Intervista, Libri

“Ritratto di Alma”: intervista a Egidio Capodiferro

capodiferro-copertina.jpgdi Gabriele Ottaviani

Egidio Capodiferro ha scritto Ritratto di Alma: Convenzionali lo intervista per voi.

Da dove nasce l’esigenza di questo romanzo?

Dal raccontare la difficoltà di lasciare gli affetti familiari, di sradicarsi dal proprio ambiente nativo per motivi di lavoro.

Perché scrive?

Per passione.

Siamo una società di migranti, eppure sovente xenofoba: perché?

Perché c’è il bene e il male nel cuore dell’uomo.

Fino a quale compromesso si può scendere per tentare di raggiungere i propri sogni?

Fino a non varcare i limiti della giustizia e del buon senso.

Che valore hanno per lei la famiglia, l’amore, la memoria?

Sono importanti, ma al primo posto bisogna mettere Dio.

Che mondo del lavoro è quello attuale?

Difficile, instabile, frammentario, snervante e ciò non permettere di programmare a lungo termine.

Che consiglio darebbe a chi volesse cimentarsi con la stesura di un romanzo?

Leggere molto; poi scrivere e riscrivere nella giusta misura.

Il libro e il film del cuore, e perché.

I fratelli Karamazov e Il Signore degli Anelli. Il libro per una visione completa dell’animo umano, il film per la seduzione del potere e del male sugli uomini.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...