Libri

“Pop-sophia”

51iljR6T7xL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Ci sono comunemente apparizioni di angeli a seguito delle quali avvengono guarigioni, ma anche disgrazie, morti con assunzione delle anime in cielo e relegazione di anime all’inferno. Entrambe sono visibili, così com’è visibile talvolta l’inferno (mentre il paradiso non è visibile, ma viene presagito da una luce abbagliante che acceca e rende coloro che qui sulla terra ne sono beneficati parteci della presenza divina, come anticipo della comunione che verrà sperimentata in paradiso). “Fu un’apparizione come tante, di dimensioni più ridotte del solito ma dello stesso genere, che per alcuni fu fonte di benefici e per altri di disgrazie. Quella volta l’angelo era Nathaniel, e fece la sua comparsa in un quartiere commerciale del centro. Ci furono quattro guarigioni miracolose: la rimozione di un carcinoma in due persone, la rigenerazione del midollo spinale in un paraplegico, e la restituzione della vista a un tale che da poco l’aveva persa. Si verificarono anche due miracoli di diverso tipo: un furgone il cui conducente aveva perso i sensi alla vista dell’angelo venne bloccato prima di finire su un marciapiede su cui erano radunati dei passanti; poi, mentre l’angelo se ne andava, un uomo venne investito da un raggio di luce celestiale che gli cancellò gli occhi, rendendolo però un fervido devoto. La moglie di Neil, Sarah Fisk, fu una delle otto vittime. Quando la cortina fiammeggiante dell’angelo mandò in pezzi la vetrina del caffè in cui stava mangiando, venne colpita da alcune schegge. Morì dissanguata nel giro di pochi minuti, e gli altri clienti del locale – nessuno dei quali riportò la minima ferita – non poterono far altro che ascoltare le sue urla di dolore e di paura, assistendo infine all’ascesa della sua anima al cielo”.

Pop-sophia – 12 ingressi (senza omaggi) alla filosofia, Pierpaolo Marrone, Mimesis. La filosofia sembra sempre qualcosa di astratto, un argomento e un modo di comportarsi e di approcciarsi all’esistenza in senso lato del tutto fine a sé medesimo, senza nessuna immanenza, attinenza, efficacia, continuità e contiguità col mondo reale. Che invece è pieno di problemi a vario titolo e forse specie di primo acchito inaspettatamente filosofici, che non sono affatto esclusivamente roba da pensatori neghittosamente dediti alla mera contemplazione, al vaniloquio e al ragionamento capzioso e lontano anni luce dal buon senso e dalla concreta praticità, anzi, tutt’altro: Pierpaolo Marrone lo dimostra con abilità straordinaria, con un approccio nuovo, diverso, originale, brillante, immediatamente comprensibile ma del tutto privo anche della benché minima forma di corriva banalizzazione, un bello stile che gli consente di parlare di robot, pratiche sessuali, Kant, David Bowie e molto altro ancora. Da leggere. Per conoscere e capire.

Standard

2 risposte a "“Pop-sophia”"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...