Libri

“Il giardino del Palazzo Reale di Torino”

59379885add01a36488f34e819ce724e_w200_h_mw_mh_cs_cx_cy.jpgdi Gabriele Ottaviani

Il Giardino del Palazzo Reale di Torino – 1563-1915, Olschki. Torino è città di rara bellezza, nonostante negli ultimi anni appaia, a chi la visita giungendovi da fuori solo per pochi giorni all’anno, magari per esempio durante il Torino Film Festival, rassegna di fama e spessore internazionali, un po’ peggiorata, meno curata del solito. Del resto tutte le grandi aree urbane hanno i loro problemi, ma anche le loro inattese meraviglie, come l’oggetto della ricerca degli studiosi del Politecnico documentata con estrema dovizia di particolari in questo volume nato per volontà dei Musei Reali e in assoluto la prima monografia, curata da Paolo Cornaglia, sull’argomento, ossia il Giardino Reale di Torino, ridisegnato da André Le Notre nel milleseicentonovantasette ma nato addirittura nel millecinquecentosessantatré, quando la metropoli della Mole diviene capitale dello Stato sabaudo, inserito da oltre vent’anni nella lista del patrimonio da salvaguardare stilata dall’Unesco. Committenti, progettisti e artisti di rilievo ne caratterizzano le vicende sino all’anno dell’entrata in guerra dell’Italia nel primo conflitto mondiale, quando l’attuale viale 1° maggio lo separa in due parti. Da non lasciarsi sfuggire per nessuna ragione.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...