Libri

“Victor”

51rfkWVolXL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Victor (Marcel Duchamp), Henri-Pierre Roché, Skira. Traduzione di Luca Lamberti. Henri-Pierre Roché, parigino, personaggio dalla vita rocambolesca, a differenza di quanto sostenuto da Renato Zero in una delle sue più celebri canzoni considerava eccome il triangolo: c’è molto del suo reale vissuto in Jules e Jim, da cui François Truffaut ha tratto tre anni dopo la morte di Roché il suo capolavoro con la taumaturgica Jeanne Moreau. Victor, rimasto incompiuto proprio per il già nominato decesso dello scrittore, parla del ménage à trois che lo coinvolge con l’amico Marcel Duchamp. Victor, per l’appunto, per chi gli era più vicino. Che un giorno, per dire, gli si presenta insieme a un altro amico sul viale della debosciatezza nello scantinato dove vive offrendogli una giovinetta… Roché tra il millenovecentosedici e il millenovecentoventi, quando è oramai quarantunenne, si trasferisce in America per svolgere una missione per l’Alto Commissariato francese. Qui, fra i tanti, conosce proprio Duchamp, e nel libro racconta la storia della loro amicizia e la sintesi di un ben definito Zeitgeist intessendo verità, verosimiglianza e divertita e divertente invenzione.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...