Libri

“Io sarò qualcuno”

download (1).jpgdi Gabriele Ottaviani

Il tramonto lasciò il posto alla notte…

Io sarò qualcuno, Willy Vlautin, Jimenez. Traduzione di Gianluca Testani. È mezzo indiano e mezzo irlandese, si chiama Horace, vuole diventare qualcuno. Qualcuno di importante. Vuole che il suo nome sia forte. Rispettato. Potente. Sulla bocca di tutti. Noto. Popolare. Che dia un’immagine di successo. Ha vissuto tutta la vita nel ranch dei suoi tutori. Che lo hanno amato. E lo amano. Visceralmente, incondizionatamente, completamente. Ricambiati. Ma in ogni modo lui si sente vuoto. Non riesce a superare il fatto di essere stato abbandonato da chi ha con lui in comune il sangue, senza cui non esisterebbe, non avrebbe un corpo, né guizzanti muscoli. È bravo con i pugni, vuole riuscire a emergere come boxeur professionista. E quindi va via, lontano dalle montagne del Nevada, in cerca delle luci della ribalta sul ring della nobile arte. Ma per quanto distanti si possa finire, da sé medesimi è impossibile separarsi… Monumentale, magnifico, sensazionale, epico, classico e insieme originale. Bellissimo.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...