Libri

“Azzorre”

IMG_20200314_153445di Gabriele Ottaviani

La voce mi fa trasalire…

Azzorre, Cecilia Maria Giampaoli, Neo. L’otto di febbraio è un mercoledì. L’anno è il millenovecentoottantanove. L’orologio segna le tredici e otto minuti locali. Un aereo, decollato da Bergamo, diretto a Punta Cana, in procinto di fare scalo alle Azzorre, sull’isola di Santa Maria, si schianta sul versante di una montagna dell’arcipelago polverizzandosi senza nemmeno una fiamma, lasciando nel bosco, dopo il boato, solo l’eco di un silenzio spettrale, uccidendo tutte le centoquarantaquattro persone a bordo e rendendo orfana di padre una bambina di sei anni. Che è l’autrice di questo libro, un diario, una rispettosa testimonianza, un viaggio: dopo venticinque anni, cambiando tutti i nomi, non entrando minimamente nel merito dell’inchiesta, ormai chiusa, Cecilia va dove tutto è iniziato e finito, per chiudere un cerchio. Straziante, potentissimo, necessario.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...