Cinema

“Rendez-vous with God”

Screenshot (108)di Gabriele Ottaviani

Rendez-vous mè Dieu (Rendez-vous with God). Fedifrago, ubriacone, tifoso del Molenbeek, padre, marito e morto. È nel suo bar in occasione del suo funerale che si incontra la sua famiglia, con tanto di figlia abbondantemente incinta e genero che dà decisamente l’impressione di aver ingoiato per intero in tutta la sua lunghezza un poderoso manico di scopa. E insieme a loro c’è lui, l’uomo che è stato vicino al fresco dipartito ogni sera nell’ultimo periodo, fumando erba a serrande abbassate, parlando di tutto. Ha la pelle scura, fa il venditore ambulante e si chiama Dieu. Che, si sa, esiste e vive a Bruxelles… Il cortometraggio passato da Cannes è grazioso, divertente, intelligente, allegorico, lieve ma profondo, ben scritto, ben diretto, ben recitato.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...