Libri

“Le ripetizioni”

di Gabriele Ottaviani

Che cosa è dolore?

Le ripetizioni, Giulio Mozzi, Marsilio. Chissà se è davvero possibile imparare dai propri errori, o se invece non ripetiamo sempre i medesimi, solo con maggior creatività. Del resto, recita il saggio, ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci sempre. Fallisci meglio. Mario sembra vivere sempre lo stesso giorno, ma in un dove che è un altrove, indefinito, indefinibile, labile come il confine tra verità e menzogna, tra sogno e realtà: in realtà non vive sul serio, sfugge alla vita, e agli obblighi di responsabilità. Bianca lo ha abbandonato, e non ha mai dissipato il dubbio sulla paternità di Agnese, eppure quando ha un problema torna da lui, che vorrebbe sposare Viola, che gli nasconde molte più cose di quante forse chiunque sarebbe disposto a tollerare. E Santiago, poi, dedito a pratiche sessuali estreme, che ruolo ha in questa storia? Mozzafiato, indaga l’anima nei meandri più torbidi attraverso i quali cerca di trovare un senso alla propria fragilità.

Standard

Una risposta a "“Le ripetizioni”"

  1. Pingback: La magnifica dozzina: i finalisti del Premio Strega 2021 | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...