Libri

“I venti di sabbia”

di Gabriele Ottaviani

Chiuse il libro, sentendosi più emarginata di quando l’aveva aperto.

I venti di sabbia, Kristin Hannah, Mondadori, traduzione di Federica Garlaschelli. Torna in libreria un’autrice grandissima e meritatamente acclamata in lungo e in largo con una storia dal respiro epico che conquista sin dalla copertina: nel Texas del millenovecentoventuno Elsa, che grazie a Edith Wharton arriva alla consapevolezza del tempo che passa (solo i libri le sono amici), e sa che tutti pensano di lei che ormai, a venticinque anni, non l’ha voluta, non la vuole né la vorrà mai nessuno, a differenza delle sue sorelle, perché è troppo brutta, troppo alta, troppo magra, troppo pallida, decide finalmente di prendere in mano la sua vita, e infatti nel millenovecentotrentaquattro, solo cinque anni dopo la deflagrazione iniziale e mortifera della Grande Depressione, che continua a imperversare e che anzi forse proprio in questo periodo fa sentire il suo morso ancor più stringente e lacerante, quando tutti hanno perso il lavoro, la siccità ha bruciato i campi, la fame è una presenza sgradita e insistente, lei, donna e madre coraggiosa, incarna appieno il sogno americano. Ma… Monumentale.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...