Cinema

“A quiet place”

29570422_10216869429507235_5168304445688275608_ndi Gabriele Ottaviani

A quiet place. In sala dal cinque di aprile. Sono passati ottantanove giorni da quando il mondo di fatto ha smesso di esistere, preda spopolata e degradata alla mercé di mostri alieni terribili e assassini che vengono attirati dai rumori, detonatori della loro ferocia. Resiste solo uno sparuto barlume di umanità costretta al silenzio più totale, una famiglia, composta da madre, padre e tre figlioletti, due maschi e una femmina. Non udente. Dopo un’ulteriore tragedia ci ritroviamo in una romita fattoria al giorno quattrocentosettantadue di questa personalissima Odissea imperniata su vari temi come la nascita, l’amore, la morte, il perdono e, appunto, la dialettica sonoro/silenzio, anche mediante la lingua dei segni. E… L’idea di base è molto forte, la realizzazione è assai buona sotto ogni aspetto, la tensione è altissima, il ritmo è incalzante e teso, la resa è angosciante: John Krasinski, anche interprete, insieme a Emily Blunt, Noah Jupe, Millicent Simmonds, Cade Woodward e Leon Russom, tutti bravi, filma un thriller/horror da non perdere.

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...