Libri

“Obabakoak”

di Gabriele Ottaviani

Imboccò la strada principale, quando vide quel che non si aspettava…

Obabakoak, Bernando Atxaga, 21lettere. Traduzione di Sonia Piloto Di Capri. A quasi trent’anni dalla prima rivelatrice edizione italiana torna in libreria un capolavoro – il termine viene sovente usato a sproposito, ma non è certo questa l’occasione… – che testimonia la magnificenza della stentorea voce narrativa di colui che all’anagrafe è Joseba Irazu Garmendìa ed è reputato in assoluto il più importante scrittore basco vivente, drammaturgo sia per il teatro che per la radio, poeta e persino autore di canzoni. Koak è un suffisso tipico dell’idioma preindoeuropeo, la lingua euskera, unica e inconfondibile, anche dal punto di vista simbolico, economico, sociale, culturale, politico, che indica appartenenza, Obaba un luogo immaginario ma più che realistico, il protagonista e lo sfondo montano e romito, isolato geograficamente e culturalmente dal resto del mondo, dove si intrecciano le vicende di assassini, insegnanti, lucertole dagli strani poteri e tanto altro ancora, incarnazione caleidoscopica della beffarda condizione umana: da leggere, rileggere, far leggere. Travolgente.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...