70. Berlinale

“Los conductos”

conductosdi Gabriele Ottaviani

Los conductos. Politico, potente, vibrante, esplosivo, monumentale, allegorico, mai retorico, ricchissimo di livelli di lettura e chiavi d’interpretazione, articolato, pluristratificato, il film, coprodotto da Francia, Brasile e Colombia, di Camilo Restrepo con gli ottimi, fra gli altri, Luis Felipe Lozano e Fernando Úsaga Higuíta, indaga la storia di un uomo in fuga in una terra attraversata da condotti sotterranei, meandri che possono essere trappole ma anche scappatoie da una realtà corrotta fin nelle sue fibre più intime: maiuscolo.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...