cultura

Il Festival degli Scrittori… e non solo

Valeria_Bruni_Tedeschi_14Pubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Un gazebo rosso pieno di libri sarà al centro di Piazza Strozzi per segnalare che la grande letteratura internazionale è tornata a Firenze: il Festival degli Scrittori si terrà dal 14 al 17 giugno.  Il suo avvenimento centrale è l’undicesima edizione del Premio Gregor von Rezzori – Città di Firenze. 

Il Festival, che avrà una nuova sezione ‘I luoghi della letteratura’, nata all’interno dell’Estate Fiorentina, sarà diffuso in tutta la città: molti incontri sulla Balconata di Palazzo Strozzi e molti nelle librerie indipendenti del centro storico e nel Cenacolo di Santa Croce. Da giovedì a sabato i finalisti incontreranno i lettori in tarda mattinata nelle librerie Todo Modo, La Cité, Caffè Letterario Le Murate, Brac, Clichy e Sit’N’Breakfast per “Un caffè con l’autore”.  Di rosso in giro per la città ci saranno anche le magliette indossate dai volontari, una pattuglia di appassionati che seguirà gli autori, indirizzerà il pubblico e presiederà allo svolgimento del programma.

Nato dall’esperienza della Fondazione Santa Maddalena  presieduta da Beatrice Monti della Corte, moglie di Gregor von Rezzori, e diretta da quest’anno dallo scrittore Andrew Sean Greer – il Festival degli Scrittori è promosso e sostenuto dal Comune di Firenze nell’ambito delle attività del Gabinetto G.P. Vieusseux ed è realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. Realizzato con il coordinamento artistico di Alba Donati, si avvale della collaborazione del Centro per il libro e la lettura del MiBACT, di Giunti Editore e di Repubblica Firenze come media partner.

ODEON / La valigia vuota

Con Valeria Bruni Tedeschi, Luigi Lo Cascio / Zadie Smith, Hisham Matar e Atiq Rahimi

Regia di Volker Schlöndorff

Un appuntamento unico: gli attori Valeria Bruni Tedeschi e Luigi Lo Cascio (entrambi premiati col David di Donatello come migliore attrice per La pazza gioia e miglior attore per I cento passi) sul palco dell’Odeon per interpretare, insieme a scrittrici e scrittori internazionali – voci altrettanto uniche del panorama letterario come Zadie Smith (Orange prize), Atiq Rahimi (Premio Goncourt) e il recentissimo Premio Pulitzer  Hisham Matar –  le voci delle migrazioni.

Diretti da un amico del Festival, Volker Schlöndorff, che da sempre ne cura gli eventi di spettacolo – negli anni ha portato a Firenze Jeremy Irons, Ralph Fiennes, Isabella Rosselini e molti altri. Quest’anno sul palco dell’Odeon si terrà La valigia vuota, una narrazione dei racconti delle migrazioni nel senso più grande, quasi come una costante di tutti i tempi. Dalla Bibbia all’Odissea, attraverso i secoli fino a Fuocoammare.

Ingresso 10 euro. Parte del ricavato andrà alla scuola di scrittura per ragazzi del Porto delle Storie.

Paolo Giordano

e i ragazzi del Porto delle storie

Qualche hanno fa c’è andato proprio Dave Eggers, che era finalista al Premio Gregor von Rezzori.  Sì proprio a Campi Bisenzio dove è nato e agisce il Porto delle Storie (un progetto di Macramè Cooperativa Sociale ) una scuola di scrittura ispirata a 826 Valencia, aperta nel 2002 a San Francisco dentro a un negozio per pirati, proprio dallo scrittore americano. Quest’anno, in apertura di Festival, ci sarà un altro amico d’eccezione per i ragazzi del Porto che hanno seguito i laboratori di scrittura: Paolo Giordano parlerà con questi giovani scrittori del potere della parola, del divertimento e della fatica. Sono 13 scrittori e 4 illustratori. Viola ha scritto un racconto ispirato a La storia infinita di Michael Ende, Malvin ha creato una lega di supereroi, Damian ha scritto la vita di un batterista, Margherita e Valentina un thriller adolescenziale e Giosuè la storia di un misterioso detective. Insieme a loro ci sono gli studenti dell’Istituto d’Arte: Emma, Rodolfo, Jessica e Oliver che stanno riempiendo queste storie di illustrazioni e disegni. Ne è uscito un libro “La banda dei raccattati” che raccoglie i piccoli romanzi (o grandi racconti, se preferite!).

Adesso i maestri del Porto, Leonardo Sacchetti, Michele Arena e Francesca Rinaldi, arrivano a Firenze, nel Gazebo del Festival degli scrittori, in Piazza Strozzi. Un occasione per bambini e ragazzi per  inforcare penna e foglio e scrivere la storia desiderata. Vi piacerebbe leggere la storia della vostra vita in versione Fantasy? Rivedere l’incontro con il vostro amico in chiave noir? Oppure avete una storia che dovete raccontare a tutti i costi e volete vedere che effetto fa metterla su carta? Bene! Troverete penne per i vostri racconti! Porto delle Storie sarà al Festival degli Scrittori per voi, pronto per ascoltare e dare una nuova forma ai vostri racconti e ricordi. Ingresso libero.

Premio Gregor von Rezzori per la narrativa straniera

Krasznahorkai Louis Enard Meyer Luiselli

vincitrice del Premio Gregor von Rezzori per la traduzione

Anna D’Elia

Ecco i cinque finalisti del Premio Gregor von Rezzori: Lázló Krasznahorkai con Satantango (Bompiani) e la sua visionarietà, il suo stile come esperienza quasi fisica della letteratura; Édouard Louis con Storia della violenza (Bompiani) e lo scandalo di storie che sono un atto d’accusa contro la crudeltà e l’arretratezza di un certo mondo contadino francese; l’Oriente di Mathias Enard con Bussola (e/o) miraggio estremo, origine di tutto; la Germania Est post 1989 nel romanzo Eravamo dei grandissimi di Clemens Meyer (Keller) e le macerie di un mondo raccolte dai ragazzini; il Messico colto e stralunato di Valeria Luiselli con Storia dei miei denti (La Nuova Frontiera), la letteratura come una parte primaria del corpo che abitiamo.

Il vincitore del Premio Gregor von Rezzori per la narrativa straniera verrà annunciato nella cerimonia di premiazione che avrà luogo sabato 17 giugno nella Sala d’Arme in Palazzo Vecchio. Durante la cerimonia verrà consegnato il Premio per la traduzione ad Anna D’Elia per l’opera Terminus Radioso di Antoine Volodine (66thand2nd). Verrà assegnato anche il Premio Gregor von Rezzori Giovani Lettori, che premia le 5 migliori recensioni ai libri finalisti fatte dagli studenti delle scuole superiori.

– Giuria del Premio Gregor von Rezzori per la narrativa straniera: Beatrice Monti della Corte, Ernesto Ferrero (presidente), Andrea Bajani, Paolo Giordano, Alberto Manguel e Edmund White.

– Giuria del Premio per la traduzione: Bruno Ventavoli (presidente),  Ilide Carmignani e Susanna Basso.

 

 

Premio Gregor von Rezzori Giovani Lettori

3° edizione

Siamo alla terza edizione di un Premio dedicato ai ragazzi delle quarte delle scuole superiori di Firenze. Ogni anno partecipano cento ragazzi, scrivendo una recensione a uno dei cinque libri finalisti. Ogni anno la risposta è stata di alto livello, fino al punto che le recensioni, talvolta, sono state usate dai critici ‘togati’ per la loro relazione finale. Verranno selezionate 3 recensioni per ciascun libro, per un totale di 15 recensioni. Il terzo e il secondo classificato per la recensione di ogni libro finalista riceverà una menzione speciale, il primo riceverà un premio di 250,00 euro da spendere nelle librerie Giunti al Punto. Tutti riceveranno il premio dalle mani dello scrittore a cui hanno dedicato la recensione. Premiazione in Palazzo Vecchio, durante la cerimonia del Premio alla narrativa e alla traduzione. La giuria del Premio Giovani Lettori è presieduta da Alba Donati e composta da Simona Baldanzi, Silvia Costantino, Ilaria Giannini, Eleonora Pinzuti e Gaia Rau. Le recensioni segnalate verranno pubblicate su Firenze – Repubblica.it.

