Libri

“Fiori senza destino”

61Tu7QkFP-L._AC_UL436_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Ci sono sguardi che le sono entrati nella carne.

Fiori senza destino, Francesca Maccani, SEM. Forse a qualcuno di voi è capitato, dopo una festa, dopo un incontro, in seguito a un momento di particolare felicità talmente importante che vi ha lasciato la certezza solida e incontrovertibile di una gioia consapevole e al tempo stesso la percezione dell’assenza, della fine, la malinconia per la sua conclusione, per la totale convinzione che, dato che il passato per natura non ritorna, scorrendo il tempo in una sola direzione, nulla avrebbe mai potuto tornare a essere esattamente in quel modo, di essere tanto appagati dall’allegria da commuovervi. È esattamente così la prosa di Francesca Maccani, appagante per chi cerchi buona letteratura e commovente per chi aneli ritrovare in uno scritto emozioni sincere: splendido fin dalla copertina, è il fulminante ritratto delle vite, narrate in prima persona, di dieci ragazzi del Cep, promiscuo e malavitoso quartiere periferico di Palermo, in cui la bellezza si fa strada come un seme che scazzotta con l’asfalto in cui ha avuto la triste ventura di affogare per provare a sbocciare.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...