Libri

“Roma”

51JcbXNfvkL._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

Vincenzo – Vince – Fantini, l’Americano. Un personaggio così, lo devi inquadrare. Gli anni trascorsi dai tempi al giornale, una decina, non ne avevano mutato lo sguardo attufato da segaiolo né la vena parolaia, e complottista. Perché era il re dei complottisti, Vince Fantini. Allora giornalista, o meglio, aspirante giornalista alla corte di Parpaglanti-Sycorax, direttoressa; adesso, regista o aspirante regista (di docu-verità o di controinformazione, be’ complottarda) e, come si sarà ben intuito, gran traffichino. Quasi sobrio nel look, giovanilista – camicia rosa e giubbottino jeans, calzoni jeans, niente braccialetti o anelli (ma collanina sì, d’oro massiccio) l’aveva accolto così, alla sua maniera. «Anvedi, anvedi; Lucio, bello, ah, beato te; tu sì che hai capito tutto, hai capito tutto…» E, immancabile, «da quanto tempo, però, da quanto tempo…». I soliti convenevoli, derogativi. Il tipico trallallà, già messo in conto. Poi erano andati al sodo, lì nel boudoir, spaparanzati sul divanetto zebrato, veri pascià nel chiarore malsano dell’abat-jour (che, canonicamente, spande, soffonde, diffonde «luce blu», nel caso rossa). Un whiskey per il Fantini, birra per Lucio, e, risolta la vertenza – il detonatore («ti prendo appuntamento al Forlanini, sì proprio dove c’era l’ospedale, poi ti spiego») – ecco, il temuto momento: le confidenze. Col suo eloquio ammantato di misteri, reticenze, vari «non te lo posso dire, ma se sapessi», comunque sempre loquace, anzi, decisamente eccessivo, logorroico, l’individuo non era avaro di sé, grande narciso, e arciansioso di contarsi, per quanto sempre at His way, cioè a modo suo. La sua vita negli ultimi dieci, quindici anni, in due parole (una saga a suo dire, ma anche una lagna). Dopo l’11 settembre, «non ce l’ho fatta più», «dovevo andare» (ma Lucio questo già ce lo sapeva: aveva lasciato il giornale, il buon Fantini). Di lì, il recente soprannome, «l’Americano», e l’aria tipica sua di uno che la sua lunga, che c’ha naso. Così s’era trasferito a New York (soldi del padre) e lì aveva iniziato coi film, e con i complotti.

Roma, Vittorio Giacopini, Il saggiatore. Roma, non Carthago, delenda est. Perché ormai da troppo tempo miseramente galleggia, impudica, dimentica della propria gloriosissima storia, indegna erede, incivile, lei che ha insegnato la civiltà all’universo mondo, in ogni modo e maniera, e che invece è diventata più barbara dei barbari più truci, che ha fatto di tanti, troppi crimini il proprio marchio di fabbrica. Epico, visionario, monumentale, potente, contraddittorio, lirico e triviale, perfetto nel riprodurre un’immagine, nel dipingere il vividissimo ritratto di una città che è tutte le cose che si possono dire della sua prosa, il testo di Vittorio Giacopini, che padroneggia la lingua in modo mirabile e sa mostrarne al lettore tutte le infinite potenzialità, variegate come la corolla di certi alteri garofani, narra la storia profondamente drammatica, simbolica e crudelmente credibile, di Lucio Lunfardi, un tempo giornalista, ora sobillatore della peggior specie, che vuole annegare la città eterna nella stessa cloaca della sua putrescenza. Da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...