Dany Laferrière

Lectio magistralis

Esponente della letteratura francofona contemporanea, Dany Laferrière (Port-au-Prince, 1953) è il primo scrittore haitiano, naturalizzato canadese, a essere stato eletto tra gli immortali dell’Accademia di Francia. Vincitore, tra gli altri, del Prix Médicis con “L’enigma del ritorno”, ha definito la sua opera narrativa come una «autobiografia americana» che si snoda dai Caraibi al Canada e che prende convenzionalmente il via da “Come fare l’amore con un negro senza fatica”, ironico racconto di alcuni giovani immigrati haitiani a Montréal, divenuto un caso editoriale in tutto il Nord America. Laferrière ha partecipato alla sceneggiatura di “Verso il Sud”, film di Laurant Cantet tratto dal suo omonimo romanzo e interpretato da Charlotte Rampling.  Haiti è, anche nella lectio magistralis che terrà nel Cenacolo di Santa Croce, il punto di partenza e di approdo delle sue storie: come era nel 1996, al suo rientro a casa dopo vent’anni di esilio, in un viaggio a Port‐au‐Prince dove morti e vivi, tra superstizioni, credenze e povertà, abitano la notte e il quotidiano degli haitiani; e come era nel 2010, con una testimonianza in presa diretta del terribile terremoto che ha messo in ginocchio l’isola e i suoi abitanti.

Teatro della Compagnia  / Anteprima nazionale

RETURN TO MONTAUK

Un film di Volker Schlöndorff

Con Stellan Skarsgård e Nina Hoss

 

Presentato alla 67esima edizione del Festival del cinema di Berlino, Return to Montauk è il film più recente del regista tedesco Volker Schlöndorff, vincitore nel 1979 della Palma d’oro a Cannes con Il tamburo di latta. Arriva al Teatro della Compagnia in anteprima nazionale, introdotto da una conversazione tra il regista e Ranieri Polese.

Il film è stato scritto insieme allo scrittore irlandese Colm Tóibín, autore di libri tradotti in oltre trenta lingue. Sua nel 2015 la nomination all’Oscar per l’adattamento del romanzo Brooklyn. I due personaggi principali sono interpretati dall’attore svedese Stellan Skarsgård e dall’attrice tedesca Nina Hoss.

La trama – E’ inverno a Montauk, zona remota di Long Island. Ci sono due sedie a sdraio sulla spiaggia battuta dal vento. Le sedie stanno aspettando due persone che si sono perse di vista per lungo tempo: lei avvocato newyorkese, lui scrittore di Berlino. Molti anni prima hanno avuto una storia ma erano troppo giovani per capire che avevano incontrato il grande amore della vita. Ora sono tornati a Montauk, pieni di rimpianti e speranze. I loro corpi ricordano. E’ come se fossero passati pochi istanti dall’ultima volta che sono stati insieme. Non sanno che è possibile invertire il tempo. Lo scopriranno a Montauk.

“Per più di cinquant’anni – dice il regista – ho adattato la letteratura al cinema. Ho avuto il privilegio di conoscere scrittori favolosi che spesso sono diventati amici. Il personaggio principale del mio ultimo film è ancora una volta uno scrittore. Molta vita vissuta, con gli scrittori e con le donne, sono finiti in questo film che ho scritto con Colm Tóibín, che incontrai per la prima volta proprio alla fondazione Santa Maddalena.”

REZZORIANA

Infine e soprattutto: Gregor von Rezzori

 

Non poteva mancare un angolo di Festival dedicato a Gregor von Rezzori (1914-1998),  lo scrittore che dalla Bucovina, dopo aver girato il mondo, era venuto ad abitare a Donnini, in campagna, a pochi chilometri da Firenze. Un luogo nel tempo diventato mitico buen retiro di scrittori allora amici, come Bruce Chatwin e, dopo la morte di Grisha (così lo chiama chi lo conosceva), ‘ufficialmente’ casa degli scrittori ospitati per scrivere, da Beatrice Monti della Corte. E sarà proprio Beatrice Monti insieme a Andrea Landolfi a parlarci di lui. L’occasione è l’uscita di un libro, Rezzoriana (Artemide, 2017) in cui Andrea Landolfi, professore di Letteratura tedesca e di Traduzione dell’Università di Siena, ha raccolto i saggi, le postfazioni, le note, gli interventi dedicati, nel corso di quasi trent’anni, alla figura e all’opera di Gregor von Rezzori ,di cui è stato uno degli interpreti più attenti e fedeli – come traduttore, come curatore del lascito, come studioso e, non da ultimo, come amico.

Un altro incontro è dedicato al libro del giornalista Antonio Armano, una narrazione di viaggi attraverso l’Est, ciò che era e ciò che è diventato. La signora col cagnolino e le nuove russe col pitbull (Edizioni Clichy, 2017) parla di Checov, di Bruno Schulz e tra gli altri, anche di Gregor von Rezzori e di quel luogo di grande fascino che è stata Černivici, ieri città dell’impero austro-ungarico, poi Romania, oggi Ucraina. La città di Grisha.

PREMIO GREGOR VON REZZORI

per la migliore opera di narrativa straniera

 

MATHIAS ÉNARD – BUSSOLA – e/o (trad. di Yasmina Mélaouah)

Con questo straordinario romanzo-fiume uno dei più prestigiosi e raffinati autori francesi ha vinto il Premio Goncourt nel 2016. È la storia d’amore tra Franz, uno specialista dell’Oriente, e Sarah, anch’essa studiosa delle civiltà orientali, un amore che dura anni e si snoda attraverso Europa, Iran, Siria e Turchia, attraverso timidezze, tradimenti, equivoci, passioni, rifiuti, incontri, partenze e ritrovamenti. Ma è anche la storia di un altro amore tormentato: quello tra l’occidente e l’oriente. Un amore raccontato attraverso le centinaia di storie di quelle donne e quei uomini europei che nel corso dei secoli hanno dedicato le loro vite (e spesso le hanno perse tragicamente) all’inseguimento di questa passione “impossibile”. Con un’erudizione impressionante che non offusca mai il piacere della lettura, Enard racconta le vite avventurose e appassionate di quanti hanno scelto di viaggiare in Oriente, immergersi in quelle culture, vivere tra palazzi da Mille e una notte e suk variopinti, perdersi nei fumi dell’oppio, innamorarsi di donne e uomini misteriosi. Scorrono sotto gli occhi del lettore le immagini di scrittori, avventurieri, musicisti e viaggiatrici che si sono lasciati ammaliare dall’esotismo e dalla sensualità di luoghi come la Persia, Costantinopoli, Palmira; luoghi di questa passione divisa tra miraggio e illusione da una parte, e vite reali e ben concrete dall’altra. Cos’è stato l’orientalismo? Un miraggio del deserto favorito dai fumi dell’oppio e dai profumi delle spezie, o un vero incontro tra culture diverse ma complementari, una bisognosa dell’altra, alla continua ricerca dell’Altro che ci completa? Si è parlato per questo romanzo-capolavoro di “erotismo della cultura”, la sbalorditiva erudizione che sorregge le sue cinquecento pagine è un piacere, il frutto di una sensualità da cui il lettore si lascia cullare come fosse in un magico palazzo.

Mathias Énard è nato nel 1972, dopo essersi formato in storia dell’arte all’École du Louvre, ha studiato arabo e persiano. Dopo lunghi soggiorni in Medio Oriente, nel 2000 si stabilisce a Barcellona, dove collabora a diverse riviste culturali. All’attività di professore di arabo all’università autonoma di Barcellona affianca quella di traduttore. Fra le sue opere ricordiamo Breviario per Aspiranti terroristi (Nutrimenti), Zona (Rizzoli), Parlami di battaglie, di re e di elefanti (Rizzoli), Via dei ladri (Rizzoli).

 

LÁSZLÓ KRASZNAHORKAI – SATANTANGO – Bompiani (trad. di Dóra Várnai)

Il comunismo è ormai al tramonto e nella fangosa campagna ungherese quel che resta di una comunità di individui abbrutiti vive una vita senza speranza in una cooperativa agricola ormai in sfacelo. Tutti vogliono andarsene e sperano in un futuro migliore grazie al denaro che riceveranno dalla chiusura della loro fattoria collettiva. Quando all’improvviso si diffonde la notizia che il carismatico Irimiás, sparito due anni prima e dato ormai da tutti per morto, è stato visto sulla strada che porta al villaggio e sta per tornare pare un miracolo. È l’inizio dell’attesa, dell’avvento incombente di qualcosa che li può liberare ma che avrà pesanti conseguenze sulle loro vite disperate. Si troveranno infatti a far fronte non solo alle astuzie di Irimiás, ma anche ai conflitti che li dividono. Questo capolavoro dark, primo libro di Krasznahorkai pubblicato nel 1985 in Ungheria, è ormai considerato un vero e proprio classico contemporaneo.

