Libri

“Volo di paglia”

volo-di-paglia-673x1024di Gabriele Ottaviani

Mara arrivò al castello che erano le due passate, col sole che si accaniva sulla ghiaia e contro gli abeti del giardino. L’ultima volta che era stata lì aveva vent’anni: se n’era andata in fretta e con gli occhi pesti prima che iniziasse settembre. Scese dalla macchina e si scrollò la maglietta. I jeans le avevano lasciato una linea rossa appena sotto l’ombelico; ci fece correre l’indice come se con l’unghia volesse raschiarla via. Aveva solo uno zaino, ma decise di lasciarlo nel portabagagli. Lungo il viale d’ingresso le ninfe di pietra la guardavano con aria trasognata e vagamente stupida. Le aveva scolpite il conte; Mara non l’aveva conosciuto: era morto negli anni Settanta. Dai racconti che ne faceva la contessa Frida, doveva essere un bel tipo, uno di quelli che, a sera, potevano passare ore a guardare il volo confuso dei pipistrelli; collezionava le piume che perdevano le poiane e non calpestava mai le file di formiche.

Volo di paglia, Laura Fusconi, Fazi. Fossero tutti così gli esordi ci sarebbe da sperare che ogni giorno si levasse, come una pianticella in grado di bucare l’asfalto e di fare a cazzotti con la nebbia mefitica dello smog per stiracchiarsi sino al cielo, una nuova voce: Laura Fusconi, con una delicatezza dal sapore antico, come qualcosa di perso e ritrovato, e che fa gioire incontenibilmente proprio perché si credeva perduta e invece è di nuovo un tassello colorato della nostra quotidianità, racconta con raffinata sapienza e lirica maestria il dolore delle creature che non dovrebbero soffrire, i bambini, muovendosi attraverso due piani temporali, partendo dagli anni della seconda guerra mondiale, e dalla casa di un capetto fascista su cui si posa la coltre marcescente della rovina… Ben caratterizzato in ogni dettaglio, è da leggere e rileggere.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...