Libri

“La redenzione di un Forsyte”

di Gabriele Ottaviani

Con sua grande sorpresa Rozsi abbassò una morbida mano a toccare quella di lui. Poi, senza una parola saltò su e corse via. Gli ci volle un minuto buono per riaversi dallo stupore. C’era gente intorno; non osò mettersi a correre, ma raggiunse Rozsi sul ponte e le prese la mano sotto il braccio. «Non avreste dovuto farlo», le disse. «Non avreste dovuto scappare via così da me, sapete». Rozsi scoppiò a ridere. Swithin le lasciò la mano. Un desiderio di scuoterla lo assalì. Fatto qualche passo le chiese: «Volete avere la bontà di dirmi perché siete venuta a sedervi su quella panchina?» Rozsi lo guardò. «Domani, è la festa», rispose.

La redenzione di un Forsyte, John Galsworthy, Landscape Books, traduzione di Guido Del Duca. a letteratura inglese con ogni probabilità deve buona parte della sua grandezza, universalmente e unanimemente riconosciuta, e del resto non potrebbe essere altrimenti, dato che si tratta di una tradizione letteraria di incontrovertibile e nitido pregio, capace di raccontare la società con uno sguardo insieme lieve e profondo, omnicomprensivo e particolareggiatissimo, anche alla saga dei Forsyte, di cui questa irresistibile novella riedita con la consueta cura e pubblicata per la prima volta in patria nel millenovecento, sei anni prima della clamorosa venuta alla luce del Possidente, pare costituire parte significativa delle fondamenta. Nel cinquantacinquesimo anno di governo della regina Vittoria, nella capitale dell’Impero, un uomo è accompagnato verso il suo ultimo respiro, nel letto di morte, dal ricordo dell’unica occasione nella quale il suo cuore si è schiuso all’amore, e… Da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...