Libri

“A testa alta”

di Gabriele Ottaviani

Eppure le avvisaglie c’erano tutte…

A testa alta, Giuseppe Altamore, San Paolo. Ci sono un banchiere, un padre benedettino e un capitano dei carabinieri reali, e non è certo una barzelletta, bensì una storia eroica e drammatica, quella dell’operazione Anton che nel millenovecentoquarantadue si pone come obiettivo l’invasione, da parte italotedesca, della repubblica di Vichy: questi tre uomini, durante l’occupazione della Francia meridionale, danno il via a una rete di salvataggio per gli ebrei, che infatti definiscono quei luoghi come la loro piccola Palestina. Il capitano, Massimo Tosti, rischia in prima persona, e dopo l’armistizio per continuare la sua azione aderisce finanche alla repubblica di Salò: è grazie a lui che quattromila persone non hanno subito le conseguenze atroci della persecuzione, eppure, nonostante il suo provato impegno, a guerra finita viene accusato di collaborazionismo e rischia l’espulsione dall’Arma. La sua è una storia troppo poco nota, che Altamore, col corredo di splendide foto, ricostruisce nel dettaglio: da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...