Libri

“Salvare le ossa”

51NrmQMi+fL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Andrò da Skeetah come Medea da suo fratello…

Salvare le ossa, Jesmyn Ward, NN. Traduzione di Monica Pareschi. Bois Sauvage, Mississippi, è letteralmente nell’occhio del ciclone. La tempesta sta arrivando. È questione di minuti, ore, giorni. Un uragano potrebbe abbattersi sulla località, e devastare ogni cosa. Ci sono baracche. Boschi. Rottami. E la Fossa. Un avvallamento. In cui vive una famiglia. Non c’è madre. Skeetah deve assistere il suo pitbull da combattimento dopo il parto, Randall, quando non gioca a basket, si prende cura del piccolo Junior, il padre cerca di barcamenarsi come può per far fronte all’emergenza incombente, Esch, la protagonista, unica figura femminile in un mondo pressoché tutto al maschile e mascolinizzato, in questi dodici epici giorni in cui la vita e il mito si intrecciano, i legami si cementano, l’amore è l’unico faro nella notte, disperato anelito di pace contro tutto e tutti, narra la sua vicenda, legge la storia degli Argonauti, è innamorata di Manny e scopre di aspettare un bambino. Scritto in stato di grazia, è una monumentale cornucopia di delizie. Appagante.

Standard

Una risposta a "“Salvare le ossa”"

  1. Pingback: “La linea del sangue” | Convenzionali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...