Libri

“Jazz e fascismo”

61Uv2VhRxfL._AC_UL436_di Gabriele Ottaviani

Jazz e fascismo – Dalla nascita della radio a Gorni Kramer, Luca Cerchiari, Mimesis. Domenica è sempre domenica, si sveglia la città con le campane, al primo dindon del Gianicolo Sant’Angelo risponde dindondan: Gorni Kramer ce lo si ricorda più che altro per questa fortunatissima sigla, ma in realtà la sua produzione musicale è decisamente più ampia e varia, e, come quella di tanti altri, di cui Cerchiari fa in questo volume un’ottima, dotta e istruttiva esegesi, affonda le sue radici nella diffusione del jazz, che, in Italia, per certi versi paradossalmente, si diffonde proprio durante le fasi più salienti di quel famigerato ventennio che aborriva, almeno per facciata, l’esterofilia… Interessante.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...