Libri

“Spore”

Screenshot_20200409-173504di Gabriele Ottaviani

Sono le cose più umili,

ad esserci indispensabili.

Spore, Angelo Gaccione, Interlinea. Con scritti di Lella Costa e Alessandro Zaccuri. Sessantasei componimenti in tutto, cinquantasette raccolti sotto il titolo Per il verso giusto, altri nove a raccontare La presenza dei morti: sono questi pochi versi, dal lessico colloquiale, immediato, piano, semplice, limpido, lirico, lieve, musicale, preciso, potente, delicato, intenso, profondo, empatico e mai enfatico, che consentono alla voce poetica, efficace anche in prosa, di Gaccione di dispiegarsi in tutta la sua policroma poliedricità, con cui arriva al cuore delle cose, mettendo a nudo le verità dell’anima, evitando ogni artificiosità, preoccupandosi di recuperare l’essenziale, dandogli luce. Sono, del resto, come per i funghi o le felci, Spore, particelle minuscole ma indispensabili, scintille che, se la terra è fertile, danno vita. E la donano a tutti. Da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...