Libri

“Scene da un matrimonio”

514NKVsWp2L._AC_US218_.jpgdi Gabriele Ottaviani

E Joan? Chi ama, lei? Il suo analista, certamente. Suo padre, inevitabilmente. Il suo istruttore di yoga, probabilmente.

Scene da un matrimonio, John Updike, Clichy. Traduzione di Oliviero Pesce. L’amore è un gioco a perdere, cantava Amy Winehouse. Ed è davvero difficile darle torto. Aspettarsi di guadagnare qualcosa dall’amore è l’opposto dell’essenza stessa del sentimento che governa, sovrasta, tiene in pugno e devasta tutti gli esseri umani e non solo, con ogni probabilità. Perché l’amore è disinteressato, se è vero. La felicità è un’utopia, raggiungerla sul serio nel mondo concreto e quotidiano è pressoché impossibile. Ma ci si può andare vicino, unendo le proprie sorti umane e progressive a qualcuno che ci faccia illudere che anche per noi sia possibile uno squarcio di sole in mezzo alla coltre di nubi dell’esistenza. La vita coniugale è un contratto, un compromesso e un viaggio. Updike racconta con maestria impareggiabile ai suoi lettori quello di una coppia che lo ha accompagnato e che è da lui stata accompagnata nelle varie fasi dell’essere famiglia, microcosmo in cui si riverbera la società in tutta la sua contraddittoria mutevolezza. Da non perdere.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...