Libri

“Frida Kahlo – Il colore della vita”

di Gabriele Ottaviani

Frida e Diego giungono in California il 10 novembre del 1930, San Francisco è in balia della Grande depressione. Dal crollo di Wall Street, l’anno precedente, la fame e la disoccupazione sono tangibili. All’arrivo nella metropoli, Frida prova stupore per la singolare città verticale e un gran disprezzo per l’organizzazione economica dei gringos, come chiama gli statunitensi, artefici di un inaccettabile divario sociale. L’artista messicana si sente catapultata in un’altra dimensione e tra i grattacieli di cemento e i ricchi appartamenti dei collezionisti americani si aggira come un’apparizione di luce multicolore, annunciata dal tintinnare dei pesanti gioielli precolombiani e dal frusciare delle lunghe gonne svasate. Nel ruolo di giovane moglie, accompagna il grande muralista Diego Rivera, accolto al porto da una troupe di giornalisti, ma con la sua personalità seducente non tarda a farsi notare presso la comunità artistica californiana. Frida è un’esplosione di vita, di gioia, musica e balli. Suona l’ukulele, ha una voce armoniosa, intona corridos messicani, inventa canzoni scurrili, danza e ride di cuore. Regge l’alcol come pochi. Il fotografo Edward Weston nel suo diario annota: «Ho incontrato Diego! […] ho fotografato anche la sua nuova moglie, Frida, che è l’esatto opposto di Lupe, piccola, una bambolina accanto a Diego, ma una bambola solo nella misura, perché è forte e bella, e non dà quasi a vedere di avere sangue tedesco per via di padre. Vestita alla messicana fino ai sandali, provoca molta eccitazione nelle strade di San Francisco. La gente si ferma a guardarla meravigliata».

Frida Kahlo – Il colore della vita, Alba Romano Pace, Giunti. Artista di chiarissima fama e straordinario talento, iconica anche per le sue tormentatissime vicende amorose ed esistenziali, una su tutte il terribile incidente stradale che l’ha quasi uccisa e lasciata devastata nel corpo e nello spirito irrimediabilmente, emblema dell’autodeterminazione femminile, Frida Kahlo, quintessenza d’una cultura che sa farsi alta e popolare assieme, rivive nel ritratto policromo e vivido che ne viene fatto in questo volume ulteriormente impreziosito da un ricchissimo apparato di note e punteggiato da belle e significative immagini: un viaggio nello spazio e nella storia da cui lasciarsi sedurre e arricchire, per conoscere e riflettere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...