciale per Cinzia TH Torrini, per la sua fiction Sorelle, ambientata proprio a Matera e che ne ha esaltato la magica bellezza. Tra i premiatori, Matteo Branciamore e Massimiliano Vado, a brevissimo al cinema con Nove lune e mezza, che hanno divertito il pubblico duettando con Magalli. In prima fila la giuria, tra i presenti Irene Bignardi, giornalista e critica cinematografica, l’attrice Silvia D’Amico e Paride Leporace, giornalista e direttore della Lucana Film Commission.

Per la migliore edizione italiana d’autore è stata  premiata Romina Franzini con “E’ solo la fine del mondo”. Migliore evento tv dell’anno “The Young Pope” di Paolo Sorrentino. A ritirare il riconoscimento è stato Rodolfo Bianchi, direttore della squadra che ha curato il doppiaggio. Il premio alla memoria di Manlio Rocchetti, vincitore di un Oscar per il trucco con il film “A spasso con Daisy” e scomparso nello scorso mese di gennaio, è stato consegnato al  fratello Luigi.  Nel corso della serata è stato premiato come miglior spot pubblicitario quello di  “Poste Italiane – il futuro dal volto umano”. Il premio miglior mixaggio è stato assegnato a Giovanni Pallotto per il film “La pazza gioia” di Paolo Virzì che si è aggiudicato anche il riconoscimento per la  migliore regia. Quello di miglior regista esordiente è stato dato a  Fabio Guaglione e Fabio Resinaro per il film “Mine”. Il premio migliore impresa è stato assegnato a Filippo Tortoriello, lucano di Baragiano che ricopre la carica di presidente di Unindustria. Migliore voce femminile dell’anno Chiara Colizzi (che doppia tra le altre Nicole Kidman, Kate Winslet e Uma Thurman), miglior voce maschile, invece, Rodolfo Bianchi (Gérard Depardieu, Al Pacino, Jeremy Irons).

La cerimonia di premiazione ha concluso la tre giorni de “I Sassi d’Oro, impresa, doppiaggio è cinema”. Un appuntamento che ha visto protagonisti giovani professionalità del Mezzogiorno coinvolti in un intenso programma di workshop e attività di laboratorio. Un progetto mai realizzato prima. Nel corso degli incontri, i partecipanti giunti non solo dalla Basilicata, ma anche della altre regioni limitrofe, hanno avuto modo tra l’altro di approfondire le tematiche della sottotitolazione per l’audiovisivo e le tecniche per le diverse categorie di non udenti.

La manifestazione è ideata e organizzata da D-hub studios, ed è sostenuta dal Programma Sensi Contemporanei BasilicataAgenzia per la Coesione Territoriale e Regione Basilicata.

Si punta già alla terza edizione.

Standard
eventi

Premio Camomilla

Premio-Camomilla-Women-for-Women-2017-300x267.jpgPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Conto alla rovescia per la III edizione di “Womefor Women against violence – PREMIO Camomilla che nasce per sostenere il contrasto alla violenza domestica e le donne che lottano contro il tumore al seno. Promosso dall’Associazione Consorzio Umanitas Onlus e organizzato dalla sua Presidente, Donatella Gimigliano, in collaborazione con Avs e PiùAthena eventi, il charity eventPatrocinato dalla Rai, dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, dalla Regione Lazio e dalla FERPi, sarà presentato dalla giornalista Emma D’Aquino e si terrà il 3 ottobre 2017 alle 19.00 al The Church Village (Via di Torre Rossa, 94 – Roma). Le associazioni beneficiarie di quest’anno saranno Salvamamme per la Valigia di Salvataggio IncontraDonna Onlus.

Con “La Valigia di Salvataggio”, in partnership con la Regione Lazio, Salvamamme vuole  rispondere alle richieste delle  tante  donne  in  fuga  vittime  di  violenza.  Il  progetto  è  patrocinato  dal  Ministero  della Giustizia, eavviato in collaborazione con la Polizia di Stato con due protocolli operativi firmati con la Questura di Roma(insieme all’Associazione “Rete di Sicurezza Attiva”) e con il Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro Rugby.“IncontraDonna”, Associazione no profit presieduta da Adriana Bonifacino, responsabile dell’Unità di Diagnosi e Terapia in Senologia dell’Ospedale Sant’Andrea Sapienza Università di Roma, nata per rispondere ai bisogni delledonne con l’intento di fornire strumenti per affrontare sì il percorso di diagnosi e cura, ma soprattutto, per nonsentirsi abbandonate nel “dopo”.

Dopo un welcome drink l’Auditorium Broadway Avenue ospiterà un talk durante il quale verranno presentatidue contributi  video. Sul tema della violenza alle donne verranno proiettati «Oltre la finestra», per la regia diFrancesco Testi. Cortometraggio, Patrocinato da Amnesty International e, il nuovo spot della Valigia diSalvataggio di Salvamamme, con Barbara De Rossi Alessio Boni. Regia di Marco Santoro.

Sul tema del tumore al seno ci sarà la presentazione, in anteprima nazionale, di un promo del film «Stay On! IoResto qua» prodotto da Santo Spatafora, per la regia di Gianluca Sia. Una commedia che unisce rigore e leggerezzafacendo commuovere e sorridere di speranza lo spettatore, cercando di stimolare l’attenzione sociale e mediaticasulla terribile piaga del cancro.

La serata, proseguirà con la consegna del “PREMIO Camomilla” (che s’ispira alle straordinarie virtù terapeutiche della pianta e rappresenta il concetto di solidarietà), una vera e propria scultura realizzata magistralmente dal maestro orafo Michele Affidato, che verrà assegnato ad una selezione dipersonaggi che si sono distinti per il loro impegno nel sociale e nelle campagne di sensibilizzazione sui due temi. Al termine dinner e dj set a cura di Gabry Imbimbo e Andrea Casta.

Tra i premiati di quest’anno Gessica Notaro, il prof. Michelino De Laurentiis (Direttore dell’unità operativa complessa di oncologia senologica dell’istituto nazionale tumori “Fondazione Pascale” di Napoli e responsabile della ricerca del vaccino contro il tumore al seno), il Prefetto Vittorio Rizzi  (Direttore Centrale DAC – direzione anticrimine), il prof.Antonino Di Pietro (Direttore Scientifico di Ok Salute), Paola FerrariFrancesco TestiVeronica MayaRossella Brescia e  Elena Santarelli.

Standard