László Krasznahorkai è nato a Gyula in Ungheria nel 1954. Ha vinto numerosi premi internazionali e le sue opere sono state pubblicate in numerosi paesi. È considerato dalla critica il più importante scrittore ungherese vivente, è autore di sette romanzi e cinque raccolte di racconti

ÉDOUARD LOUIS – STORIA DELLA VIOLENZA – Bompiani (trad. di Fabrizio Ascari)

“Ho incontrato Reda una notte di Natale. Verso le quattro del mattino stavo tornando a casa dopo una cena da amici. Mi ha avvicinato per strada e alla fine gli ho proposto di entrare nel mio studio. Lì mi ha raccontato la storia della sua infanzia e l’arrivo in Francia di suo padre, in fuga dall’Algeria. Abbiamo trascorso il resto della notte insieme, abbiamo parlato, abbiamo riso. Alle sei del mattino, ha tirato fuori una pistola e ha detto che mi avrebbe ucciso. Mi ha insultato, strangolato, violentato. Il giorno dopo è iniziato il procedimento medico e legale. Più tardi, mi sono confidato con mia sorella. E l’ho poi sentita raccontare quegli avvenimenti a modo suo. Guardando indietro alla mia infanzia, ma anche alla vita di Reda e di suo padre, riflettendo sull’emigrazione, il razzismo, la povertà, il desiderio e gli effetti di un trauma, anch’io vorrei capire che cosa è successo quella notte. E da lì tracciare una storia di violenza.” E.L.

Édouard Louis ha curato il volume Pierre Bourdieu: l’insoumission en héritage (PUF, 2013) ed è ideatore e direttore della collana “Des Mots” della Presses Universitaires de France. Il suo primo romanzo, Farla finita con Eddy Bellegueule, è diventato subito un caso in Francia, dove ha venduto oltre 300.000 copie ed è in corso di pubblicazione in dodici paesi.

 

VALERIA LUISELLI – LA STORIA DEI MIEI DENTI – La nuova frontiera (trad. di Elisa Tramontin)

Gustavo Sánchez Sánchez, soprannominato con affetto “Autostrada”, è un tipo discreto ma dalle straordinarie qualità: dopo un paio di rum e cola sa imitare Janis Joplin, riesce a far stare un uovo dritto su un tavolo come Cristoforo Colombo, sa contare fino a otto in giapponese, interpretare i biscotti cinesi della fortuna e fare il morto a galla. Ma è soprattutto il migliore banditore d’aste del mondo. Nella sua folgorante carriera ha inventato la rivoluzionaria “asta allegorica” durante la quale non sono gli oggetti a essere messi in vendita, quanto le storie che gli danno valore e significato. In questo libro c’è la sua vita e il suo trattato sui pezzi da collezione, sui nomi propri e sul riciclaggio radicale. Tutto il resto è solo letteratura.

Scritto con eleganza, intelligenza e un’esilarante irriverenza 
La storia dei miei denti ci presenta un’acuta e inconsueta riflessione sul valore, la qualità e la creatività.

 

Valeria Luiselli è nata nel 1983 a Città del Messico ma, per una serie di strane coincidenze, ha la residenza a Venezia e New York. Ha collaborato con giornali e riviste come The New York Times, Letras Libres, Etiqueta Negra e Internazionale. Nel 2010 ha pubblicato la raccolta di saggi e reportage Carte false, considerata uno dei migliori libri dell’anno. Attualmente vive a New York e partecipa regolarmente a progetti multidisciplinari che uniscono danza, teatro e arti plastiche. Volti nella folla, suo romanzo d’esordio, è stato tradotto nelle maggiori lingue europee.

CLEMENS MEYER – ERAVAMO DEI GRANDISSIMI – Keller (trad. di Roberta Gado e Riccardo Cravero)

Daniel, Mark, Paul e Rico sono cresciuti come “pionieri” nella Germania dell’Est. Sono gli ultimi anni prima della caduta del Muro e sogni e illusioni sono amplificati dal mito dell’Ovest a portata di mano, tanto più dopo gli eventi dell’89. Con la Svolta – la riunificazione delle due Germanie – anche la loro vita cambia trasformandosi in una folle corsa fatta di furti d’auto, alcol, paura e rabbia. Clemens Meyer ci regala un romanzo sulla generazione a cavallo della caduta del Muro raccontata alla Trainspotting con la schiettezza di chi allora cercava di sopravvivere e di inventarsi un futuro nel Selvaggio Est. Saltando da un piano temporale all’altro, l’autore ci presenta la Lipsia delle case occupate, degli incontri clandestini di boxe, degli hooligan, delle prime discoteche e delle bevute disperate con la profondità e la poesia di chi quegli anni li ha amati a carissimo prezzo, vedendo perdersi uno dopo l’altro i propri amici d’infanzia e sgretolarsi, a poco a poco, il mito dell’Ovest. Un romanzo travolgente sui nostri tempi che ha dato voce alla generazione dell’Europa unita – anche quella che ne è stata travolta –, alla gioventù che affiora potente e ricca di sfumature. Un lavoro superbo, compassionevole, ma con una leggerezza meravigliosamente matura della narrazione e una straordinaria capacità di gestire emozioni, atmosfere e memoria.

Clemens Meyer è nato a Halle nel 1977 e vive a Lipsia. Il suo primo romanzo, Als wir traumten (Eravamo dei grandissimi, 2006) è ormai un libro cult. Nel 2015 ne è stato tratto l’omonimo film di Andreas Dresen presentato alla 65a Berlinale. Sono seguiti Die Nacht, die Lichter. Stories (2008), che gli è valso il premio della Leipziger Buchmesse, Gewalten. Ein Tagebuch (2010) e il monumentale Im Stein (2013), finalista al Deutscher Buchpreis. Nel 2015 Clemens

Meyer ha tenuto le prestigiose Frankfurter Poetikvorlesungen, pubblicate nel 2016 con il titolo Der Untergang der Akschn GmbH. Questa è la sua prima traduzione italiana.

Clemens Meyer ha ottenuto numerosi premi letterari.

PREMIO GREGOR VON REZZORI

per la miglior traduzione di un’opera di narrativa straniera

ANNA D’ELIA per TERMINUS RADIOSO di Antoine Volodine – 66thand2nd

Steppa sconfinata. Bianco nitore d’inverno. E d’estate le erbe, mutanti, che ondeggiano accarezzate dal vento. Un mondo contaminato, reso invivibile dalle esplosioni di reattori nucleari impazziti, orgoglio di una Seconda Unione Sovietica sull’orlo dell’abisso. Unica eccezione a questo vuoto dominato dalla natura è Terminus radioso, un kolchoz dove la vita continua a scorrere intorno a una pila atomica sprofondata nel terreno. Laggiù Nonna Udgul, a cui le radiazioni hanno regalato una sorta di immortalità, gestisce le operazioni di smaltimento dei rifiuti radioattivi, e Soloviei, il presidente, guida con i suoi poteri sovrannaturali i pochi superstiti in un’atmosfera di sogno che ha i contorni dell’incubo. E poi passano i secoli, i superstiti si disperdono, il viaggio del treno che correva lungo i binari alla ricerca di un campo di lavoro si è concluso chissà quanti anni prima. Finché un giorno migliaia di corvi si alzano in volo. E poi tutto continua, ancora, nella realtà parallela del Bardo, dentro una trappola di Soloviei, in una fine infinita, ma che importa. In questo universo – singolare, visionario, violento – tempo e spazio sono dimensioni liquide dove vivi, morti e simil tali vagano in un immenso, eterno futuro. Un universo allucinato, percorso dall’umorismo del disastro. L’universo di Antoine Volodine.

Anna D’Elia è nata a Milano, vive e lavora a Roma. Dopo studi di Letteratura comparata condotti tra Italia e Francia, ha lavorato per oltre dieci anni nel campo dell’editoria universitaria che ha poi lasciato nel 2001 per dedicarsi esclusivamente alla traduzione letteraria dal francese. Da vent’anni collabora  con numerose case editrici italiane tra cui Bompiani, Rizzoli, Fazi, La Nuova Italia Scientifica, Carocci, Sossella, e ultimamente con 66thand2nd. Ha tradotto testi di Jean Hatzfeld, Eric Reinhardt, Antoine Volodine, Serge Halimi, e tra i classici, Antoine de Saint-Exupéry e Honoré de Balzac. Negli ultimi dodici anni si è dedicata alla traduzione e all’adattamento per le scene italiane di testi di drammaturghi francesi contemporanei, tra cui Philippe Minyana, Pierre Notte, Jean-Marie Besset, Eugène Durif, Rémy Devos, Guillaume Gallienne, Fabrice Melquiot, Xavier Duranger. Nel 2011 è stata nominata Chevalier de l’Ordre des Arts et des Lettres de la République française per la sua attività di traduttrice letteraria.

