Libri

“L’uomo con le radici in cielo”

di Gabriele Ottaviani

Sono stanco e confuso. Qualcuno mi accompagna al piano di sopra. Fatico a fare i gradini, ma una volta arrivato mi lascio andare sul letto. Charlotte mi ha ceduto la sua stanza. Dormirà in una camera al piano terra, dove hanno sistemato vari scatoloni pieni di roba tolta da sopra. Sto male, mi sembra di spegnermi, ma almeno non sono più solo in quel buco in cima a ottanta gradini sperduto nella grande metropoli. A Kensington mi stavo spegnendo su un letto singolo, in compagnia soltanto di un armadio, un lavandino e vecchi infissi dipinti di bianco, all’ultimo piano di una signorile palazzina vittoriana dove arrivavano giusto il rumore dei motori dalla strada e qualche brusio di voci lontane. Qui sono in una famiglia. Il mio letto a due piazze si allarga generoso sotto il tetto spiovente; due comodini lo stringono ai lati, e da una finestra aperta sul cielo tra le tegole respiro l’aria che viene dal mare. Ci sono libri e video ammonticchiati ovunque e un piccolo bagno tutto per me, bianco e pulito, con saponette e asciugamani piegati.

L’uomo con le radici in cielo, Alessandro Scafi, SEM. La vita, si sa, si diverte a giocare con le sorti dei viventi specie nel momento in cui questi sono in tutt’altre faccende affaccendati e sono assolutamente convinti che niente e nessuno possa fare loro del male e che nulla possa cambiare all’improvviso: un avviato scrittore e docente esperto di cartografia dell’Eden, esegeta biblico, sognatore insoddisfatto piuttosto distante dalla realtà, tutto d’un tratto si rende conto di fare fatica anche solo a stare in piedi. Grazie a un’ex studentessa che gli presta aiuto nonostante l’abbia sedotta e abbandonata arriva in breve tempo alla scoperta della diagnosi, una rivelazione che lo costringe a riorganizzare tutte le sue priorità: i suoi studi, però, possono certamente indicargli una strada, una chiave di volta, una soluzione… Intenso.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...