Libri

“L’isola di Caronte”

di Gabriele Ottaviani

Ripercorrendo e confrontando le tappe vissute da Marco con le mie, molto più aleatorie, molto più cerebrali, non mi resi conto che avevo prolungato a dismisura la doccia. I piedi non si curavano del mulinello di sapone che impediva il deflusso dell’acqua dallo scarico. Le mani, inconsapevoli, passavano incessantemente tra i capelli. Le dita, lente esploratrici, sembravano alla ricerca di una considerazione che mettesse tutto in chiaro, che rendesse ogni passo più plausi bile, che fosse in grado di mettere ordine in esistenze domi nate dall’accartocciamento delle proprie parole. Sembravano soprattutto alla ricerca del momento esatto che trasforma di colpo le proprie aspirazioni in velleità.

L’isola di Caronte, Alessandro Buttitta, Laurana. Il signor Durante dirige l’agenzia di pompe funebri Vita Natural Durante, e oltre ad avere con ogni evidenza una certa tendenza all’ironia, brillante, icastica ed efficace, ha anche un’altra dote molto rara, specialmente in Italia: assume un giovane laureato. E così Andrea, Mangiapane di cognome ma non a tradimento, ultimo arrivato nei ranghi di una compagine deliziosamente scombiccherata ma dalla quale c’è molto da imparare, finanche sul senso stesso della vita, giunge a Ustica per la morte, invero poco chiara, di un giornalista. E… Formidabile.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...