I Luoghi della letteratura in collaborazione con L’Estate Fiorentina

 

Programma

Mercoledì 14 giugno

 

Cenacolo Basilica di Santa Croce*

ore 16.00 Paolo Giordano incontra i ragazzi del Porto delle Storie

15 giovani autori e il loro primo libro

Intervengono Michele Arena, Francesca Rinaldi, Leonardo Sacchetti e Andrew Sean Greer

Cinema Teatro Odeon *

Ore 21.00 La valigia vuota: reading dalla Bibbia a Fuocoammare

con Valeria Bruni Tedeschi, Zadie Smith, Luigi Lo Cascio, Hisham Matar, Atiq Rahimi.

Regia di Volker Schlöndorff

Ingresso 10 euro. Parte del ricavato sarà devoluto al Porto delle Storie

Giovedì 15 giugno

 

Le Murate Caffè letterario (piazza delle Murate) *

ore 11.00 Un caffè con Clemens Meyer, finalista con Eravamo dei grandissimi (Keller). Introduce Gaia Rau

Libreria Brac  (via dei Vagellai, 18) *

ore 12.00  Un caffè con László Krasznahorkai, finalista con Satantango (Bompiani). Introduce Ilaria Giannini

Balconata di Palazzo Strozzi

ore 16,30 Alle radici della violenza conversazione con Édouard Louis, Edmund White, Simona Baldanzi

 

Balconata di Palazzo Strozzi

ore 17.30 Quando sognavamo conversazione tra Clemens Meyer, Paolo Giordano e Volker Schlöndorff

Cenacolo di Santa Croce *

ore 19.00 L’arte della cronaca Lectio Magistralis di Dany Laferrière

Venerdì 16 giugno

 

Libreria Sit’N’ breakfast (via San Gallo 21/R) *

ore 11.00 Un caffè con Édouard Louis, finalista con Storia della violenza (Bompiani). Introduce Silvia Costantino

Libreria Clichy (Via Maggio, 14) *

ore 12.00 Viaggio nell’Europa di Gregor von Rezzori. Antonio Armano presenta il libro La signora col cagnolino e le nuove russe col pitbull (Edizioni Clichy). Con Raffaela Palumbo

 

Balconata di Palazzo Strozzi

Fantasmi latinoamericani

ore 16.30 conversazione con Valeria Luiselli, Juan Gabriel Vásquez, Andrea Bajani

Balconata di Palazzo Strozzi

ore 17.30  Apocalisse dark, conversazione con László Krasznahorkai, Edmund White e Wlodek Goldkorn

 

Balconata di Palazzo Strozzi

ore 18.30  Oriente, bussola del mondo Conversazione con Mathias Enard, Juan Gabriel Vásquez e Vanni Santoni

 

Balconata di Palazzo Strozzi

Ore 21.30 Conversazione con Hisham Matar e Atiq Rahimi. Modera Igiaba Scego

Sabato 17 giugno

 

Libreria Todo Modo (via dei Fossi 15R) *

ore 11.00 Un caffè con Mathias Enard, finalista con Bussola (e/o), introduce Eleonora Pinzuti

Libreria La Cité (Borgo San Frediano, 20/R) *

ore 12.00 Un caffè con Valeria Luiselli, finalista con La storia dei miei denti (La Nuova frontiera) introduce Simona Baldanzi

Balconata di Palazzo Strozzi

ore 16.00 Rezzoriana, con Andrea Landolfi, Beatrice Monti della Corte, modera Andrea Bajani

Balconata di Palazzo Strozzi

ore 17.00 Tradurre Antoine Volodine

Incontro con Anna D’Elia, vincitrice del Premio Gregor von Rezzori per la Traduzione.

Intervengono Susanna Basso, Ilide Carmignani e Bruno Ventavoli

 

Sala d’Arme di Palazzo Vecchio

ore 18.30 Cerimonia premiazione presieduta da Dario Nardella, Sindaco della Città di Firenze.

Saranno presenti i giurati per la Migliore Opera di Narrativa straniera, Beatrice Monti della Corte, Andrea Bajani, Ernesto Ferrero, Paolo Giordano, Alberto Manguel, Beatrice Monti della Corte, Edmund White e i giurati per la Miglior Traduzione Susanna Basso, Ilide Carmignani, Bruno Ventavoli. Saranno presenti i finalisti: Mathias Enard, László Krasznahorkai, Édouard Louis, Valeria Luiselli, Clemens Meyer.

E la vincitrice del Premio per la Traduzione Anna D’Elia. Verranno annunciati i vincitori del premio Gregor von Rezzori Giovani Lettori, presieduto da Alba Donati

 

Teatro della Compagnia *

Ore 21.00 Return  to Montauk  (2017) proiezione in anteprima nazionale del film di Volker Schöndorff con Stellan Skarsgård e Nina Hoss. Sceneggiatura di Volker Schlöndorff e Colm Tóibín.

Sarà presente il regista. Introduce Ranieri Polese

 

 

IL GAZEBO del Festival degli Scrittori, per la prima volta in Piazza Strozzi. Cosa succede nel Gazebo?

– punto info per conoscere date e luoghi del Festival

– saranno disponibili i libri di tutti gli scrittori del Festival e gli scrittori saranno presenti per firmare le copie

– giovedì 15 e venerdì 16, dalle ore 17 alle ore 19, si terranno i laboratori per bambini realizzati dalla scuola di scrittura no profit Porto delle storie, creata da Macramè Cooperativa sociale.

 

Gli eventi contrassegnati con * fanno parte del progetto “I luoghi della letteratura” e rientrano nell’Estate Fiorentina.

PREMIO GREGOR VON REZZORI

La valigia vuota: reading dalla Bibbia a Fuocoammare

 

 

Valeria Bruni Tedeschi

Nata come attrice di teatro ha lavorato soprattutto nella settima arte. Cresciuta a Torino, dopo aver concluso gli studi è costretta a trasferirsi a Parigi a causa del clima terroristico che si respirava nell’Italia degli anni Settanta. L’insegnamento del maestro Patrice Chéreau ai corsi di teatro della Ecole des Amandiers di Nanterre aiuta Valeria a formarsi nel campo della recitazione e a seguire la sua passione senza tentennamenti. Sarà proprio Chéreau ad aprirle la porta del set cinematografico dirigendola in Hotel de France nel 1987. L’esordio è seguito da una piccola parte nel lungometraggio Storia di ragazzi e di ragazze (1989) di Pupi Avati, debutto ufficiale nel cinema italiano. Dopo alcune interpretazioni in Francia, l’attrice ritorna in Italia a lavorare con Giuseppe Piccioni in Condannato a nozze (1993) e con Mimmo Calopresti in La seconda volta (1996), con cui si aggiudica il David di Donatello. Nel 2003 l’attrice passa dall’altra parte della macchina da presa per girare È più facile per un cammello… (premio Louis-Delluc come migliore opera prima). Un Château an Italie è il titolo del suo terzo lungometraggio che è l’unico film di una regista donna presentato nella sezione ufficiale in concorso al Festival di Cannes 2013. Sempre nel 2012, Valeria ha partecipato al film Viva la libertà di Roberto Andò e, per questo film, è stata candidata come miglior attrice protagonista ai David di Donatello 2013. Nel 2013 Valeria è protagonista del film di Paolo Virzì Il capitale umano, lungometraggio che riscuote un enorme successo e grazie al quale Valeria vincerà il David di Donatello come migliore attrice protagonista, il Ciak d’oro e il premio come migliore attrice protagonista al Tribeca Film Festival. La sua carriera italiana continua l’anno dopo nuovamente protagonista sul set di Paolo Virzì La pazza gioia (che le vale il Nastro d’Argento e il David di Donatello come migliore attrice protagonista), fortunata pellicola presentata anche a Cannes 2016.

