Libri

“Perché Sanremo è Sanremo”

di Gabriele Ottaviani

Sai, la gente è matta, forse è troppo insoddisfatta…

Perché Sanremo è Sanremo – Da Grazie dei fior a Me ne frego – Storia del Festival più amato dagli italiani, Davide Steccanella, Paginauno. Non c’è libro più adatto di questo nella settimana in cui, come sempre, e quest’anno forse più che mai, non si cerca di parlare d’altro, non si vorrebbe, non si desidererebbe pensare ad altro che non fossero quei cardini inestirpabili dell’immaginario collettivo nazionalpopolare guardato con sufficienza dagli snob di posa e di facciata che in realtà sono i più affezionati spettatori del rito liturgico tradizionale, ma decisamente di tendenza anche sui social, tra influencer e wannabe, ampolloso e rassicurante dell’Ariston, quest’anno pieno solo di velluto ed esaltato da una scenografia bella come non se ne ricordavano da tempo, come lungaggini nella conduzione, vestiti più o meno eleganti, canzoni più o meno convincenti, gag più o meno riuscite, ascolti più o meno maestosi, ospiti più o meno sensazionali e strapagati giunti sulla riviera dei fiori, in quella che, proprio grazie alla kermesse, è, scrive Nico Orengo nell’anno della conduzione, passata alla storia, dei figli d’arte, adorabilmente goffi, Celentano, Dominguin, Tognazzi e Quinn, la quinta città italiana più nota all’estero. Non siamo sereni, perché è da dodici mesi che combattiamo contro il più infido e invisibile dei nemici, aneliamo un ritorno a quella normalità che per tanti versi è stata anche la causa di numerosi problemi ma era al tempo stesso pure la trama della nostra semplice vita, in cui non facevamo nulla di male e cercavamo solo di volerci bene: il festival della canzone italiana è dal millenovecentocinquantuno lo specchio di un paese che è passato gattopardescamente da De Gasperi a Draghi, e Steccanella ne fa un’esegesi che ben si sintetizza in uno slogan un tempo di moda: tutto quello che avreste voluto sapere e non avete mai osato chiedere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...