Libri

“L’inibizione creatrice”

di Gabriele Ottaviani

In ciascun istante della nostra vita, decidiamo di sopprimere un’azione o un pensiero, dovendo scegliere l’azione più pertinente per i nostri desideri e obiettivi, talvolta per semplice curiosità, o per la sua compatibilità con norme sociali o emozioni condivise. L’inibizione è essenziale per variare l’attività.

L’inibizione creatrice, Alain Berthoz, Codice, traduzione di Silvio Ferraresi. Ingegnere e neurofisiologo, professore emerito al Collège de France e membro dell’Accademia delle Scienze francese, nonché da decenni direttore del Laboratoire de physiologie de la perception et de l’action (CNRS-Collège de France), autore di numerosi articoli su riviste internazionali e quotidiani su temi legati al senso del movimento e più in particolare sulle diverse componenti della sua percezione e conferenziere apprezzato e di chiarissima fama, Alain Berthoz in questo volume affascinante indaga la raffinata modulazione, e le occasioni in cui questo meccanismo pressoché perfetto si altera, con le conseguenze che determina, dei circuiti neurali che, alternando inibizione ed eccitazione, stimola di continuo l’immaginazione e la creatività, cui si deve il progresso dell’individuo e della società. Da leggere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...