Libri

“Tutti i morti volano in alto”

41+4P05jX1L._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Io e il fratello che mi era rimasto riempimmo la fossa con la pala. Era quello che volevamo.

Tutti i morti volano in alto, Joachim Meyerhoff, Marsilio, traduzione di Giovanna Agabio. Autore e attore di teatro di chiara fama, scrittore di successo irresistibile – che pare senza dubbio in grado di ribadire e confermare – con il suo esordio molto autobiografico fondato sulle memorie della propria infanzia vissuta nell’ospedale psichiatrico diretto dal padre, Meyerhoff, ora cinquantaduenne, racconta la vicenda del diciottenne Joachim che lascia la cittadina di provincia della Germania settentrionale che è tutto il suo mondo per raggiungere le sconfinate praterie presso Laramie, Wyoming, dove lo attende una borsa di studio vinta per meriti sportivi concernenti la sua attività di cestista. Così almeno dice in giro. Peccato che non sia vero. E… Sopraffino, magnifico, perfetto.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...