Libri

“Chiamo i miei fratelli”

di Gabriele Ottaviani

Chiamo i miei fratelli, Jonas Hassen Khemiri, Einaudi. Traduzione di Katia De Marco. Quando scoppia un’auto nel centro di Stoccolma, subito la parola terrorismo comincia a rimbombare balzellando di bocca in bocca alimentando il panico e la paranoia: Amor vaga per le strade di una città surreale dovendo comprare per la cugina un ricambio per il trapano, e a mano a mano che il tempo passa, per motivi insondabili, sente che tutti gli occhi sono puntati su di lui, che ha uno sguardo spaventato e ansioso, e un’inquietudine smaniosa e febbrile gli formicola nelle vene: dirompente e magistrale.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...