Libri

“Il cavo dell’onda”

di Gabriele Ottaviani

Allora aspetti l’amore con la A maiuscola, Clairette?

Scrittrice di straordinario talento e troppo poco nota, che ha attraversato pressoché per intero il cosiddetto secolo breve, essendo nata nel millenovecentouno e passata a miglior vita nel millenovecentonovantotto, Alice Rivaz, pseudonimo di Alice Golay, ha una prosa raffinata, magnetica, interessante, preconizzatrice di numerose istanze che sono assurte agli onori della cronaca e sotto le luci della ribalta in tempi successivi, in particolare anticipando le tematiche sviluppate dai movimenti femministi internazionali. Eccellente e acuta osservatrice della realtà, in questo testo pregevolissimo che si inserisce nella collezione di suoi volumi editi da Paginauno, Rivaz, con Il cavo dell’onda, romanzo tradotto da Alberto Panaro, seguito – ma perfettamente leggibile anche a sé – di Come la sabbia, pubblicato però a ben ventun anni di distanza, ossia nel millenovecentosessantasette, racconta la storia di un amore che non riesce a sbocciare, e quindi i protagonisti, preda dei loro dubbi e dei loro errori, vivono situazioni comiche, tragiche, paradossali. Maestoso.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...