 

 

Luigi Lo Cascio

Nel 1992 si diploma all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico con un saggio su Amleto, diretto dal maestro Orazio Costa. Tra il 1992 e il 2000 lavora essenzialmente in teatro con vari registi tra cui: Giuseppe Patroni Griffi, Carlo Cecchi, Carlo Quartucci, Roberto Guicciardini, Elio De Capitani. Nel 2001 vince il David di Donatello, come migliore attore protagonista per I cento passi (2000). Il regista Marco Tullio Giordana lo dirigerà ancora nel film La meglio gioventù (2003), che gli vale il Nastro d’argento 2004, ex aequo con tutti i protagonisti maschili del film. Nel 2001 vince la Coppa Volpi come miglior attore al Festival del Cinema di Venezia per Luce dei miei occhi di Giuseppe Piccioni. Nel 2006 lavora con Luca Ronconi nello spettacolo Il silenzio dei comunisti, vincendo,  sempre come migliore attore, il premio UBU nell’edizione 20062007. Come attore cinematografico ha recitato, tra gli altri, nei seguenti film: Buongiorno notte, regia di Marco Bellocchio; Mio cognato, regia di Alessandro Piva; La bestia nel cuore, regia di Cristina Comencini; Il dolce e l’amaro, regia di Andrea Porporati; Noi credevamo, regia di Mario Martone; I nostri ragazzi, regia di Ivano De Matteo; Il nome del figlio, regia di Francesca Archibugi.

 

 

Hisham Matar

Nato nel 1970 a New York da genitori libici, è vissuto a Tripoli e poi al Cairo prima di trasferirsi a Londra. Il suo primo libro,  Nessuno al mondo (Einaudi, 2006) ha vinto la prima edizione del Premio Gregor von Rezzori, poi tradotto  in ventinove lingue e finalista al Man Booker Prize. Ha pubblicato poi Anatomia di una scomparsa (2011). Il ritorno compare fra i migliori libri dell’anno 2016 su tutte le più importanti liste internazionali. E’ stato recentemente insignito del Premio Pulitzer 2017 per la sezione biografia e autobiografia, del Premio PEN/Jean Stein Book Award 2017 e il Folio Prize 2017.

 

Atiq Rahimi

 

Nato in Afghanistan nel 1962, nel 1984 fugge in Francia per scampare al colpo di stato sovietico. Qui si afferma come scrittore e regista. Nel 2005 dirige l’adattamento cinematografico del suo primo romanzo Terra e cenere. Recentemente ha diretto l’adattamento di Pietra di pazienza, il romanzo che gli è valso il premio Goncourt 2008. Vive a Parigi.

 

 

Zadie Smith

Nata a Londra nel 1975, di padre inglese e madre giamaicana, a soli 23 anni ha scritto Denti bianchi, divenuto uno straordinario caso letterario, entrando di prepotenza nel pantheon della letteratura contemporanea. Successivamente ha pubblicato, sempre per Mondadori, L’uomo autografo, Della bellezza, NW , L’ambasciata di Cambogia e, recentemente, Swing Time.

 

 

 

Standard
cultura

Festival dell’Autobiografia

Festival_Autobiografia_2016(3)Pubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Luogo è la parola chiave della settima edizione del Festival dell’Autobiografia che si terrà a Anghiari, in provincia di Arezzo, da venerdì 1 a domenica 3 settembre 2017: luogo come destinazione fisica, rappresentazione simbolica, strumento per scavare nella memoria collettiva e personale. Il Festival dell’Autobiografia, dedicato sin dalla sua nascita alla scrittura di sé, anche quest’anno sperimenta nuovi approdi e al contempo valorizza la propria storia: l’evento nasce infatti in seno a un progetto molto più ampio che affonda le sue radici nel 1998, quando Duccio Demetrio e Saverio Tutino fecero proprio di Anghiari la sede della Libera Università dell’Autobiografia.

“Scrivere e raccontare dei luoghi e non-luoghi (mancati, mai visitati, ancora possibili), è una tra le più esaltanti esperienze umane e soggettive che l’esistenza possa offrirci”, spiega il direttore editoriale Duccio Demetrio. E prosegue: “La scrittura di sé non soltanto evoca i luoghi della nostra memoria. La scrittura è essa stessa luogo”.

In questa edizione si parlerà dunque dei tanti “dove della vita”, immaginati e raccontati grazie all’aiuto della scrittura autobiografica: ci si avventura nei luoghi metaforici dell’infanzia e della crescita con gli scrittori Mauro Covacich e Alberto Rollo, autori di La città interiore (La Nave di Testo, 2017) e Un’educazione milanese (Manni, 2016), con il giornalista e scrittore Alessandro Zaccuri nell’incontro “I dove dell’educazione”, e con il celebre entomologo Gianumberto Accinelli, che nel suo appuntamento “Care bambine e bambini, anche gli insetti hanno una casa” si rivolge direttamente ai più piccoli.

Ci sono i luoghi fisici di oggi, rurali e metropolitani: campagne, pianure, montagne e città sono l’argomento della maratona notturna con Gilberto Bettinelli, Ludovica Danieli, Ivana De Toni, Umberto Maiocchi, Lucia Portis, ​e dell’incontro “Città e altri spazi” con Renzo Riboldazzi, Laura Falqui, Gian Paolo Nuvolati, Francesco Vidotto. E poi ci sono i luoghi di ieri, ormai lontani nel nostro immaginario collettivo, come la trincea o la miniera, ricordati da Anna Maria Pedretti, Claudio Rigon, Mario Gasparrini, Fiorenza Mannucci e Roberto Marchesini.

Il programma 2017 del Festival dell’Autobiografia non trascura e accoglie i luoghi “altri”: quelli della migrazione, delle disabilità, della reclusione, dei confini. Nell’incontro “In cella” verrà raccontata l’esperienza di poeti e autobiografi dell’Istituto penitenziario di Milano Opera, e Angelo Ferrarini presenterà Per qualche metro e un po’ d’amore in più, il progetto finanziato dal crowdfunding che raccoglie 207 testi provenienti da oltre 60 carceri italiane e una ventina di scuole superiori. Al concetto di identità sono dedicati i due incontri del sabato “Migrazioni, luoghi, appartenenze” e “Gli altrove”, mentre “Dis-luoghi” è il titolo dell’appuntamento sulla scrittura nella disabilità.

Luoghi immaginari e reali, di ieri e di oggi, spazi infiniti e dai confini chiusi, dunque, che attraverso la scrittura vengono rievocati, narrati o anche semplicemente compresi, come si dirà nella tavola rotonda “Lo spazio vissuto nel pensiero autobiografico” con Micaela Castiglioni, Stefano Ferrari, Fabrizio Scrivanoe in quella “Realtà e finzione in autobiografia” con Gian Luca Barbieri, Duccio Demetrio, Alessandro Zaccuri.

Un’ospite d’eccezione quest’anno è Paola Gassman: l’attrice teatrale, figlia di Vittorio Gassman e Nora Ricci, domenica 3 settembre racconta la propria storia personale e presenta il libro autobiografico Una grande famiglia dietro le spalle (Marsilio, 2007), chiudendo così la settima edizione.

Ma, per il momento, l’appuntamento da segnare è per venerdì 1 settembre 2017 nello splendido borgo toscano di Anghiari.

Standard
cultura

I No MUOS insigniti del Premio Internazionale per la Pace ad Aquisgrana

Premio della pace 2016Pubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Il Premio per la Pace 2017 della città di Aachen (Aquisgrana) va al Movimento No MUOS che da anni si batte per la completa demilitarizzazione della sughereta di Niscemi, Sicilia, dove sono istallate le 46 antenne della base NRTF (Naval Radio Trasmitter Facility) e il MUOS (Mobyl User Objective System), mega impianti  di comunicazione appartenenti alla Marina USA.

Il premio di mille euro è oltremodo prestigioso per la rilevanza internazionale.

 Ecco la presentazione del Movimento No MUOS da parte della giuria del premio della città di Aquisgrana:

“Il movimento No MUOS è un movimento siciliano contro il militarismo, che lotta per una smilitarizzazione della Sicilia con le sue numerose basi USA e NATO e soprattutto per una chiusura delle installazioni radar e dei trasmettitori del nuovo sistema di comunicazione satellitare Mobile User Objective System (MUOS). I No MUOS si battono  contro il  sistema di comunicazione satellitare MUOS poiché minaccia, con le sue tecnologie di sorveglianza e di esplorazione, la pace, l’ambiente e la salute della popolazione locale… Il movimento ha un sostegno ampio tra la popolazione locale e organizza   numerose proteste contro le strutture militari degli Stati Uniti, della NATO e italiane usate in operazioni belliche e nella politica migratoria mortale dell’UE.
I No MUOS lottano contro la trasformazione della Sicilia come avamposto di una frontierizzazione ad alta tecnologia e contro la militarizzazione del Mediterraneo.  Si impegnano per la pace e  l’intesa fra i popoli, volendo il Mediterraneo come spazio vivo e fluido di scambio. Il movimento  organizza regolarmente manifestazioni, raduni, blocchi stradali, scioperi,  campagne d’informazione ed atti di disobbedienza civile.

