Libri

“Escluso l’ebreo in noi”

71pOXVJWVUL._AC_UY218_ML3_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Nella paranoia accade spesso che una minaccia nata da sé si trasformi nella minaccia di un altro…

Escluso l’ebreo in noi, Jean-Luc Nancy, Mimesis. A cura di Giovanbattista Tusa. Filosofo settantanovenne che ha collaborato con molti artisti fra cui finanche Kiarostami, professore emerito a Strasburgo, addottoratosi su Kant, pensatore finissimo che ha raccontato con scalpore la sua esperienza di trapiantato di cuore e ha indagato il senso stesso dell’idea di comunità e quella che ritiene essere l’attuale e variegata decostruzione del sistema valoriale del cristianesimo nella contemporaneità, Jean-Luc Nancy si misura con un’impresa che fa tremare le vene dei polsi al solo pensiero, tanto è ardua, ossia s’interroga sulle origini pre-europee ed europee dell’antisemitismo, riconducendo – punto di vista interessante ed evocativo – la nascita di questo fenomeno all’origine stessa del rapporto tra la cultura greca e quella ebraica, latrici di un significato molto differente dell’emancipazione dell’umanità dal mito, tra la sconfinata indipendenza del logos e l’autonomia concepita come risposta a un dio di cui non si può nemmeno pronunciare il nome… Imprescindibile.

Standard

Una risposta a "“Escluso l’ebreo in noi”"

  1. Pingback: “Il tocco del pianista”: intervista all’autore | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...