dialettologia, Libri

“Canzuni d’amuri – Parte seconda”

Lu cumiziu di li lupidi Giuseppe Mario Tripodi

 

Cu dici ca la donna sona “dannu”

E sulu sapi diri tali e quali,

non si ricorda l’òmani chi fannu

 e cu è lu primu auturi di lu mali

(P. Cavallaro)

La quartina, tratta da Lu comiziu di li lupi, eccetara, (pp. 27-28), è volta a sfatare un luogo comune che era ben vivo quando Cavallaro scriveva, negli anni Cinquanta del secolo scorso, ma ancora oggi è duro a morire; semplicemente il poeta ricorda che autori dei più grandi misfatti sono gli òmani, termine che include sia i masculi geneticamente non modificati che i cosiddetti òmani d’anuri che pretendevano allora, e pretendono ancora oggi, di rappresentare il distillato più autentico di quella specie sapiens.

L’affermazione ha ancora maggior valore se si pensa che Cavallaro apparteneva ai migliori tra quegli uomini d’onore che, allora, non erano ancora tutti diventati i mercenari mutanti che oggi furoreggiano nelle organizzazioni criminali.

A me i versi dell’epigrafe hanno fatto venire in mente un aforisma colato dalla bocca di un grande maschilista non autocritico né pentito che, pur al limite del turpiloquio, è come una rasoiata che incide in profondità proprio nel luogo comune di cui stiamo parlando:

Ndi vitti buttani / ma comu a l’òmini mai! (Otello Profazio)

Ove, ovviamente, la prostituzione più pericolosa viene identificata non con quella corporea e femminile, che casomai appare forma lieve e benefica, ma con quella che è intellettiva e interessata dei maschi globalizzati.

Ma ripartiamo dal verso scritto e dal sonetto Nostalgia (p. 43): il poeta è ormai stanco e il verso gli serve per ritornare alla sua post-adolescenza (quand’era figghiolastru) e il mondo gli sembrava il giardino dell’Eden, una pianura di fiori e di mele proibite.

Nella seconda quartina troviamo il primo desideratum di quel ritorno: una bella ragazza zingara (figghiòla di zingara) dalla quale si sarebbe fatto volentieri leggere la mano ed indovinare (‘nsertari, dal catalano encertar) esattamente il futuro (la ventura) in modo da non commettere errori capitali nel prosieguo della vita; a scuola di questa zingarella, e siamo alla terzina successiva, sarebbe stato volentieri per un bel po’ (setti simani e setti quindicini). Poi, per perfezionarsi nell’arte della divinazione, si sarebbe affidato alla figlia di un massaru (contadino benestante, parola antica che deriva da mansuarius che era il concessionario del mansu(m) nella civiltà carolingia) che gli sarebbe stata sublime maestra di aliossi (quando disparu cadi e quando ‘mparu):

 Vorria, hiatu, mu tornu a la bonura

quand’era figghiolastru e non sapia

quandu di hiuri e puma na chianura

tuttu quantu lu mundu mi parìa

 

Lu primu sensu meu, la prima cura

‘na figghiola di zingara saria

mu mi la ‘nserta bona la ‘ventura’

nommu la sbagghiu cchiù la sorta mia

 

Setti simani e setti quindicini

Cu d’iddha mi staria, bonu scolaru;

e, pe sapiri poi  cosi cchiù fini,

 

mi cercaria na figghia di massaru:

mo’ vidi, bella, tu mu lu ‘ndovini,

quando disparu cadi e quando ‘mparu.

Alle pagine 47 e 48 troviamo quattro componimenti, tutti composti di  quartine (pedi di cansuna secondo la metrica popolare), legati da rima alternata e numerati secondo gli ordinali latini sotto l’unico titolo di Bocciolu: infatti in tutte le poesie troviamo riferimenti floreali: Bocciolu di na rosa marzulina(I), Li boccioli di marzu e di l’aprili // v’arrobanu la grazia e la bellizza (II) Ma vui, sempri cchiù frisca di li rosi, … li rosi di li gambi ndi scopriti. (III), di gigli tutta quanta ‘na partita // e cchiù bella di tutti èravu vui. (IV)

 

I.

 

Bocciolu di ‘na rosa marzulina

comu lu suli sblèndita vui siti

sucusa comu mela majulina

e accussì fatta Vènari pariti

Quandu portati a spassu lu trisoru

ammodellatu di li gambi e l’unda

di lu pettu nascenti e guli d’oru

spanditi di la bucca, amuri abbunda …

Cu vi guarda , s’ha l’anima gentili,

vidi lu paradisu ‘ntundu ‘ntundu

e ‘na sfilata di barchetti a vili

carrichi di la gioia di lu mundu.

Veniti, undi la zagara è cchiù viva

e torna lu ricamu a li sipali,

‘ndinocchiu comu l’unda a la so’ riva

comu l’unda facimu tali e quali.

La prima quartina è formulare e ridondante di ben tre metafore mentre la seconda si caratterizza per ben tre enjambements, il terzo dei quali va  così parafrasato: e spandete zollette di zucchero dorate dalla bocca, ove guli viene dal greco Bõlos, zolletta di zucchero. L’ultima quartina contiene un invito all’amata per possibili incontri in un giardino di arance (undi la zagara è cchiù viva), dove il ricamo viene steso sulle siepi (sipala dall’aggettivo latino saepalis), oppure sulla mariuna dove gli amanti, in ginocchio sulla sabbia, saranno inseparabili come l’onda e la riva.

 

II.

 

Quandu spuntati vui cosa pulita,

pari ca spunta l’occhiu di lu suli,

la terra pari tutta ‘na hiurita

e di zuccaru sparsa a guli a guli.

Quandu spuntati vui, cosa gentili,

di sorrisi grundanti e di freschezza,

li boccioli di marzu e di l’aprili

v’arrobanu la grazia e la bellizza.

E quando poi, monella ‘mpenitenti

nci scappati a la mamma gridalora,

comu fussi la stilla di l’orienti,

tuttu lu mundu pari ca si ndora.

Unico bocciolo di tre strofe, presenta diverse e adeguate metafore: in apertura l’amata viene assimilata al sole che sorge e viene gratificata di un complimento molto delicato: occhiu di suli richiamante, in una giornata piena di temporali, il fenomeno del sole che spunta da una allargatura delle nubi. Esiste anche, in condizioni analoghe ma durante la notte, l’occhiu di luna. Nella seconda strofa l’amata viene derubata dai fiori primaverili della sua grazia e della sua bellezza e, in chiusura, viene assimilata, quando sfugge alla mamma bacchettona, alla cometa (stilla d’orienti) che indora il mondo.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...