Libri

“Quando ero piccola leggevo libri”

51ATlr5R-mL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Per qualche motivo il fatto di essere umani ci fa amare e agognare le narrazioni grandiose.

Quando ero piccola leggevo libri, Marliynne Robinson, Minimum fax, traduzione di Eva Kampmann. Le cure domestiche, Gilead, Casa, Lila: uno meglio dell’altro. Sono i romanzi di Marilynne Robinson. Però se ci si focalizza sul mero aspetto cronologico ci scopre che c’è stato un lungo intervallo, in particolare fra il primo e il secondo titolo tra quelli appena nominati: quasi trent’anni. Non è pensabile però che una voce così ammaliante sia rimasta muta per un tempo tanto lungo: e infatti non è andata per nulla in questo modo. Semplicemente Marilynne Robinson ha rivolto la sua attenzione alla saggistica, e i dieci esempi qui raccolti ne forniscono una prova incontrovertibile, prima di tutto in merito alla grandezza e al valore. Analizzando infatti la società americana, gli usi, i costumi e le tradizioni dipinge a tinte accese il ritratto pietoso ma non indulgente di ognuno di noi, in costante lotta con la fragilità che vorrebbe nascondere e la forza che desidererebbe dimostrare. Da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...