Inoltre, i No MUOS usano azioni legali a diversi livelli contro l’attivazione delle MUOS e creano un pubblico antimilitarista  con film, libri, musica e mostre fotografiche sulle strutture militari.

Un altro motivo, oltre la minaccia militare, che sollecita molte attiviste e molti attivisti è la preoccupazione per la loro salute e la sopravvivenza della famosa Sughereta di Niscemi. Il campo elettromagnetico della base militare compromette, secondo uno studio scientifico del Politecnico di Torino, di fatto la salute dei residenti locali, l’ecosistema e la qualità dei prodotti agricoli. È  stato costatato, tra le altre cose, un aumento significativo del cancro alla ghiandola tiroidea e ai testicoli, così come della leucemia e di altre malattie allarmanti nella popolazione locale.

Che cosa è il MUOS e che di cosa si tratta?
Il MUOS, il sistema di comunicazione satellitare, è un pilastro centrale della guerra moderna e come tale di un’importanza decisiva per le operazioni globali degli USA e dei loro alleati della NATO. Le installazioni radar e dei trasmettitori della recintata US Naval Radio Transmitter Facility-8 (NRTF-8) e il sistema di comunicazione satellitare MUOS, attivato nell’anno 2017, si trovano in vicinanza della cittadina Niscemi e dei suoi 30.000 abitanti in Sicilia sud-orientale.

Il MUOS e le antenne rendono possibile la comunicazione non solo di navi e sottomarini nel Mediterraneo, ma anche tra tutte le unità militari del suolo, l’aria e le forze navali in tutto il mondo. Di conseguenza costituisce uno strumento di guerra centrale, non da ultimo nel contesto dell’automatizzazione delle guerre, cioè il crescente utilizzo di droni.

Niscemi, insieme a Kojarena (Australia), Northwest Chesapeake (Virginia / USA) e Wahiaw
(Hawaii), fa parte di una rete di comunicazione globale, che unisce quattro satelliti (ed un satellite di riserva) e che rende possibile le operazioni network-centric degli USA ei loro alleati in tutto il mondo. Il costo del sistema ammonta ad almeno 7,4 miliardi di dollari USA. La capacità di trasferimento dati, che gioca un ruolo sempre più importante nell’attuale forma di guerra, dovrebbe essere aumentato con il MUOS dieci volte rispetto al sistema utilizzato in precedenza. Quest’aumento della capacità è soprattutto necessario per il crescente utilizzo di velivoli senza pilota. Il MUOS dovrebbe migliorare il pilotaggio e il controllo dei droni attraverso l’accelerazione della trasmissione di dati e quindi dovrebbe anche espandere la loro capacità operativa come drone di sorveglianza o drone armato.
Questa tecnologia avanzata è utilizzata sempre più sul controllo della migrazione alle frontiere esterne dell’UE. Droni sono, tra l’altro, utilizzati dal sistema di sorveglianza delle frontiere EUROSUR e la missione militare dell’UE EUNAVFORMED nella lotta contro i trafficanti.  È più che degno di nota che si sia formato,  in una regione strutturalmente debole come la Sicilia sud orientale, dove  varie mafie sono attive  spesso in connessione alle infrastrutture militari, un movimento di protesta della società civile tale come il No MUOS.

Quest’anno, 2017, il movimento No MUOS si è anche confrontato con numerose sfide: dalla fine del 2016, il MUOS è operativo, anche se il giudizio di Caltagirone per la costruzione illegale è ancora in corso. Finora, sono stati annunciate cause contro più di 126 attivisti e attiviste per l’anno 2017 e i costi finanziari che si sono accumulati nel corso del tempo impediscono attualmente l’ulteriore sviluppo del movimento. L’attenzione del pubblico, il riconoscimento e la solidarietà saranno un aiuto per il movimento No MUOS per far fronte alla crescente repressione statale e per continuare con coraggio a promuovere una smilitarizzazione della Sicilia e del Mediterraneo.

Il Movimento  No MUOS ha, infatti, bisogno di solidarietà e del pubblico internazionale. Perché la lotta, che il movimento No MUOS conduce a livello locale, è una lotta che svolge per conto di noi tutti e tutte noi che ci vogliamo difendere dalle crescenti missioni militari. Che sono spesso glorificate come “missioni umanitarie”, ma che, in verità, oltre agli interessi egemonici, non servono che allo scopo della garanzia dell’approvvigionamento di materie prime ed energia. L’assegnazione del Premio di Pace di Aachen costituisce un segnale importante per rafforzare il movimento attraverso la solidarietà e la conoscenza da parte di  un  pubblico vasto internazionale.

Standard
Cinema, cultura, eventi

Cinque declinazioni della Shoah

cinque-declinazioni-della-shoah_locPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Il progetto è a cura di ANED e Francesco di Brigida ed è sostenuto da Assessorato alla Crescita culturale Roma Capitale – Dipartimento Attività CulturaliBiblioteche di Roma, in collaborazione con Aned Associazione Nazionale ex Deportati nei campi nazisti,  Zètema Progetto Cultura e CG Entertainment.

Inizia il 26 Gennaio alle ore 18.00 alla Casa della Memoria e della Storia di Via S. Francesco di Sales 5 a Roma, “Cinque declinazioni della Shoah”, rassegna di incontri a tema sviluppati partendo dalla visione di scene ed extra di 5 film distribuiti in home video da CG Entertainment. La rassegna non consiste soltanto nella proiezione di contenuti video significativi estratti dai film, ma vuole farsi motivo di dibattito attraverso un’intervista con un ospite selezionato e gli interventi del pubblico. Passando attraverso il linguaggio cinematografico si vuole creare un nuovo momento di riflessione comune sui materiali storici e umani di cui oggi è fatta la Memoria.

Questo il calendario degli incontri (ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti):

  • 26 gennaio ore 18:00 Una volta nella vita di Marie-CastilleMention-Schaar (edizione Lucky Red/Parthénos distribuita da CG Entertainment per Mustang Entertainment); proiezione del documentario Una classe a parte e del Trailer contenuti negli extra del dvd; consulta la scheda del film http://tinyurl.com/zt4yccn

Ospite Pupa Garribba, documentarista e testimone della Shoah

  • 08 febbraio ore 18:00 Il figlio di Saul, film premio Oscar® 2016 di László Nemes (edizione Home Video Teodora Film/CG Entertainment); proiezione di 3 clip dal film e di materiali dalla Casa della Memoria; consulta la scheda del film http://tinyurl.com/hezd2wj Ospite Aldo Pavia, storico e testimone della Shoah

  • 22 febbraio ore 17:00 Il labirinto del silenzio di Giulio Ricciarelli (edizione Home Video Good Films/CG Entertainment); proiezione integrale del film e trailer; consulta la scheda del film http://tinyurl.com/h3tfkwf

Ospite la giornalista Ariela Piattelli

  • 09 marzo ore 18:00 The Eichmann Show di Paul Andrew Williams (edizione Lucky Red da CG Entertainment per Mustang Entertainment); proiezione di 3 clip dal film e di materiali dalla Casa della Memoria; consulta la scheda del film http://tinyurl.com/h2f8j2u . Ospite il giornalista Guido Caldiron

  • 22 marzo ore 18.00 Pecore in erba di Alberto Caviglia (edizione Home Video Bolero Film/CG Entertainment); proiezione di Pecore in LagunaDicono di noiIntervista al regista e

Making of dagli extra del Dvd; consulta la scheda del film http://tinyurl.com/zu66j4x

Ospite il regista Alberto Caviglia

Standard
cultura, eventi

90 volte Tor Pignattara

torpignattara-streetart-atochePubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Al via dal 12 gennaio 2017 le celebrazioni e iniziative per celebrare i 90 anni del quartiere romano di Tor Pignattara.  Un fitto calendario di eventi, dalla posa delle pietre d’inciampo in memoria dei partigiani del quartiere uccisi alle Fosse Ardeatine alle passeggiate storiche tra archeologia e antropologia, passando per il fumetto sulla vita del partigiano Giordano Sangalli e la Festa della Liberazione del 25 Aprile

Si terranno a partire dal 12 gennaio 2017 le celebrazioni e iniziative organizzate dal Comitato di Quartiere Tor Pignattara, dall’Associazione per Ecomuseo Casilino ad Duas Lauros, dalla Scuola Popolare di Tor Pignattara e dall’Associazione culturale Bianco e Nero (organizzatrice del KarawanFest) per celebrare i 90 anni del quartiere romano del Municipio Roma 5. Sebbene l’insediamento dell’abitato risalga alla costituzione della stazione sanitaria nel 1882, la notte fra il 17 e il 18 luglio 1927 segna un momento storico: l’atto di inclusione dell’area urbana nel territorio amministrativo interno al Comune di Roma. Quella notte, infatti, divenne esecutivo il provvedimento che impose lo spostamento della cinta daziaria comunale oltre via dell’aeroporto di Centocelle: un atto amministrativo che trasformò Tor Pignattara da borgo rurale della campagna romana in ‘uno dei centri abitati compresi nel comune chiuso‘ di Roma.

