Libri

“Il banchiere”

31xsQN8JAqL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Ora singhiozzava…

La storia di Edouard Stern ha fatto scalpore, e questo libro se possibile ancora di più, tanto che ha generato addirittura interrogativi sulla libertà espressiva in generale degli scrittori in quanto artisti, narratori e fotografi della realtà: la famiglia del succitato Stern ha infatti – dal loro punto di vista, forse, è anche comprensibile… – chiesto il ritiro e la distruzione di tutte le copie del volume, un romanzo di enorme e meritato successo, perché scritto in modo magnifico, potentissimo, disturbante e feroce. Il banchiere, Régis Jauffret, Clichy, traduzione – ottima – di Giuseppe Girimonti Greco e Maria Laura Vanorio, narra con dovizia di particolari della vicenda di un banchiere elvetico che una sera di primavera incontra una donna che diventa la sua amante e gli compra la tuta di latex in cui lui muore durante un gioco erotico sadomaso. Lui le ha insegnato a usare le armi, ne ha fatto la sua segretaria sessuale, le ha regalato una pistola. Lei gli ha estorto un milione, lui se l’è ripreso, lei gli ha piantato una pallottola in mezzo alla fronte, lui è caduto dalla sedia su cui lei l’aveva legato ma non era ancora morto, così lei gli ha dato il colpo di grazia, poi si è fatta una doccia, ha raccolto i bossoli, ha eliminato ogni traccia e se n’è andata sbattendo la porta…

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...