Libri

“Di morte, d’insonnia e d’altre canzoni”

CopertinaDiMorte4.jpgdi Gabriele Ottaviani

La donna alzò lo sguardo verso la radiosveglia, sollevando leggermente la testa dal cuscino: erano le tre e ventiquattro e ancora non riusciva a prender sonno. Il giorno incombente sarebbe stato impegnativo: sei ore di lezione, una dietro l’altra, senza soluzione di continuità se non i quindici minuti di intervallo. Eppure, nonostante la stanchezza che si sentiva addosso, nonostante la tisana di erbe bevuta prima di coricarsi, il sonno tardava a giungere. Provava un dolore alla base del collo che si irradiava verso la testa e la invadeva con ondate pulsanti. Doveva cercare di non pensare a nulla, di immaginare uno schermo bianco davanti a sé dove proiettare immagini rilassanti, controllando battito cardiaco e respirazione. Ma era tutto inutile poiché un’inquietudine profonda le accelerava le pulsazioni, le affrettava il respiro, le tormentava i pensieri, senza che riuscisse a comprenderne la causa. Si trattava solamente di stress?, di stanchezza da lavoro e da preoccupazioni?, di rimpianti? Oppure quella angoscia stillante voleva rappresentare un segnale più preciso? Alla fine decise di alzarsi dal letto, tra le coperte si sentiva soffocare. Mosse qualche passo verso la cucina, dove si versò un bicchiere di latte. Dopo aver bevuto, si sedette al tavolo e prese il libro che stava leggendo la sera prima e che aveva lasciato lì prima di andare a dormire: Kafka sulla spiaggia di Murakami.

Di morte, d’insonnia e d’altre canzoni, Riccardo Landini, Clown bianco. Ezio Marvelli è un investigatore formidabile, un ispettore bravissimo che è riuscito a fermare Buio, al secolo Giano Gozzi, un serial killer armato di machete che imperversava nel Nord Italia e che durante lo scontro decisivo con Marvelli è scomparso nelle infide e freddissime acque del fiume Po: ma a quanto pare questo che letteralmente sembra essere un vero e proprio spettro del passato non ha la benché minima intenzione di abbandonare Marvelli, poiché il settentrione dello Stivale è di nuovo scosso da una sequela di delitti. Per giunta Marvelli riceve di volta in volta un inquietante messaggio, sempre lo stesso, e… Magnifico e travolgente.

Annunci
Standard

Una risposta a "“Di morte, d’insonnia e d’altre canzoni”"

  1. Pingback: “Magnifico e travolgente”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...