Libri

“Hjertebrann II – Decadenza”

di Gabriele Ottaviani

Eilidh si strinse ancora nelle spalle, pensierosa. «Beh, in effetti sono proprietà ereditabili soltanto dai draghi,» disse con poca convinzione. Forse neanche la principessa sapeva bene quale fosse il problema? «Sì,» si azzardò lei, allora. «Ma se la piccola è immune al fuoco non è, forse, meglio?» Entrambe le principesse si zittirono, come colte da un pensiero che ancora non le aveva raggiunte. Kerry prese coraggio e continuò: «Insomma, in questo modo sarà più tutelata e potrà difendersi anche da sola, senza per forza chiedere aiuto ai selgair.» Calò il silenzio per qualche istante prima che Keira si decidesse a parlare. «In effetti, Eilidh, Kerry ha ragione. Non devi averne paura, è un grande dono.» Eilidh sembrava ancora scossa e diffidente. «Beh… Sì, ma…» mormorò, biascicando parole confuse e insicure. Wynne e Sloan si avvicinarono e chiesero di provare quello che stavano bevendo loro. Quando Eilidh fece cenno che potevano bere, i due bambini presero una ciotola e provarono entrambi la bevanda, ridendo. Kerry sorrise a vederli così contenti di stare insieme: forse sia Wynne che Sloan soffrivano di solitudine in posti tanto grandi e vuoti. «È che mi spaventa il fatto che lei sia simile a loro,» ammise infine la principessa di fuoco, pronunciando quell’ultima parola quasi con disprezzo. «Perché?» chiese Kerry, ingenuamente. «Perché sono bestie senza cuore mentre lei…» Fece una carezza sul capo nudo di Wynne. «Lei è così gentile e generosa.» «Anche i draghi possono essere gentili.» «Kerry,» la chiamò Keira. Ancora una volta aveva parlato senza pensare; chiese scusa ma Eilidh, ormai, aveva sentito. «Come puoi dire una cosa del genere?» le chiese, sconvolta. «Hanno attaccato anche voi!» «Ma uno di loro ci ha salvate!» Eilidh rivolse lo sguardo all’amica, interrogativa. Keira annuì, imbarazzata…

Hjertebrann II – Decadenza, Grazia Di Salvo, Triskell. Connor è libero. Ma al tempo stesso è in prigione. Soprattutto, è schiavo dei suoi inesorabili, insopprimibili, insaziabili bisogni, che divampano sotto la soglia della sua pelle e lo straziano, ferini e feroci: violenza e sesso. Lo sterminatore di draghi che non conosce pietà ha in mano il regno di Fuoco e sembra aver imboccato la china dell’abiezione e dell’abbrutimento più totali, mentre i suoi consiglieri non possono far altro che assistere impotenti, non riconoscendo più colui che erano abituati a considerare in un certo modo e non in un altro. Ma… Intrigante.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...