cannes

“Oleg”

oleg-publicity_still-h_2019di Gabriele Ottaviani

Oleg. A Cannes, nella Quinzaine. Secondo lungometraggio del lettone Juris Kursietis, intenso, avvincente, coinvolgente, claustrofobico, potente, appassionante, duro, solido, attualissimo, capace di indurre alla riflessione, asciutto, compiuto e ben confezionato sotto ogni aspetto, racconta di un uomo giovane e senza futuro che emigra in Belgio dall’Europa dell’est, ma le sue aspettative, ovviamente, si scontreranno col muro del rifiuto, del pregiudizio, della solitudine, dell’alienazione. Da vedere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...