Il progetto ‘90 Volte Tor Pignattara’ intende costruire un programma annuale di manifestazioni attraverso la diretta partecipazione delle tante realtà sociali e culturalioperanti nel territorio. Numerosi eventi condivisi, per costruire un’offerta culturale plurale, in cui ogni realtà possa dare il proprio contributo. Il calendario delle celebrazioni prenderà avvio giovedì 12 gennaio 2017 alle ore 9:00 con un evento di straordinaria importanza: la posa di 6 pietre d’inciampo (Stolpersteine) in memoria dei partigiani del quartiere trucidati alle Fosse Ardeatine. L’iniziativa è parte dell’ottava edizione di Memorie d’inciampo a Roma, organizzata dall’Associazione ArteInMemoria, a cura di Adachiara Zevi e realizzata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il 15 gennaio, invece, prenderanno avvio leDomeniche dell’Ecomuseo Casilino 2017, con una passeggiata storica che avrà come filo narrativo le vicende vissute dal quartiere nei nove mesi di lotta per la liberazione di Roma dal nazi-fascismo. Il ciclo di trekking urbani proseguirà quindi nei mesi successivi per accompagnare i cittadini alla scoperta del patrimonio storico, archeologico, antropologico, artistico e paesaggistico del territorio.

Ad aprile 2017, invece, verrà presentato il primo fumetto sulla vita del partigiano Giordano Sangalli realizzato grazie al laboratorio tenuto da Alessio Spataro per la Scuola Popolare di Tor Pignattara. Il 25 aprile, invece, spazio alla tradizionale Festa della Liberazione, che si terrà, come da tradizione, al Parco Giordano Sangalli. “Questo è solo un assaggiosottolineano gli organizzatoridelle tantissime manifestazioni che comporranno il calendario delle celebrazioni. Stanno arrivando infatti tantissime adesioni che sono al vaglio del comitato promotore. Una partecipazione straordinaria che ancora una volta testimonia la vitalità di un quartiere che, attraverso il suo straordinario tessuto associativo, respinge l’immagine mediatica di periferia degradata e rivendica il suo ruolo centrale nel panorama sociale e culturale romano”.

Per sostenere questo obiettivo è stato realizzato un logo celebrativo, necessario per “segnalare” l’adesione del singolo evento all’iniziativa e un sito internet –www.90voltetorpigna.it con fini informativi e promozionali. Le realtà associative che intendono aderire all’iniziativa – purché non affiliate a partiti politici e operanti senza scopo di lucro – non dovranno far altro che proporre la propria adesione compilando il formulario presente sul sito o inviando una mail a 90voltetorpigna@gmail.com

Riteniamocontinua l’organizzazioneche promuovere la più ampia partecipazione possibile sia essenziale al raggiungimento degli obiettivi che l’iniziativa si prefigge: di diffondere la conoscenza del patrimonio storico e culturale del territorio fra le comunità che lo abitano e di richiedere formalmente il riconoscimento di Tor Pignattara come nuovo Rione del Comune di Roma, rivendicando il contributo del quartiere alla costruzione dell’identità democratica e multiculturale della città”.

Per informazioni:
www.90voltetorpigna.it
90voltetorpigna@gmail.com

 

Standard
cultura

Ottobre africano 2016

downloadPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Ottobre africano 2016 
XIV edizione

La più grande manifestazione in Italia dedicata all’Africa torna dall’1 al 30 ottobre 2016. Con la madrina Fiorella Mannoia, il ricco calendario anima alcune fra le principali città, alla scoperta di un continente inesauribile per bellezze e tradizioni.

Esiste un’alternativa al clima di intolleranza e di violenza che tutti i giorni respiriamo sulle prime pagine dei quotidiani? In questo preciso momento storico, segnato dalla paura verso “l’Altro”, la cultura e la condivisione possono essere gli strumenti per favorire l’incontro tra i popoli. Una missione, prima ancora di essere un obiettivo, che da 14 anni anima e sostiene Ottobre africano, il festival organizzato dall’Associazione culturale Le Réseau e dedicato alle voci più importanti del continente nero.

Non è quindi un caso che il sottotitolo scelto per la nuova edizione sia Cultura in diplomazia: “diplomazia” come apertura e tolleranza, valori legati a filo doppio con la cultura, intesa nel suo senso più nobile. Spiega Cléophas Adrien Dioma, direttore dell’evento: “Per sconfiggere il razzismo e per costruire una società multietnica ci sono ancora molti passi da compiere, ma vogliamo dimostrare che le barriere che impediscono l’amicizia tra i popoli si possono, anzi si devono, abbattere”.

Per tutto il mese di ottobre, spazio dunque alla riflessione, ma anche e soprattutto al divertimento, per scoprire il volto più sincero di un continente inesauribile per bellezze paesaggistiche, tradizioni artistiche e storia. Presentazioni di libri, conferenze, workshop, sfilate di moda, contest culinari, concerti: il calendario di eventi organizzati lungo lo Stivale promette nel 2016 di essere ancora più ricco e più vario. Sono tante infatti le città italiane interessate: da Roma a Milano, passando per Torino, Napoli, Bologna, Reggio Emilia e Parma.

Inoltre, per la prima volta Ottobre africano approda anche a Modena. Con il sostegno e il contributo della BPER, insieme alle comunità straniere, le Onlus e le associazioni che lavorano nel mondo della cooperazione e dell’Intercultura, il 22 ottobre nella bellissima sede del Forum Manzoni sarà organizzata una giornata di musica, cucina etnica, sfilate, workshop, artigianato, presentazione di libri per scoprire l’Africa.

Forte del successo dell’edizione scorsa, uno dei punti focali di quest’anno si riconferma IncontroCucinacontest culinario aperto a tutte le comunità straniere presenti sul territorio italiano. Gli chef amatoriali si sfideranno durante cinque serate in altrettante città, proponendo i piatti tipici della propria tradizione. Il via il 23 settembre 2016 per la prima tappa a Torino, poi Bologna il 26, Milano il 29, Napoli il 4 ottobre e Roma il 6 ottobre. Il vincitore sarà premiato a Roma a fine ottobre e verrà decretato in base alla sua abilità ai fornelli, ma anche alla capacità di raccontare la storia del proprio Paese attraverso l’arte gastronomica.

“Niente meglio del cibo e della musica può avvicinare le persone”, sottolinea Fiorella Mannoia, madrina della manifestazione, “perché non hanno bisogno di parole. Viviamo a stretto contatto con persone di etnie diverse, alcune lavorano nelle nostre case, ma raramente ci soffermiamo a chiedere cosa si cucina in Burkina Faso o in Eritrea, che tipo di libri si leggono e quali sono le abitudini in casa. È fondamentale invece iniziare ad ascoltare il nostro vicino”.

E proprio per favorire la conoscenza dell’altro e accendere la curiosità, anche quest’anno la chiusura di Ottobre africano è affidata all’evento Se solo mi guardassitre giornate previste a Roma (28-29-30 ottobre), nate dall’idea della cantautrice italiana e che prendono il nome dalla sua prima canzone per scoprire tra artigianato locale, piatti tipici, incontri, tavole rotonde e musica dal vivo, colori, tradizioni e sapori a noi ancora lontani.

Per maggiori informazioni:

www.ottobreafricano.org

Facebook: https://www.facebook.com/pages/Ottobre-Africano/

Per informazioni e modalità partecipazione a IncontroCucina

Responsabile Mehret Tewolde

+39 3387749076

incontrocucina@gmail.com

 

Standard
cultura

L’addio a Pia Pera

pia_pera_700px_0Pubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Con grande dolore le case editrici Ponte alle Grazie e Salani annunciano la scomparsa di Pia Pera, avvenuta oggi.

