Libri

“La verità sbagliata”

71b4P7XTpCL._AC_UL320_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Nel buio si concentrò sul suo respiro, e attese.

La verità sbagliata, Brian Freeman, Piemme, traduzione di Elena Cantoni. Ergastolo. Fine pena mai. Del resto il carcere deve servire a riabilitare, ma anche a mettere in condizione di non nuocere alla collettività individui pericolosi. E Rudy Cutter, omicida seriale, è senza dubbio un criminale che è bene che non abbia più la possibilità di commettere delitti. Il problema è che a quattro anni di distanza dalla condanna viene rilasciato con tante scuse e recupera la libertà. Si viene infatti a scoprire incontrovertibilmente che la prova regina, quella sulla quale era imperniata tutta l’accusa, quella che ha determinato il verdetto di colpevolezza, era falsa. Fabbricata ad arte. E ora dunque un uomo pericoloso quanto pochi altri mai gira per la città bramando vendetta. Sulle sue tracce, però, c’è qualcuno che non ha nulla da perdere… Avvincente dalla prima all’ultima pagina, nato per diventare un film, e di quelli belli, si direbbe, non ha nemmeno l’ombra di un passaggio a vuoto: classico e impeccabile.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...