Libri

“La città dei vivi”

di Gabriele Ottaviani

Piú di una volta Luca mi ha confidato che Marco gli stava antipatico. Era un ragazzo educato, sveglio, molto gentile e umile. Credo che si prostituisse perché aveva bisogno di soldi, non certo per piacere. Piú di una volta mi ha cercato per chiedermi un prestito. Piú di una volta ho esaudito le sue richieste, gli davo dai venti ai trenta euro. A volte mi chiedeva direttamente centocinquanta euro e poi abbassava la pretesa. Lasciava intendere che mi avrebbe ricompensato sul piano sessuale. Spesso diceva che i soldi gli servivano per portare a cena la ragazza. Mi faceva davvero tenerezza, mi ci ero quasi affezionato nonostante l’avessi visto poche volte. Diceva che era molto legato a questa ragazza, credo stessero insieme da quando erano piccoli. Se Marco ha detto che gli prestavo i soldi per paura si sbaglia. Non ho mai avuto paura di Luca Varani. Sí, è vero, credo spacciasse. Già le prime volte che l’ho visto mi ha detto che se avessi voluto trovare della coca migliore di quella che portava Trovajoli, avrei potuto chiedere a lui. Si sarebbe rifornito da un fantomatico tizio che lavorava ne ll’ambiente. Chissà se è vero. Non mi sono mai rivolto a lui per comprare della coca. Ogni tanto Luca veniva accompagnato da questo Filippo. Anche Filippo si è offerto di vendermi della sostanza stupefacente, ho sempre rifiutato. Ho regalato a Luca un Rolex. Un Rolex falso, di mio padre. Lui lo guardava, allora gliel’ho dato. Dai, prendilo, ho fatto. Naturalmente gliel’ho detto che era una patacca. Lui non ha fatto una piega. Secondo me ci posso fare qualche soldo, ha detto. «Ragazzi, io faccio tutto ma sono attivo. Su questo è sempre stato chiaro, – disse Marco Prato al dottor Scavo, – lui poteva penetrare me, io potevo praticare una fellatio a lui, potevo leccarlo dalla testa ai piedi, lui poteva urinarmi addosso, poteva farmi un sacco di cose – il sesso ha delle sfumature infinite – però non l’avrebbe mai preso in bocca, e non si sarebbe fatto mai sodomizzare. Era proprio categorico. Credo che in questo modo tracciasse la linea che separava la sua vita normale dalla sua vita segreta, e conservasse ai propri occhi la sua eterosessualità. Purché il confine tra attività e passività non venisse superato, insomma, Luca poteva continuare a frequentare la sua ragazza da eterosessuale».

Poteva capitare a chiunque, una sera, di incontrare uno di loro in un locale qualsiasi, magari per un evento da lui organizzato. Poteva capitare a chiunque di fare due chiacchiere, di scambiarsi il numero, di chattare, di vedersi. Poteva capitare a chiunque persino di finire a letto, anche se si è sempre pensato di essere eterosessuali, anche se va bene tutto basta che non si sappia, basta che non si dica in giro, basta non fare niente da passivo, perché se lo dai vuol dire che comunque sei un uomo, un maschio, che fa il suo dovere, ma se lo prendi… Del resto, il più delle volte sono sposati, quelli che cercano carne fresca e maschile in chat e non solo… Poteva capitare a chiunque di voler fare qualche soldo facile, e di trovarsi in mezzo a un’orgia, o in un mare di guai, o sul tavolo dell’obitorio, per superficialità, per distrazione, per vizio, per impotenza, per la rimozione di una parte di sé che trova sfogo nell’aberrazione perché non si è saputo, potuto, voluto affrontare la questione a viso aperto. Poteva capitare a chiunque, anche a chi non manca niente, perché forse gli manca un tutto che non sa nemmeno definire, per la curiosità di quel che appare proibito. Le cose non capitano sempre agli altri, ai diversi, agli sbagliati, le cose non sono lontane da noi, noi siamo le cose, immersi in un mondo che non ha nulla di iperuranico: è un caso vero di cronaca nerissima quello da cui prende le mosse per tornare trionfalmente sulla scena della narrativa propriamente detta Nicola Lagioia, autore di un’opera al fulmicotone, deflagrante, straziante, ferocemente lirica come Yanagihara e solo pochi altri hanno saputo di recente essere. La città dei vivi, per Einaudi, è un interrogatorio alla soglia della nostra coscienza individuale e collettiva, un’inchiesta incalzante nei meandri del pregiudizio e dell’ambiguità morale, un’immersione totale nella neghittosa banalità del male che avviluppa la nostra società che, sempre più precaria, rabbiosa e invidiosa, anela sopra ogni altra cosa definirsi a gran voce normale: disturbante, solenne e tragica, sublimata pur nel descrivere l’abietto, mai giudicante, necessaria. Da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...