Pia Pera (1956-2016) è stata scrittrice e giardiniera, viveva da alcuni anni in un podere della Lucchesia. È stata professore a contratto di Letteratura Russa all’Università di Trento. Ha tenuto conferenze e seminari in varie università, corsi di scrittura creativa. Ha collaborato a varie testate giornalistiche e radiofoniche tra cui l’Espresso, Panorama, Elle, Gardenia, The TLS, Il Sole24Ore.

Ha scritto libri di narrativa – La bellezza dell’asino (Marsilio, 1992) e Diario di Lo (Marsilio, 1995), entrambi tradotti in tedesco e in molte altre lingue straniere. Ha scritto anche libri di non fiction –   L’arcipelago di Longo maï (Baldini & Castoldi, 2000) – e un saggio sulla storia delle idee in Russia, I Vecchi Credenti e l’Anticristo (Marietti, 1992). Ha inoltre curato e tradotto alcuni classici della letteratura russa tra cui La vita dell’Arciprete Avvakum (Adelphi, 1986), Evgenij Onegin di Puskin (Marsilio, 1995), Un eroe del nostro tempo di Lermontov (Frassinelli, 1996).

Per L’orto di un perdigiorno. Confessioni di un apprendista ortolano (Ponte alle Grazie, 2003) ha ricevuto nel luglio 2003, a Villa Hanbury, il premio Grinzane Cavour.

Ha pubblicato con Ponte alle Grazie Contro il giardino. Il giardino che vorrei e nel 2015 Al giardino ancora non l’ho detto.

La redazione di Convenzionali si unisce al ricordo e al dolore.

Standard
cultura, eventi

Monferrando

13702289_10208810651597372_2123436429_oPubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Monferrando:

Conversazione sul ritorno  letterario in Monferrato  di due autori

Domenica 24 luglio ore 18:00

Cibrario libreria illustrata

piazza della Bollente, 18, 15011 Acqui Terme

Modera l’incontro Roberto Chiodo, presidente del premio di Poesia Gozzano. Parleremo di letteratura, musica e di cultura, senza distinzione tra alta e bassa perché come dice Vecchioni la vera cultura è capire l’uomo, l’essere umano, L’essere e per essere a volte bisogna spostarsi perché la condizione dell’uomo è dinamica, lo stato, in senso lato, può anche danneggiare.

Fabio Izzo, nato ad Acqui Terme, vive tra Acqui e Cracovia. Vincitore di un Grinzane Cavour, sezione dialoghi con Pavese, del XXII Città internazionale di Cava de’ Tirreni. Nel 2014 è stato candidato al Premio Strega. Insegna Scrittura Creativa e collabora con Rai News Poesia

LO STRANIERO

E’ uscito lo scorso 20 maggio l’omonimo disco d’esordio per La Tempesta Dischi/

Sony Music. Due voci ed elettronica per un pop-rock dalle sfumature psichedeliche: un debutto dalle liriche dirette ma sognanti, che racconta viaggi, fughe e la distanza a volte indispensabile per leggere con maggior oggettività gli eventi personali e il mondo.

Nel 2014, anno di nascita del gruppo, Lo Straniero è finalista del RockContest di Controradio, dove ottiene il Premio De Pascale per il miglior testo in italiano e riceve l’apprezzamento della giuria presieduta Manuel Agnelli e Cristina Donà. A marzo 2015 è Artista della Settimana su Mtv New Generation. Tra la fine del 2014 e il 2015 il gruppo è stato impegnato in un primo tour di 30 date, oltre ad esser selezionato dalla giuria tecnica come finalista tra i primi dieci artisti più votati dal pubblico dell’edizione 2016 di Sotto il cielo di Fred – Premio Buscaglione.

Il gruppo attualmente è in tour per presentare il disco e sta partecipando ad alcuni fra i più prestigiosi festival della penisola. Il disco è uscito per La Tempesta Dischi, (etichetta che ha all’attivo oltre 60 pubblicazioni fra cui i nomi più importanti della scena musicale alternativa italiana come Tre Allegri Ragazzi Morti, Zen Circus, Teatro degli Orrori, Le Luci della Centrale Elettrica ecc..) e Sony Music Publishing.

Gli acquesi Giovanni Facelli e Federica Addari – insieme a Luca Francia, Valentina Francini e Francesco Seitone – sono i componenti del gruppo Lo Straniero.

Recensioni entusiastiche stanno accompagnando l’uscita dell’album.

Di seguito alcuni estratti.

Rockit

“..un grande album che rimane con i piedi ben piantati a terra nel mare magnum della discografia contemporanea”

Il Manifesto

“Un esordio che fin da subito è sembrata una scommessa vinta”

Rumore

“Fresco, energico, diretto”

Vorrei

“Contemplativo e rabdomante, fruibile e profondo .. il disco sorge come un dipinto”

Lost Highways

“Una produzione matura e ispirata, ricca di contaminazioni e citazioni”

TuttoRock

“Un susseguirsi di brani a cui è facile assuefarsi”

Oca Nera Rock

“una formazione decisa e talentuosa, pronta a tutti gli effetti a mettersi in gioco nello sterminato panorama indie italiano”

In Your Eyes

“Ritornelli che si stampano sui nostri neuroni con facilità e felicità reciproca”

Più o Meno Pop

“Un disco difficilmente dimenticabile, ricco di spunti, sorprendente, brillante”

Facelli è autore dei testi, laureato in Comunicazione con una tesi su cinema e paesaggio italiano, nel 2011 ha conseguito il master in “Parole e Musica” presso il Cpm di Milano. Giornalista pubblicista, attualmente studia musicoterapia. Già autore per altri progetti, ha all’attivo centinaia di concerti in Italia e anche all’estero. Ne Lo Straniero figura come cantante e chitarrista.

Federica Addari, laureata in Filosofia presso l’Università di Genova, studia canto e piano dall’età di sei anni, prima con Enrico Pesce e successivamente con Marina Marauda. Attualmente studia musicoterapia. E’ autrice dei testi, cantante, tastierista e ha scritto il soggetto del videoclip “Speed al mattino” che ha permesso a Lo Straniero di farsi conoscere su Mtv New Generation.

Standard
cultura

Dante per Roma

image002Pubblicazione a cura della redazione del comunicato stampa

Progetto per Cultura Capitale

Teatro – Saggistica – Televisione

DANTE PER ROMA

Ingresso libero

Ideazione e interpretazione di

Franco Ricordi

Consulenza letteraria a cura di

Giulio Ferroni

In collaborazione con:

Soprintendenza speciale per il Colosseo,

il Museo Nazionale e l’Area archeologica di Roma;

Comune di Roma;

Direzione Cultura;

Rai 5 Cultura;

Società Dante Alighieri

L’Inferno in sette serate

 

La Commedia è forse il più grande testo dell’Occidente. Capolavoro poetico, ma insieme anche filosofico e teatrale, è certamente radicato nell’antichità e nel medioevo, ma raggiunge con la sua sedimentazione tutte le più grandi tematiche dei nostri tempi: e può essere intesa pienamente solo oggi, nel secolo XXI, in un senso alternativo al nichilismo della nostra epoca. Tuttavia la Commedia ha un luogo mondano di “eterna rappresentazione”, più che mai simboleggiato dalla “Città eterna”, Roma, come vedremo nel corso di questa nuova e inedita Lectura Dantis, che realizzeremo in 3 estati romane (Estate 2016: Inferno – Estate 2017: Purgatorio – Estate 2018: Paradiso) in un work-in-progress itinerante nella nostra città, insieme al documentario per RAI Cultura con la consulenza del Prof. Giulio Ferroni; e tutto questo sarà di forte stimolo e aiuto al momento che viviamo a Roma e nel nostro Paese.

Dante può essere con noi.

Il programma completo

Venerdì 8 luglio ore 21 Tomba di Cecilia Metella Canto I

(La crisi esistenziale e l’ala di Virgilio)

Sabato 9 luglio ore 21 Tomba di Cecilia Metella Canto V

(Il Romanticismo di Paolo e Francesca)

Giovedì 14 luglio ore 21 Terme di Diocleziano Canto XIII

(La scena shakespeariana e Pier delle Vigne)

Venerdì 15 luglio ore 21 Terme di Diocleziano Canto XXI

(Basso inferno: la corruzione di ieri e oggi)

Giovedì 21 luglio ore 21 Terme di Diocleziano Canto XXIV

(Il ladro Vanni Fucci e la bestialità umana)

Venerdì 22 luglio

 

 

 

 

Giovedì 28 luglio

ore 21 Terme di Diocleziano Canto XXVI

(Il naufragio e l’identificazione con Ulisse)

ore 21 Teatro Marcello Canto XXXIII

(Il Conte Ugolino e l’ironia del gran finale)

 

Standard