Libri

“Il paese del sale e delle stelle”

Screenshot_20190916-133703.pngdi Gabriele Ottaviani

Allora camminiamo. I tendoni dei negozi e i fili con la biancheria stesa nascondono il sole. Le paraboliche affollano la cima degli edifici. I taxi punteggiano le strade. Sul balcone di un appartamento scorgo una donna che, davanti a una tela su un cavalletto, dipinge con delicatezza un paesaggio urbano ad acquarelli. E tra me e me penso a quante persone hanno creato belle cose, qui, e a quante persone continuano a crearne anche quando la vita è piena di dolore.

Il paese del sale e delle stelle, Zeyn Joukhadar, Garzanti, traduzione di Stefano Beretta. Intenso, commovente, travolgente, potente, emozionante, lirico, scritto con una prosa bellissima fatta di periodi brevi, icastici, avvincenti, che descrivono con asciuttezza e felice sintesi, attraverso pochi cenni, compiutamente immagini, ambienti, personaggi e situazioni, è una storia struggente che parla di memoria e legami. Nour ha dodici anni, ed è appena tornata in Siria dagli USA. Il padre è morto, lei è solo una bambina, e deve occuparsi delle sorelle in un mondo che le appare ostile, difficile, spietato, violento, duro, pericoloso. Non riesce nemmeno più a rifugiarsi nell’immaginazione, nella fantasia. Eppure c’è una leggenda che può esserle d’ispirazione, e… Da non farsi sfuggire per nessuna ragione.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...