Libri

“Prima persona singolare”

di Gabriele Ottaviani

C’è chi sostiene che il periodo più felice della vita è quando la musica pop ci entra nel cuore nel modo più naturale. Può darsi che sia vero. Oppure no. Le canzoni pop potrebbero essere soltanto delle canzoni pop. E le nostre vite, in fin dei conti, soltanto beni di consumo contraffatti.

Prima persona singolare, Haruki Murakami, Einaudi, traduzione di Antonietta Pastore. Ogni ritorno in libreria di Murakami è una gioia per gli occhi, il cuore, lo spirito, e questo testo non fa eccezione, anzi: in questi otto racconti, che vanno a comporre un raffinato e policromo mosaico, o forse, meglio, un concept album, il filo conduttore è la prima persona singolare, l’io che guida la narrazione, così particolare da essere universale, da saper parlare a tutti di tutti, della vita e della sua fragilissima e inesorabile meraviglia. Incantevole: come l’acqua per chi ha sete.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...